Facebook diventerà una banca? Via libera a emissione di moneta virtuale nella UE

Antonio Atte

24/11/2016

24/11/2016 - 14:34

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Facebook diventerà una banca? La Central Bank of Ireland ha autorizzato il social network a emettere moneta virtuale anche nell’Unione europea. Ecco cosa cambia.

Facebook diventerà una banca? L’intenzione del colosso di Palo Alto sembra essere proprio questa. La Banca centrale irlandese ha infatti dato a Facebook l’autorizzazione a emettere moneta elettronica anche nella UE, come già avviene negli Stati Uniti.

Grazie al via libera della Central Bank of Ireland - atteso da due anni - il social network potrà offrire ai suoi iscritti la possibilità di trasferire moneta elettronica nei vari Stati della UE e di aprire un conto per effettuare acquisti online. Il tutto senza bisogno di attendere le autorizzazioni dai singoli Paesi membri.

Attualmente il social network fondato da Mark Zuckerberg già agisce come una sorta di banca virtuale negli USA, con pagamenti effettuati tramite apposite app, come i giochi Farmville e Candy Crush, dai quali Facebook trattiene una percentuale sugli incassi pari al 30%.

Con l’ok della Banca centrale d’Irlanda - Paese nel quale i giganti californiani del web hanno da tempo installato i loro quartieri generali nel Vecchio Continente - questo sarà possibile anche in Europa.

Facebook: come funzionerà la banca virtuale

Ma come potrebbe funzionare la banca del colosso dei social? Già nel 2012 Zuckerberg provò a lanciare i Facebook Credits, una sorta di e-currency destinata esclusivamente alle app interne al social network (come appunto i giochi): il progetto però non andò mai in porto.

Questa volta Facebook intende andare oltre e creare un sistema che consenta alla piattaforma di raccogliere e conservare il denaro versato dai clienti in un conto corrente virtuale, in modo da utilizzare questi soldi non solo all’interno ma anche all’esterno del perimetro del social network.

Facebook e il modello money transfer

Il modello di riferimento è quello dei money transfer, circuiti alternativi alle banche che consentono l’invio di denaro in qualsiasi parte del mondo (Western Union e Money Gram sono due delle principali catene internazionali).

Così facendo, Facebook potrebbe intercettare parte di quell’enorme flusso di denaro che scorre verso i paesi dell’Est Europa e dell’Africa, dai quali provengono i lavoratori che si trasferiscono nella UE per lavorare e mandano regolarmente i soldi a casa.

Rimanendo in tema di e-currency, recentemente Cecilia Skingsley, vicepresidente della Riksbank, la banca centrale svedese, ha confermato che l’istituto potrebbe diventare presto la prima banca al mondo a emettere moneta digitale, alla quale è già stato dato un nome: ekrona.

Il progetto di moneta elettronica finora più riuscito è rappresentato dal bitcoin, sistema nato nel 2009 che si basa sul trasferimento di valuta tra conti pubblici utilizzando crittografia a chiave pubblica.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.