Domino’s: presto 850 pizzerie in Italia

Domino’s ha messo in conto un massiccio piano d’estensione in Italia: le attuali 28 pizzerie potrebbero diventare 880 in meno di 10 anni. I dettagli

Domino's: presto 850 pizzerie in Italia

Domino’s ha intenzione di aprire 850 nuovi ristoranti in Italia. Ad annunciare i piani d’espansione lo stesso colosso statunitense della pizza, che ha messo in conto massicci investimenti sul Belpaese.

L’intenzione è quella di raggiungere il 2% della quota di mercato delle pizzerie in Italia entro il 2030, traguardo che prevede l’apertura di circa 850 nuovi punti vendita sul territorio.

Al momento la multinazionale statunitense, che conta 16mila ristoranti in 85 Paesi, sta attivamente cercando imprenditori interessati a investire su una pizzeria a marchio Domino’s in franchising lungo lo Stivale.

Proprio durante uno degli incontri con gli interessati, l’amministratore delegato del gruppo in Italia, Alessandro Lazzaroni, ha delineato il piano di arrivare a 880 punti vendita in un decennio, concentrati nelle regioni del Nord e del centro, fino a Roma.

LEGGI ANCHE: Quanto costa una pizza? Le differenze in Italia

Domino’s: presto 850 pizzerie in Italia

Al momento Domino’s ha 28 pizzerie in Italia, tutte al nord, sparse tra Milano, Torino, Bologna, Bergamo, Modena e Piacenza.

La catena punta a diventare un punto di riferimento sul fronte consegne a domicilio nel Belpaese, con un obiettivo nel breve periodo del 50% di punti vendita gestiti dalla casa madre e il restante 50% da affiliati.

La compagnia stima un investimento iniziale di circa 250mila euro, con almeno 14 impiegati per punto vendita, di cui sei corrieri, anche questi ultimi regolarmente assunti.

Nel 2018 il volume d’affari generato dal comparto pizza in Italia ha fatto registrare quota 24 miliardi di euro, con un +2,6% rispetto all’anno precedente; il che implica margini di crescita importanti se paragonato ad altri Paesi, dove il business occupa porzioni di mercato ben più ampie.

Di recente, la società è stata costretta a vendere 100 ristoranti sparsi nel Nord Europa per via dello scarso giro d’affari generato, che ha provocato sofferenza ai conti complessivi dell’azienda.

L’attuale presenza di Domino’s nel Belpaese è prevalentemente concentrata al Nord, essendo il Sud un mercato più difficile da penetrare. Anche i piani d’espansione futuri si focalizzano ancora quasi interamente al Nord, e solo in maniera marginale al Centro.

La compagnia punta ora a città considerate potenzialmente molto redditizie come Varese, Como, Lecco, Cremona, Mantova, Lodi, Pavia, Cologno Monzese, Cinisello Balsamo, Paderno Dugnano, Rozzano, Vigevano, Legnano, Busto Arsizio, Gallarate, Desio, Lissone, Seregno e Cantù.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Italia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \