;

Come si legge un grafico? Guida all’uso nell’analisi tecnica

icon calendar icon person
Come si legge un grafico? Guida all'uso nell'analisi tecnica

Guida all’uso dei grafici all’interno dell’analisi tecnica. Come si leggono e come funzionano? Modalità di utilizzo in una guida semplice e completa.

Per chi segue l’analisi tecnica, a prescindere dall’indicatore tecnico che viene usato, la base fondamentale è lo studio dei grafici.
Ma come si legge correttamente un grafico e come utilizzarlo al meglio nel creare la nostra strategia di investimento?

Un grafico può cambiare a seconda delle aspettative e prerogative dell’operatore e del tipo di operatività che vuole fare.
Le tre modalità di grafici più utilizzati, dove spesso poi viene applicato l’indicatore DMI, sono:

  • grafico intraday con base oraria;
  • grafico giornaliero;
  • grafico settimanale.

Queste tre modalità di grafici possono essere utilizzate singolarmente, oppure in modo complementare per creare un’analisi tecnica di medio periodo - e non solo di breve.

Ecco una guida su come funzionano i grafici e come usarli al meglio

Come leggere il grafico settimanale

Questo tipo di grafico è generalmente quello più indicato per determinare la tendenza di un titolo sul medio periodo, dato che ogni barra corrisponde ad una settimana ed in genere si visualizza a 3 o 5 anni.

Il grafico settimanale è molto utile nella determinazione delle linee di trend (linee bianca tratteggiata) dato che vengono esclusi tutti i movimenti giornalieri ed è particolarmente adatto all’ottica d’investimento di medio periodo.

Come leggere un grafico giornaliero

Il grafico giornaliero è quello più utilizzato dagli operatori, dove ogni candela rappresenta un giorno.

Questo tipo di grafico si presta particolarmente per la scelta dei titoli azionari poiché attraverso l’operatività giornaliera è più facile delimitare livelli d’ingresso e uscita oltre che è più facile seguire l’andamento (linee bianche tratteggiate).

Con il grafico giornaliero si stabilisce se quel titolo può essere comprato o meno, si determinano i livelli di stop-loss e anche i vari target price sia di breve ma anche di medio periodo.

Generalmente viene visualizzato a 6 o 12 o 18 mesi.

Come leggere un grafico intraday orario

Per chi vuole operare intraday, senza però essere uno scalper che usa il grafico ad un minuto, questa tipologia di grafico è la più adatta dato che ogni candela corrisponde ad un ora.

Generalmente viene visualizzato a 1 o 3 o 6 mesi per avere un quadro più ampio e come grafico è anche utile a chi non pratica la speculazione intraday ma quella classica poiché dall’analisi di questo grafico si possono delimitare i momenti d’ingresso o uscita.

Per la speculazione intraday si può procedere attraverso l’individuazione di supporti e resistenze come per qualunque altro tipo di grafico (linee tratteggiate bianche) mentre se vogliamo analizzarlo per determinare il livello d’ingresso allora oltre ai supporti e resistenze, dovremo guardare con maggiore attenzione le fasi di accumulo come quella evidenziata nel riquadro celeste.

Quale usare e quando?

Riassumendo, per effettuare una buona analisi tecnica che abbia magari anche un’ottica di più lungo respiro possiamo utilizzare i grafici sopracitati nei seguenti modi:

  1. il grafico giornaliero per la scelta del titolo, la determinazione di supporti e resistenze;
  2. il grafico intraday orario per la determinazione del momento d’ingresso o di uscita;
  3. il grafico settimanale per la determinazione del trend e di eventuali target price più lontani.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Analisi tecnica

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]