Elezioni regionali Calabria 2021, quando si vota? Data, candidati e sondaggi

Alessandro Cipolla

5 Marzo 2021 - 13:31

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Elezioni regionali Calabria 2021: chi sono i possibili candidati, cosa dicono i sondaggi e la data dopo lo slittamento all’autunno a causa dell’emergenza sanitaria in corso.

Elezioni regionali Calabria 2021, quando si vota? Data, candidati e sondaggi

Elezioni regionali Calabria 2021: si tornerà alle urne dopo il voto del gennaio 2020, quando si era nettamente imposta la candidata del centrodestra Jole Santelli di recente tragicamente venuta a mancare.

Al momento la Regione è retta dal vice Nino Spirlì, che deve fare i conti con l’emergenza coronavirus visto che la Calabria in questa seconda e terza ondata è stata molto più colpita rispetto alla prima.

Dopo che inizialmente era stata scelta come data quella del 14 febbraio, poi spostata all’11 aprile, adesso il CdM a causa della situazione sanitaria ha deciso per uno slittamento in autunno.

Aspettando i sondaggi, i partiti stanno cercando di capire su quali candidati puntare: per il centrodestra si parla del deputato forzista Roberto Occhiuto, mentre nel centrosinistra dove c’è da registrare la scesa in campo di Luigi De Magistris, si valuta il giovane Nicola Irto anche se ci potrebbe essere un dialogo con il Movimento 5 Stelle.

Elezioni regionali Calabria: la data

Con la prematura morte di Jole Santelli, la guida della Calabria è passata ora ad Antonino Spirlì, assessore regionale della Lega e inizialmente vice-presidente della Regione.

In teoria quella di Spirlì doveva essere una presidenza ad interim e di breve durata, visto che il regolamento regionale prevede delle nuove elezioni entro due mesi.

Inizialmene così le elezioni regionali in Calabria erano state fissate per il 14 febbraio, slittate all’11 aprile e poi, sempre per volere del CdM, rimandate al prossimo autunno.

In Calabria così si voterà in una data compresa tra il 15 settembre e il 15 ottobre, con le voci che parlano di una probabile scelta del 10 e 11 ottobre. Così come avvenuto nel 2020, appare scontato un accorpamento con le elezioni amministrative.

I candidati

Il centrodestra sta cercando di scuotersi dopo lo shock della prematura morte di Jole Santelli. La coalizione comunque dovrebbe essere sempre compatta ma ancora resta da capire chi potrebbe essere il candidato.

Silvio Berlusconi ha provato a giocare d’anticipo annunciando Roberto Occhiuto come candidato, ma ancora gli alleati non avrebbero dato il loro disco verde al deputato di Forza Italia e fratello del sindaco di Cosenza Mario Occhiuto.

Nel centrosinistra aleggia sempre la figura dell’ex presidente Mario Oliverio, con il Partito Democratico che ha scelto di puntare su Nicola Irto, attuale consigliere regionale, anche se ancora mancherebbe l’ufficialità.

In ballo infatti c’è pure la candidatura da parte di Luigi De Magistris, che dovrebbe essere alla guida di una coalizione civica civica dove potrebbero entrare anche le liste di Carlo Tansi.

Nel centrosinistra si starebbe ancora lavorando per dare vita a un fronte unitario, con il sindaco di Napoli che starebbe dialogando anche con il Movimento 5 Stelle, con i pentastellati che hanno sempre aperta una porta anche con il Partito Democratico visto che al momento non sembrerebbe esserci la volontà di una corsa in solitario.

Chi invece ha annunciato la sua candidatura con un video sui propri canali social è Vittorio Sgarbi, con il deputato e critico d’arte che si presenterà con il suo Rinascimento.

Iscriviti alla newsletter