Dopo un 2019 deludente e un 2020 che è iniziato in maniera assai peggiore, il posto di Mattia Binotto alla guida del team Ferrari in Formula 1 non sembra essere più così sicuro. Infatti nelle ultime ore si stanno moltiplicando le indiscrezioni sul futuro della Ferrari in Formula 1 e su una eventuale sostituzione del team principal del cavallino rampante. Questo nel caso in cui nei prossimi mesi Binotto non riuscisse a venire a capo della grave crisi in cui è piombata la sua squadra culminata con il doppio ritiro dei suoi piloti nel primo giro del Gran Premio di Formula 1 della Stiria di domenica scorsa.

L’addio di Mattia Binotto alla Ferrari sembra sempre più vicino: ecco chi potrebbe essere il sostituto

Secondo quanto anticipato da Il Corriere della Sera, se la situazione non dovesse migliorare già nel corso dei prossimi mesi, John Elkann e Louis Camilleri, rispettivamente Presidente e Amministratore delegato della Ferrari sarebbero pronti a intervenire drasticamente.

Per l’eventuale sostituzione di Mattia Binotto circola il nome di Antonello Coletta, attuale responsabile delle competizioni Gt. Secondo i soliti bene informati, la situazione in casa Ferrari potrebbe precipitare già dopo il prossimo Gran Premio d’Ungheria nel caso in cui la squadra non riuscisse a mostrare una reazione dopo il deludente week end della scorsa settimana.

Al momento però la situazione della Ferrari sembra davvero difficile. Infatti a parte le beghe relative ai piloti che Binotto non sembra per il momento riuscire a tenere a bada, il problema principale sembra essere la monoposto SF1000.

Dopo l’accordo segreto tra FIA e Ferrari della fine dello scorso anno, sono diventate palesi le difficoltà delle monoposto del cavallino rampante che probabilmente hanno dovuto subire delle modifiche importanti al proprio motore per non dover essere squalificate.

Questo però ha provocato non pochi problemi, in quanto aerodinamica e telaio erano stati progettati sui livelli di potenza della vecchia power unit. Vedremo dunque come si evolverà la situazione in casa Ferrari nelle prossime settimane.