Sebbene i test pre-stagionali abbiano fatto intuire che il 2020 della Ferrari sarebbe stato difficile, nessuno si immaginava un inizio così drammatico di questa stagione di Formula 1 per il team del cavallino rampante. Dopo 3 Gran Premi la differenza tra Mercedes e Ferrari è a dir poco imbarazzante e ovviamente i vertici della società di Maranello, rappresentati dal Presidente John Elkann e dall’amministratore delegato Louis Camilleri, non hanno per niente apprezzato le prestazioni delle monoposto Ferrari in pista.

Ecco chi sono i primi tecnici che potrebbero saltare in Ferrari a causa del disastroso inizio di stagione

Dunque se a breve la situazione non verrà migliorata nettamente ci sarebbero molti posti a rischio in Ferrari. Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato di Mattia Binotto che rischia seriamente di non finire la stagione. Al suo posto sarebbe già stato allertato Antonello Coletta, attuale responsabile del programma GT del cavallino rampante.

Ma a quanto pare non sarebbe solo Mattia Binotto a rischiare il posto in Ferrari. Nelle scorse ore la Gazzetta dello Sport ha fatto altri nomi di tecnici della scuderia di Maranello che presto potrebbero venire sostituiti a causa dei gravi problemi che la monoposto SF1000 sta mostrando in questa stagione di Formula 1. Si tratterebbe in primis del responsabile del team di sviluppo aerodinamico David Sanchez e del capo del progetto relativo alla SF1000, Enrico Cardile.

Addirittura si dice che l’allontanamento di Sanchez e Cardile sarebbe ancora più imminente di quella di Mattia Binotto che nelle più recenti interviste ha lasciato intendere come i responsabili della disfatta del cavallino rampante siano da cercare all’interno della squadra proprio nelle aree che hanno mostrato le maggiori carenze. Binotto infatti ha ammesso senza mezzi termini che la SF1000 ha grosse difficoltà in special modo nei rettilinei ma anche in curva. Vedremo dunque come si evolverà la situazione in casa Ferrari nei prossimi giorni.