FESI Polizia: i sindacati svelano la data di pagamento

Polizia di Stato: secondo indiscrezioni raccolte dal Coisp il FESI per le spettanze del 2018 sarà pagato a giugno. Bisognerà attendere, invece, per l’indennità per servizi serali e notturni per la tutela del territorio.

FESI Polizia: i sindacati svelano la data di pagamento

Il Coisp - sindacato indipendente di Polizia - ha fatto chiarezza sulla data di pagamento delle spettanze erogate con il FESI, Fondo per l’efficienza dei servizi istituzionali.

Ricordiamo a tal proposito che eccezionalmente quest’anno il FESI - relativo alle competenze dell’anno 2018 - verrà pagato in due diverse tranche: con la prima saranno accreditati gli importi per le indennità riconosciute anche negli scorsi anni, mentre con la seconda è previsto il pagamento della nuova indennità riconosciuta - a partire dal 2019 - grazie all’aumento di risorse: quella per i servizi serali e notturni, per la quale non sono stati ancora ufficializzati gli importi.

Nelle scorse settimane era stato pronosticato luglio come il mese utile per il pagamento della prima parte del FESI, con l’indennità per i turni serali che invece sarebbe stata accreditata solamente alla fine dell’anno; secondo quanto riportato in anteprima dal Coisp, però, in seguito alle numerose richieste di sollecito pervenute l’amministrazione ha deciso di anticipare i tempi.

Quando arriva il FESI per la Polizia di Stato: data svelata dal sindacato

Secondo quanto riportato dal sindacato indipendente, l’amministrazione avrebbe deciso di anticipare i tempi di pagamento del FESI, con le indennità che saranno pagate nel mese di giugno (molto probabilmente contestualmente con lo stipendio).

In questa prima fase di pagamento ci sarà l’accredito delle spettanze previste per le seguenti indennità:

  • indennità di reperibilità: spettante al personale obbligato a mantenere e a quello chiamato ad intervenire per eccezionali, imprevedibili e non altrimenti risolvibili esigenze di servizio. L’importo spettante è di 17,50€per ogni turno di reperibilità;
  • cambio turno: 8,70€ riconosciuto per ogni occasione, mentre per i reparti mobili viene assegnato un forfettario pari a 610€ annui;
  • indennità per turno di alta montagna: servizi prestati in località situate oltre i 1.500 metri dal livello del mare. L’importo è di 6,40€ per ogni giorno di servizio;
  • indennità di produttività: per ogni presenza effettiva spettano 4,44€(importo aumentato con l’accordo dello scorso anno).

Successivamente poi verrà pagata l’indennità per i servizi prestati dagli appartenenti della Polizia di Stato impiegati per la tutela del territorio, ma solo quelli svolti negli orari serali e notturni. In questo caso, infatti, bisognerà aspettare prima la conclusione dei rilevamenti dei servizi svolti che meritano di essere indennizzati, prevista probabilmente per la fine di luglio 2019. La seconda - e ultima - parte del FESI della Polizia di Stato, quindi, potrebbe essere pagata tra settembre e ottobre, prima di quanto era stato ipotizzato inizialmente (dicembre 2019).

D’altronde solo al termine della rilevazione potranno essere stabiliti gli importi: in base a quanti saranno i servizi da indennizzare si potrà decidere come distribuire i 10 milioni di euro a disposizione in più per quest’anno.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Polizia di Stato

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.