Imposta di registro 2014, acquisto della prima casa: nuovi importi e aliquote

Dal 1 gennaio 2014 sono scattate le novità sull’imposta di registro, l’imposta ipotecaria e quella catastale per l’acquisto di prima casa. Cosa è cambiato? Ecco i nuovi importi e le nuove aliquote.

Il 2014 si è aperto con tante novità sul tema delle tasse sulla casa. In particolare, dal 1 gennaio 2014 una mini rivoluzione interesserà l’imposta di registro, nonché l’imposta ipotecaria e catastale. Cosa cambia?

Imposta di registro 2014: acquisto prima casa

Innanzitutto occorre fare una distinzione tra l’acquisto di un immobile (prima casa) da un’impresa o da un privato.

Nel primo caso (impresa/costruttore), l’imposta di registro (così come anche l’imposta ipotecaria e l’imposta catastale) sale da 168 euro a 200 euro (anche se non è prima casa).

Nel secondo caso (privato):

  • l’imposta di registro scende al 2% (dal 3%) con un importo minimo pari a 1.000 euro (per tutti gli altri casi, non acquisto di prima casa, l’aliquota sarà del 9%);
  • per l’imposta ipotecaria e l’imposta catastale l’importo è pari a 50 euro (ognuna).

Tasse casa 2014

Qual è lo scenario attuale sulle tasse sulla casa?

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter "Fisco"

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Potrebbero interessarti

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

1 mese fa

Imu e Tasi 2017: ravvedimento operoso e sanzioni

Imu e Tasi 2017: ravvedimento operoso e sanzioni

Commenta

Condividi

Francesco Oliva

Francesco Oliva

1 mese fa

Scadenza Tasi IMU oggi 18 dicembre 2017

Scadenza Tasi IMU oggi 18 dicembre 2017

Commenta

Condividi

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

1 mese fa

Importo minimo Imu e Tasi 2017: non si paga sotto i 12 euro, ma attenzione al calcolo

Importo minimo Imu e Tasi 2017: non si paga sotto i 12 euro, ma attenzione al calcolo

Commenta

Condividi