IMU più bassa a chi pianta fiori: dove e come funziona

7 Luglio 2021 - 13:55

7 Luglio 2021 - 15:04

condividi

Chi pianta i fiori preferiti dalle api, favorendo la tutela di questi insetti e la biodiversità, potrà ricevere uno sconto sull’IMU. Ecco come funziona l’iniziativa di un Comune della Toscana.

IMU più bassa a chi pianta fiori: dove e come funziona

Sconti sull’IMU, l’imposta municipale unica, per chi pianta fiori e contribuisce a tutelare la biodiversità e salvaguardare le api. È questa l’iniziativa che un Comune della Toscana intende inserire nel proprio regolamento del verde.

L’idea nasce sulla base di quanto già avviene nei Paesi più virtuosi del Nord Europa, in particolare in Olanda e in Danimarca, e ha come obiettivo principale quello di aumentare il numero di piante e fiori preferiti dalle api in modo da aiutarle nella fondamentale operazione dell’impollinazione, ricevendo in cambio una riduzione del costo dell’IMU.

Sconto sull’IMU a chi pianta fiori: dove e come funziona l’iniziativa

Il Comune di Capannori, in provincia di Lucca, è al lavoro per inserire nel proprio regolamento uno sconto sull’IMU per i cittadini che destineranno una parte dei propri spazi verdi, indicativamente tra il 5 e il 10%, alla coltivazione dei fiori che le api preferiscono.

Il numero delle api, degli insetti fondamentali per la biodiversità del nostro pianeta, sta diminuendo sempre più e questo potrebbe comportare la scomparsa di moltissime tipologie di piante e alberi di frutto, oltre che del miele. Proprio per questo motivo, il primo cittadino di Capannori, Luca Menesini, ha deciso di correre ai ripari, promuovendo un’iniziativa a favore di questi fondamentali insetti. In sostanza, nel prossimo regolamento del verde privato che verrà approvato a settembre, sarà previsto un incentivo che prevede uno sconto sull’IMU per i cittadini che si impegneranno a far prosperare alcuni tipi di fiori nei propri terreni non riconducibili all’abitazione principale.

L’ufficialità della notizia arriva anche dall’assessore Davide Del Carlo, che come riporta La Nazione, ha affermato: “Sì, è così. Daremo un premio, un incentivo a chi aderirà a questo progetto che si configurerà in un regolamento concreto, quello del verde appartenente ai cittadini”.

Gli altri progetti green del Comune

Il Comune di Capannori è particolarmente attento alle tematiche green, tanto che ha già attivato diverse politiche per incentivare il riuso e favorire i comportamenti ecologici. A breve infatti partirà il “Progetto ECO”, un’iniziativa rivolta a bar, pasticcerie e gelaterie che prevede uno sconto del 10% sulla parte variabile della tariffa rifiuti degli esercizi “che puntano sulla sostenibilità nella gestione dei rifiuti e nei servizi offerti al cliente”, osservando delle “buone pratiche contenute in un apposito decalogo”, ad esempio favorendo la raccolta differenziata con appositi contenitori o riducendo l’utilizzo di prodotti in plastica.

L’obiettivo del Comune di Capannori inoltre è quello di diventare la “capitale” europea del riuso, prevenendo e diminuendo ancora di più la produzione dei rifiuti.

Argomenti

# IMU

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Iscriviti a Money.it

Money Stories