Green pass, multe clienti e datori di lavoro: cosa cambia dal 6 dicembre

Alessandro Cipolla

3 Dicembre 2021 - 08:21

condividi

Il Viminale ha reso nota la circolare con cui si esplicitano le multe a clienti e datori di lavoro nel caso in cui non vengano rispettati i dettami dell’ultimo decreto sul green pass varato dal CdM.

Green pass, multe clienti e datori di lavoro: cosa cambia dal 6 dicembre

Nuovo decreto green pass rafforzato, ecco le linee guida per quanto riguarda le multe e i controlli da parte delle Forze dell’Ordine. Con una circolare il Ministero dell’Interno ha chiarito gli ultimi dettagli del nuovo decreto.

A partire da lunedì 6 dicembre entreranno in vigore le nuove regole relative al green pass “base” e a quello che è stato ribattezzato come il green pass “rafforzato”, il tutto per cercare di contenere questa quarta ondata Covid che sta mettendo in ginocchio il Vecchio Continente.

L’über alles del Governo è il cercare in ogni modo di spingere i non vaccinati a sottoporsi alla somministrazione, con le prime dosi che negli ultimi giorni sono aumentate mano a mano che si avvicina la fatidica data del 6 dicembre.

L’obiettivo di Palazzo Chigi è di accelerare nelle prime e terze dosi grazie a questa stretta sul green pass, con il Viminale che ha appena messo nero su bianco quelle che saranno le multe per clienti e datori di lavori che non rispetteranno i dettami dell’ultimo decreto.

Green pass: le multe a clienti e gestori

Come noto dal 6 dicembre al 15 gennaio sarà in vigore il decreto licenziato dal Governo lo scorso 26 novembre per fronteggiare l’emergenza Covid. Un nuovo pacchetto di misure che è stato deciso per cercare di salvaguardare il periodo delle Feste.

Su spinta di molti Presidenti di Regione, alla fine si è scelto di caricare le restrizioni soprattutto sulle spalle dei non vaccinati a partire anche dalla zona bianca.

Il nuovo decreto andrà a introdurre tre importanti novità: l’obbligo vaccinale per alcune categorie di lavoratori (docenti, personale amministrativo sanitario e scolastico, Forze dell’Ordine e militari), l’estensione del green pass al trasporto pubblico e agli hotel e l’introduzione del green pass rafforzato, che impedirà a chi è senza vaccino o non è un guarito di accedere a stadi, eventi e in una serie di luoghi al chiuso come bar e ristoranti.

Ma chi controllerà che queste nuove linee guida siano rispettate? Con una circolare che potete trovare nella sua versione completa e in PDF in calce all’articolo, il Ministero dell’Interno ha chiarito ogni dubbio.

Nel testo si legge che i controlli saranno effettuati dalle Forze dell’Ordine e dalla Polizia Locale, con i prefetti che ogni settimana dovranno inviare al Viminale un dettagliato rapporto dell’attività svolta. Nei locali in particolare dovrebbe essere impiegata la Guardia di Finanza.

C’è poi il capitolo delle multe. I clienti sprovvisti di green pass rischiano di dover sborsare tra i 400 e i 1.000 euro. In caso di un certificato verde contraffatto, si potrebbe incorrere anche in una denuncia per falso.

Per i gestori dei locali che non effettuano controlli sul green pass base o su quello rafforzato, la multa è sempre dai 400 ai 1.000 euro. Alla terza sanzione in tre giorni differenti, per il locale può scattare la chiusura per dieci giorni.

Decreto-legge 26 novembre 2021
Circolare Ministero dell’Interno

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Multe
# multa

Iscriviti a Money.it