Domanda di pensione: quando posso presentarla?

Lorenzo Rubini

16 Marzo 2021 - 13:16

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Non sempre è facile capire quando si raggiunge il diritto alla pensione. Vediamo con le diverse misure quando si presenta domanda di quiescenza.

Domanda di pensione: quando posso presentarla?

Capire quando si raggiunge il diritto alla pensione non sempre è facile visto che l’attuale normativa prevede numerose misure che permettono la quiescenza anche in deroga. In questo articolo cercheremo di rispondere agli interrogativi di diversi lettori di Money.it che ci scrivono per capire quando potranno presentare domanda di pensione in base alla normativa attualmente vigente.

Domanda di pensione, quando?

  • “Buongiorno. Sono nato a febbraio del 1968, ho iniziato a lavorare a giugno del 1989. Ho la sclerosi multipla da anni e da tre anni sono dichiarato disabile 100%.
    Quando posso pensare di fare domanda di pensionamento? Grazie ”

Con 53 anni di età e con circa 32 anni di contributi versati le possibilità di pensionamento nell’immediato non sono moltissime.
La possibilità più vicina, in ogni caso, è offerta dalla pensione di vecchiaia anticipata per lavoratori invalidi che permette, agli uomini, il pensionamento al compimento dei 61 anni con una finestra di attesa di 12 mesi.

In ogni caso potrebbe presentare fin da subito domanda per accedere all’assegno ordinario di invalidità che viene concesso ai lavoratori del settore privato e ai lavoratori autonomi che hanno una capacità lavorativa ridotta a meno di un terzo (invalidità al 67% o superiore).

  • “Sono nata 5.8.52 ed ho iniziato lavorare in Italia 1999..infermiera nel settore privato... Quando potrei andare in pensione e se e possibile conoscere importo... Sono sempre stata dipendente e contributi versati regolarmente... Grazie ”

Con quasi 69 anni di età e con circa 22 anni di contributi potrebbe accedere alla pensione di vecchiaia fin da subito se l’importo della pensione spettante è pari o superiore a 1,5 volte l’assegno sociale INPS. Avendo, infatti, iniziato a versare contributi solo dopo il 31 dicembre 1995, le spetta una pensione contributiva che richiede, oltre all’età e ai contributi, anche di soddisfare il requisito dell’importo.

Se per quest’ultimo requisito, invece, non avesse diritto alla pensione di vecchiaia subito dovrà attendere di compiere i 71 anni per accedere alla pensione di vecchiaia contributiva.

  • “Vorrei sapere quando andrò in pensione ho 54 anni e ho incominciato a lavorare nel 1984 ”.

Con 54 anni di età e circa 37 anni di contributi il pensionamento le potrebbe essere offerto sia dalla pensione quota 41 che dalla pensione anticipata ordinaria tra qualche anno.

Avendo iniziato a lavorare prima del compimento dei 18 anni di età, infatti, rientra nella categoria dei lavoratori precoci e, se si trova in uno dei profili di tutela, accedere al pensionamento con 41 anni di contributi. Può, quindi pensionarsi tra circa 4 anni solo se risulta essere disoccupato, caregiver, invalido, usurante o gravoso.

Nel caso non avesse diritto alla pensione con la quota 41, invece, dovrà attendere di maturare i 42 anni e 10 mesi di contributi necessari per accedere alla pensione anticipata ordinaria.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO