Imprenditori agricoli: mutui agevolati e bonus fiscali. Il ritorno alle campagne conviene, soprattutto ai giovani

Imprenditori agricoli, può sembrare anacronistico eppure è boom. Il ritorno alle campagne, soprattutto per chi ha meno di 40 anni, è un’opzione sempre più praticata, e il Governo italiano sembra essere intenzionato a dare una mano: lo ha fatto con il progetto Campolibero, destinato a chi vuole buttarsi a capofitto in un’attività imprenditoriale nel settore dell’agricoltura. Ecco i mutui agevolati e i bonus fiscali previsti.

Imprenditori agricoli, in arrivo mutui agevolati e bonus fiscali. In un contesto dove la disoccupazione è un problema sempre più drammatico, il ritorno alle terre dei nostri antenati sembra essere una scelta tutto sommato percorribile. Una consapevolezza della quale sembra essere edotto anche il Governo italiano, il quale, attraverso il progetto Campolibero, destinato proprio a chi vuole avviare un’attività d’impresa nel settore, introduce tutta una serie di agevolazioni molto interessanti.

I finanziamenti stanziati con la legge di Stabilità

Nell’ottica di questa strategia di incentivi, la legge di Stabilità per il 2015 stanzia una somma pari a 30 milioni di euro per un triennio (quindi 10 milioni ogni 12 mesi) per la concessione di mutui senza interessi alle aziende agricole i cui soci hanno un’attività compresa tra i 18 e i 40 anni. Deve essere tenuto bene a mente, però, che questi finanziamenti avranno una durata massima di dieci anni e copriranno fino al 75 per cento del valore dell’investimento, per un importo massimo che non potrà, in nessun caso, superare il milione e mezzo di euro.

Altri fondi disponibili

Non è solo la legge di Stabilità, tuttavia, a dare una mano agli aspiranti imprenditori agricoli. Altri mutui agevolati di durata triennale vengono già concessi, attualmente, dall’istituto pubblico Ismea per il primo insediamento dei giovani nel settore. In pratica, viene sovvenzionato l’acquisto di terreni da parte di cittadini con meno di 40 anni che abbiano intenzione di avviare un nuovo business legato alla coltivazione.

Gli sconti fiscali

Ma non si sono solo i classici mutui a dare un’importante boccata d’ossigeno al comparto agricolo, esistono anche importanti agevolazioni fiscali. Ad esempio, chi ha meno di 35 anni e prende in affitto una superficie agricola per la propria attività può godere di una detrazione d’imposta del 19 per cento sui canoni versati. Non vanno, poi, dimenticati anche gli sgravi, pari a un terzo delle retribuzioni lorde pagate, a vantaggio di chi assume un giovane agricoltore con meno di 35 anni a tempo indeterminato o con un contratto a termine, purché di durata non inferiore a un triennio.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti

Argomenti:

Fisco e Tasse

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.