Ecotassa e Ecobonus auto, per il Vice Ministro Galli sono provvedimenti affrettati e da migliorare

Che il bonus/malus ambientale fosse un provvedimento affrettato e migliorabile era evidentemente. Giudizio confermato dal Vice Ministro allo Sviluppo Economico Galli.

Ecotassa e Ecobonus auto, per il Vice Ministro Galli sono provvedimenti affrettati e da migliorare

Ecotassa auto e Ecobonus auto sono entrati in vigore lo scorso 1 marzo tra molti dubbi e perplessità, sollevati sia dalla filiera Automotive che da osservatori attenti quanto basta per capire che non è sufficiente ed efficace nell’incentivare una sostanziale riduzione delle emissioni del parco circolante italiano.

Una sensazione che viene ora confermata da un esponente del Governo con un’autorevole voce in capitolo. Il Vice Ministro allo Sviluppo Economico Dario Galli, partecipando ad uno dei dibattiti del FORUMAutoMotive, ha espresso le sue riserve circa l’efficacia del provvedimento: “le misure di eco bonus-malus sono state forse un provvedimento un po’ affrettato, con l’intento di promuovere la riduzione della CO2. Siamo intervenuti e lo stiamo facendo ulteriormente per migliorarlo”.

Dette così, sono parola che lasciano intendere una revisione del provvedimento che premia - non a torto - le auto ibride e le auto elettriche ma dimentica che ci sono auto diesel e auto benzina con bassi livelli di emissioni di inquinanti e di alteranti, che possono contribuire in maniera determinante a ridurre l’impatto ambientale dei trasporti.

Incentivi per usato recente e auto a bassi consumi per rinnovare parco circolante

Nel corso del FORUMAutoMotive, il Vice Ministro Galli ha fatto alcune ipotesi di quelle che potrebbe essere le modifiche da per migliorare il provvedimento e renderlo più efficace nei suoi obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 e di inquinanti. In merito a questi ultimi - Ossidi di Azoto (NOx), Particolato (PM) etc. - Galli ha riconosciuto l’impegno dell’industria automobilistica, che da tempo investe per realizzare veicoli più puliti.

Sulle emissioni di CO2, invece, occorre fare di più in termini di efficienza e di riduzione dei consumi, dal momento che l’Anidrite Carbonica - responsabile dell’aumento delle temperature del Pianeta - è direttamente proporzionale ai consumi di carburante.

Queste le parole del Vice Ministro Galli: “Il problema degli inquinanti è stato parzialmente risolto dai miglioramenti compiuti in questi anni dall’industria automobilistica, per risolvere oggi il problema della CO2 dobbiamo puntare su auto che consumano meno combustibile. E’ necessario togliere dal mercato le auto più inquinanti e individuare misure per sostenere il ricambio del parco circolante, anche attraverso provvedimenti a sostegno della vendita di usato di ultima generazione”.

Galli si è poi soffermato sulle auto elettriche e sulle strategie per aumentarne l’autonomia, sottolineando - ancora una volta - quanto sia importante incentivare anche altri tipi di alimentazione con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale del parco circolante italiano: “Nel tempo l’auto elettrica avrà la sua giusta nicchia di mercato, conquistando nuove quote di mercato. A livello di autonomia c’è ancora del lavoro da fare e intanto dobbiamo puntare anche su altre alimentazioni per ridurre le emissioni del nostro parco circolante”.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Ecotassa auto

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.