Ego International e la truffa in Cina: come evitarla

Ego International illustra la truffa più comune sul mercato cinese. Sei un imprenditore? Leggi l’articolo per capire come evitarle.

Ego International e la truffa in Cina: come evitarla

La truffa che Ego International vuole smascherare è quella relativa al mercato cinese e riguarda prevalentemente il settore B2B.
La truffa che Ego International ha riscontrato più di frequente in anni di esperienza sul campo export è quello del contatto via internet per poi portare l’azienda italiana in Cina a firmare l’accordo.

La truffa che Ego International evidenza è quella relativa ad aziende italiane che si trovano a dover sostenere un viaggio in Cina per concludere un accordo. Una volta arrivati e seduti al tavolo della contrattazione il negoziatore sembrerà piuttosto arrendevole e disponibile ad accettare tutte le condizioni preposte dalla parte italiana. In questo caso siamo di fronte, secondo Ego International, ad un tentativo di truffa: deve suonare un campanello d’allarme quando la trattativa è troppo semplice. È noto, infatti, che i negoziatori cinesi siano piuttosto pazienti e risoluti nelle proprie negoziazioni.
I potenziali truffati che Ego International vuole mettere in guardia rischiano di perdere ingenti somme (3.000 o 4.000 euro) solo come richiesta di anticipo per qualche operazione burocratica o come acconto.

Come sostiene Ego International la truffa continua anche in Italia. Questo perché il sedicente cliente sarà irraggiungibile.
Ego International, per evitare ulteriori truffe, consiglia di rivolgersi sempre alla Polizia postale ed informare l’ufficio economico-commerciale dell’ambasciata d’Italia in Cina per approfondire il monitoraggio della truffa e cercare di arginarla il più possibile.

La seconda truffa che Ego International illustra e che si realizza su questo nuovo mercato è il pagamento su diverso conto corrente. In questo caso, il venditore è la controparte cinese e l’imprenditore italiano intende acquistare.
Una volta avvenuto il contatto, il venditore richiede il pagamento della merce su un conto corrente intestato ad altri perché il proprio bloccato. La truffa sta per compiersi. Il pagamento avviene sul nuovo conto indicato ed il compratore non riceverà mai la merce.
Una volta contattato il truffatore, questo si dirà estraneo ai fatti e non a conoscenza del pagamento poiché mai registrato. A questo punto vi proporrà di effettuare il pagamento sul conto corrente giusto per ricevere la merce. Ecco la seconda truffa che Ego International intende smascherare: mai effettuare quel pagamento.

In questo caso si consiglia di prevenire la truffa, non avendo gli strumenti per risalire ai malintenzionati, controllando:

  • il nome ufficiale della società in caratteri cinesi;
  • numero di registrazione;
  • sede;
  • oggetto sociale;
  • data di costituzione e scadenza;
  • legale rappresentante;
  • capitale registrato e versato.

In poche parole, consultate sempre la business licence rilasciata dalla SAIC.
Per evitare la truffa, Ego International consiglia di farvi aiutare da esperti di settore.

Iscriviti alla newsletter

Argomenti:

Cina

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.