Italia: mercato nero oltre il 10% del PIL

I numeri dell’economia sommersa e illegale in Italia nei dati pubblicati dall’Istat: oltre un decimo del PIL non viene dichiarato.

Italia: mercato nero oltre il 10% del PIL

Scende il volume dell’economia sommersa in Italia, ma il mercato nero vale oltre il 10% del PIL.

Lo riferisce l’Istat in un report pubblicato sul proprio sito ufficiale, in cui viene documentata la situazione del nostro Paese durante il 2018.

Mercato nero oltre il 10% del PIL italiano

L’analisi mostra quindi una flessione di circa 3 miliardi di euro, passando da 194,965 a 191,764 miliardi, insieme ad un minor impatto sul PIL nazionale, con la percentuale che dall’11,2% del 2017 passa al 10,8%.

Aumentano in termini assoluti, seppur di poco, le attività illegali che da 18,896 miliardi di euro toccano la cifra di 19,238 miliardi, mantenendo invariata all’1,1% l’incidenza sul Prodotto Interno Lordo.

In totale, l’economia non osservata, ovvero la somma di tutte le attività economiche non rilevate dallo Stato, tra cui sottodichiarazioni, lavoro irregolare e vendita di prodotti e servizi illeciti, si attesta per il 2018 su 211,002 miliardi contro i 213,862 miliardi dell’anno precedente.

Un calo che prosegue dal 2014, anno in cui era stato raggiunto uno dei valori massimi per il sommerso del Belpaese, ovvero il 13% sul PIL globale italiano.

Al tempo stesso si assiste ad una diminuzione di lavoratori senza regolare contratto dell’1,3%, pari a 48 mila unità, per una somma di 3,652 milioni persone impiegate in forma abusiva, con un incremento dello 0,4% osservato unicamente nel settore dell’agricoltura.

In aumento il business di stupefacenti

Il settore in cui si addensa la maggiore percentuale di sommerso è il terziario, con particolare concentrazione nelle attività commerciali, dei trasporti, di alloggio e ristorazione. L’insieme di questi business vale oltre il 40%, con un valore aggiunto generato pari al 21,3% del volume totale.

Per quanto riguarda il giro di affari derivanti da attività illecite, il business con il più elevato grado di aumento è legato agli stupefacenti. Con 14,7 miliardi di euro totali, si è osservato infatti un aumento di 0,3 miliardi di euro in un anno ed un tasso di crescita medio del 3,5% dal 2015.

Economia sommersa in calo

Una serie di cifre, queste elencate, che ci comunicano come tutte le attività produttive non rilevate dallo Stato centrale, e i ricavati che ne derivano, stiano subendo anno dopo anno una decrescita, soprattutto dal picco raggiunto nel 2014.

Tuttavia, si tratta di percentuali ancora alte e che rappresentano da sole più di un decimo del prodotto nazionale.

Inoltre, queste causano pesanti squilibri per il reperimento delle risorse per i servizi di spesa pubblica, come ospedali, scuole e redistribuzione del reddito, necessari per far fronte a situazione di crisi, come quella legata al coronavirus che stiamo affrontando negli ultimi mesi.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO