Dieta mediterranea, la migliore al mondo. Ecco come dimagrire velocemente con le kcal giuste

La dieta mediterranea è la più salutare al mondo e gli italiani sono sani. Ecco le regole di questo regime alimentare, il menu e vantaggi di questo modo di mangiare, che aiuta anche a perdere peso.

Dieta mediterranea, la migliore al mondo. Ecco come dimagrire velocemente con le kcal giuste

La dieta mediterranea è una delle diete migliori per perdere peso e ritrovare la forma. A dirlo è la salute e la forma fisica degli italiani, che risulta essere la migliore al mondo.
Le calorie che si assumono con questo regime alimentare, dal momento che la dieta mediterranea è proprio questo, sono infatti ben distribuite e prevedono un apporto bilanciato di tutte le componenti necessarie per il fabbisogno.

Gli alimenti previsti dalla dieta mediterranea sono infatti ricchi di elementi nutritivi e di proprietà antiossidanti: ecco perché se seguita con costanza, la dieta mediterranea permette di restare in forma o dimagrire velocemente, senza per questo rinunciare a mangiare bene.
Il regime alimentare mediterraneo non solo è bilanciato, ma comporta anche l’assunzione di grassi saturi e non minima.

Proprio questa dieta sembra aver aiutato gli italiani ad essere il paese con la salute migliore del pianeta.
Vediamo adesso come dimagrire con la dieta mediterranea e in cosa consiste questo regime alimentare. Scopriremo nel dettaglio i cibi previsti dalla dieta mediterranea e come dimagrire in tempi brevi seguendo i suoi principi.

Dieta mediterranea migliore al mondo: la salute degli italiani lo dimostra

I dati del Global Health Index hanno sorpreso un po’ tutti, dal momento che hanno mostrato come gli italiani siano il popolo più sano al mondo. L’indicatore tiene conto di svariati fattori tra cui: nutrizione, aspettative di vita e i fattori di rischio di morte.

I paesi analizzati sono stati 163 e l’Italia è stata prima tra tutti, con un punteggio di 93,11 su 100, un vero e proprio record per l’indice. A far salire il dato è senza dubbio l’aspettativa di vita che al momento si attesta sugli 80 anni.

La dieta mediterranea, patrimonio immateriale dell’Unesco, sembra il fattore che maggiormente aiuta e favorisce la longevità per la distribuzione delle sue calorie e gli apporti nutritivi che si assumono.
Vediamo con precisione adesso quali sono gli alimenti che favoriscono la salute fisica e che permettono di condurre uno stile di vita sano e soprattutto di non ingrassare.

Dieta mediterranea e dieta mediterranea dimagrante: come funziona?

La dieta mediterranea è tra le diete dimagrantiè forse l’unica a non creare problemi di salute proprio perché è una dieta sana, bilanciata e ricca di cibi genuini. Ma non è finita qui: a conferma che la dieta mediterranea sia il regime alimentare più adatto a restare in linea, giunge anche la notizia che la pasta non fa ingrassare, anzi. Se consumato con regolarità e moderazione, il cibo simbolo della dieta mediterranea può aiutare il fisico a restare in forma.

Più che una vera e propria dieta dimagrante (come la Dukan o la Lemme), infatti, la dieta mediterranea è uno stile alimentare vario ed equilibrato in grado di far perdere peso in fretta, combattere il colesterolo e vivere in salute senza sacrifici a tavola.

Inoltre, con la nuova dieta mediterranea in versione dimagrante, consigliata soprattutto a chi è in forte sovrappeso, si possono introdurre 1200 calorie al giorno perdendo fino a due chili in una settimana.

I cibi consentiti dalla dieta sono diversi e per questo la dieta mediterranea riesce a soddisfare tutti i gusti. Inoltre è salutare perché si usano alimenti light o con grassi insaturi, che quindi consentono di abbassare il livello di colesterolo cattivo.

Le 10 regole per dimagrire con la dieta mediterranea

Seguendo la corretta dieta mediterranea si può perdere peso in poche settimane, ma soprattutto si guadagnerà in salute. Ecco le 10 regole da seguire assolutamente se si vuole restare in forma con la dieta mediterranea:

1) Fare il pieno di frutta e verdura di stagione, ogni giorno, anche come spuntini e spezza-fame;

2) Introdurre nella dieta i legumi due volte a settimana;

3) Mangiare la carne solo 1-2 volte a settimana, limitando il consumo della carne rossa e preferendo quella bianca (pollo, tacchino…);

4) Mangiare molto pesce, soprattutto quello azzurro, ricco di omega 3, minerali, proteine e vitamine;

5) Consumare 4-5 porzioni di carboidrati complessi al giorno (pasta, pane, patate, riso), fonte primaria di energia senza grassi e di fibre. Zuccheri e dolci sono concessi solo poche volte al mese.

6) Limitare i formaggi ricchi di grassi, ma consumare più latte e yogurt magro;

7) Usare, come unica fonte di grassi, l’olio extravergine d’oliva, meglio se a crudo;

8) Fare 5 pasti al giorno: 3 pasti principali e 2 spuntini, utili per accelerare il metabolismo. È importante non saltare mai la colazione, che fornisce le energie per affrontare la giornata e non arrivare affamati al pranzo;

9) I pasti devono essere consumati seduti, con calma e possibilmente in compagnia;

10) Associare alla dieta mediterranea una costante attività fisica, almeno 30 minuti al giorno, per rafforzare il proprio benessere.

Di seguito potete vedere la piramide alimentare della dieta mediterranea:

Dieta mediterranea versione dimagrante: come funziona

Nonostante i riconoscimenti dati alla dieta mediterranea per quanto riguarda il benessere e la salute, alcuni nutrizionisti e dietologi hanno sostenuto per anni che, data la quantità di carboidrati inseriti nello schema alimentare, la dieta mediterranea fa ingrassare.

Infatti le versioni moderne della dieta mediterranea tendono a ridurre le quantità di pasta e pane, anche se comunque continua a prevalere la tesi a sostegno delle 4-5 porzioni al giorno di carboidrati.

Questo perché, secondo i nutrizionisti, quello che fa ingrassare non sono i carboidrati di per sé, bensì il consumo sregolato di zuccheri, dolci e grassi animali; i pasti saltati (che non fanno accelerare il metabolismo), la sedentarietà e gli alcolici.

La versione dimagrante della dieta mediterranea, che prevede l’assunzione quotidiana di 1200 calorie, consente una perdita di peso sana e graduale. Attenzione, però, perché non funziona bene per chi segue un’alimentazione corretta, ma è consigliata a chi ha un regime alimentare ricco di grassi e zuccheri.

Il menù di esempio della versione ipocalorica della dieta mediterranea prevede yogurt magro, pane integrale con marmellata, caffè e tè senza zucchero a colazione; pasta o riso integrale con pomodoro fresco o con verdure e un piatto di insalata a pranzo; pesce cotto al forno, alla griglia o in umido con contorni di verdure cotte o crude a cena. Ricordatevi gli spuntini, a base di frutta o yogurt magro, da consumare tra un pasto e l’altro.
Per visionare un menù settimanale di esempio ti consigliamo di leggere qui

I vantaggi della dieta mediterranea

Per la sua completezza e varietà la dieta mediterranea apporta tanti benefici all’organismo. Assumere alimenti con pochi grassi e ricchi di elementi nutritivi come vitamine, antiossidanti, proteine e minerali essenziali aiuta a contrastare le malattie cardiovascolari e l’invecchiamento delle cellule. Ecco, in breve, i vantaggi della dieta mediterranea:

  • riduce il colesterolo cattivo grazie agli omega 3 e ai grassi insaturi;
  • combatte la depressione e aiuta a prevenire le malattie neurodegenerative;
  • favorisce l’eliminazione delle tossine e aiuta a mantenere la pelle giovane e luminosa;
  • previene l’obesità e la sindrome metabolica;
  • contrasta i danni degli agenti cancerogeni e dei radicali liberi.

Dieta mediterranea dimagrante: controindicazioni

Pur apportando molti benefici, la dieta mediterranea può presentare alcune controindicazioni, risolvibili con la versione leggermente modificata dello schema alimentare.

Soggetti in forte sovrappeso
La percentuale di carboidrati da assumere quotidianamente è un po’ alta per i soggetti in forte sovrappeso. Basterà modificare la dieta riducendo i carboidrati e aumentando le proteine.

Gastrite
Chi soffre di gastrite ma vuole seguire la dieta mediterranea dovrà eliminare o ridurre alcuni alimenti, come la frutta acida (agrumi e pomodori).

Tiroide
Alcune verdure previste dalla dieta mediterranea, come cavolfiori e cavoli, possono far sì che la tiroide assuma meno iodio, quindi chi soffre di ipotiroidismo dovrà eliminarli dalla dieta.

Dieta mediterranea vs Dieta Lemme in TV

La dieta mediterranea è stata riconosciuta patrimonio culturale immateriale dell’umanità dall’Unesco ed è ritenuta, da tutta la comunità scientifica, utile per prevenire molte malattie, tra cui cardiopatia ischemica e tumori.

Date queste premesse, hanno fatto scandalo le affermazioni di Alberico Lemme in TV: il dietologo dei vip, durante la trasmissione di Canale 5 Domenica Live, ha detto che la dieta mediterranea provoca il cancro.

Sempre a Domenica Live è intervenuto Tommaso Pellegrino, presidente del Parco Nazionale del Cilento. Davanti alle telecamere di Barbara D’Urso, Pellegrino si è detto pronto a portare l’ideatore della dieta Lemme in tribunale per le sue pesanti e infondate dichiarazioni in TV sulla dieta mediterranea.

Potrebbe interessarti anche Come dimagrire con la dieta del gruppo sanguigno e Come funziona la dieta del gelato per perdere peso

Iscriviti alla newsletter Altre Rubriche

Argomenti:

Alimentazione

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.