IMU 2020, non sempre si paga: l’importo minimo cancella il versamento

IMU 2020, qual è l’importo minimo sotto il quale non si paga? Non cambiano le regole: la tassa unica sulla casa non è dovuta se non supera i 12 euro. Tutte le regole per capire quando si applica l’esenzione totale.

IMU 2020, non sempre si paga: l'importo minimo cancella il versamento

IMU 2020, importo minimo per il versamento: anche la nuova tassa unica sulla casa conserva l’esenzione totale sotto una certa soglia.

La prima scadenza della nuova IMU è fissata al 16 giugno 2020, termine entro il quale bisognerà versare l’acconto dell’imposta complessivamente dovuta. Il calcolo, in via eccezionale, dovrà essere effettuato considerando la metà di quanto pagato lo scorso anno a titolo di IMU e TASI, in attesa delle nuove aliquote approvate dal Comune.

Se l’importo dovuto non supera i 12 euro è previsto l’esonero totale dal pagamento IMU 2020. Attenzione però ad alcuni aspetti da considerare.

L’importo minimo IMU al di sotto del quale non si paga deve essere considerato solo in base all’acconto o sul totale? E come comportarsi per gli immobili in cui vi sono più soggetti obbligati a pagare?

Ecco tutte le regole da conoscere per arrivare preparati alla scadenza del 16 giugno 2020.

IMU 2020, non sempre si paga: l’importo minimo cancella il versamento

L’importo minimo dell’IMU 2020 al di sotto del quale non si paga è fissato a 12 euro, somma che però ogni Comune può ridurre ulteriormente mediante delibera.

Per capire chi non paga l’IMU bisognerà quindi prendere come riferimento il regolamento stabilito dal proprio Comune. In mancanza di indicazioni specifiche si dovrà considerare la soglia dei 12 euro.

L’importo minimo deve essere considerato non in base alla singola rata ma al totale dell’IMU dovuta per il 2020. Sarà quindi necessario che sia la prima rata di giugno che quella dovuta a dicembre non superino la soglia di cui sopra.

Se invece l’acconto IMU da pagare entro il 16 giugno 2020 risulti inferiore ai 12 euro, si potrà differire il versamento del totale dell’imposta dovuta alla scadenza del saldo, fissata al 16 dicembre.

In pratica con il saldo IMU 2020 si dovrà pagare l’importo complessivo al lordo della rata di acconto inferiore al minimo.

Si fa presente, inoltre, che l’importo minimo dovrà essere considerato in relazione alla somma complessiva dell’IMU 2020 (comprensiva della quota TASI a proprio carico, sulla base di quanto dovuto nel 2019) a carico del contribuente, ovvero per tutti gli immobili o terreni per i quali si è soggetti al pagamento.

Importo minimo IMU 2020: come si calcola?

Il calcolo dell’acconto IMU 2020 dovrà essere effettuato considerando quanto pagato nel 2019, anche per la TASI.

L’eliminazione della TASI e l’unificazione dell’imposta sugli immobili nella nuova IMU porta quindi ad una sorta di periodo ponte, in attesa delle nuove delibere da parte dei comuni.

Nel calcolo dell’importo minimo confluiscono quindi ambedue le imposte pagate lo scorso anno.

Prendiamo quindi come esempio un contribuente che in sede di versamento dell’acconto IMU 2020 si trova a dover pagare un’imposta pari a 10 euro.

In tal caso, nel rispetto della regola generale, non è obbligatorio il versamento dell’importo dell’acconto della nuova IMU in quanto inferiore al limite di 12 euro previsto per legge.

Questo, tuttavia, non esonera il contribuente dal versamento di saldo e conguaglio, nel caso in cui il totale dovesse risultare superiore al limite di 12 euro su base annua (oppure del diverso importo previsto dal proprio Comune).

Riassumendo quindi, se l’imposta annua dovuta risulti superiore ai 12 euro minimi, allora sarà necessario versare in un’unica soluzione acconto e saldo dovuto.

IMU 2020, calcolo dell’importo minimo tra più contribuenti

Nel caso di immobile per il quale sono tenuti al versamento IMU 2020 più contribuenti, la regola relativa all’importo minimo dovrà essere rapportata a ciascuna obbligazione tributaria.

In sostanza, se vi sono 4 soggetti obbligati in relazione ad un unico immobile e qualora l’importo delle imposte su base annua risulti essere pari a 40 euro, nessuno sarà tenuto a pagare in quanto la quota addebitata risulterà essere inferiore al limite minimo per il versamento.

Attenzione però: l’importo minimo IMU è da calcolarsi non in relazione al singolo immobile ma alla somma totale da versare al Comune in relazione a tutte le abitazioni per le quali si risulta essere titolari di obbligazione tributaria.

Argomenti:

IMU Modello F24

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories