Destinazione del 2, 5 e 8 per mille nel modello 730/2021: come funziona?

Anna Maria D’Andrea

7 Maggio 2021 - 16:02

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Modello 730/2021, a chi destinare l’8, 2 e 5 per mille Irpef? Di seguito tutte le istruzioni per la scelta da indicare in dichiarazione dei redditi e le regole su quando è obbligatorio o meno donare parte della propria imposta.

Destinazione del 2, 5 e 8 per mille nel modello 730/2021: come funziona?

Modello 730/2021, come e a chi è destinato l’8, 2 e 5 per mille Irpef?

Ogni anno, in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi, i contribuenti possono effettuare la propria scelta relativa alla destinazione di una quota della propria Irpef.

In tanti si chiedono se sia obbligatorio donare l’8 per mille così come il 5 o il 2 per mille, contributi rivolti a specifiche categorie di soggetti.

Appare quindi utile capire come funzionano e quali sono le regole per la destinazione dell’8 per mille nel modello 730/2021, del 5 e del 2 per mille.

Innanzitutto è bene ricordare che è possibile destinare una quota di Irpef esclusivamente agli enti individuati dalla legge.

Nel dettaglio, sia con il modello 730 che con il modello Redditi:

  • l’8 per mille deve essere donato allo Stato o ad un’istituzione religiosa,
  • il 5 per mille a enti di volontariato, ricerca o di interesse sociale,
  • il 2 per mille in favore di un partito politico e, a partire dal 2021, in favore delle associazioni culturali iscritte in un apposito elenco istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La donazione dell’8 per mille è obbligatoria? Come funziona la destinazione del 5 e del 2 per mille?

Cercheremo di seguito di rispondere a tutti i dubbi e le domande ma, in primo luogo, si ricorda che chi sceglie di donare una minima percentuale della propria Irpef non dovrà pagare più tasse.

Ecco come esprimere la scelta di destinazione dell’8, 2 e 5 per mille Irpef con la dichiarazione dei redditi 2021.

Destinazione 8 per mille nel modello 730/2021

Il modello del 730/2021 dovrà essere presentato entro la scadenza del 30 settembre 2021.

I contribuenti che non sono obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi 2021 possono in ogni caso scegliere di destinare il 2, 5 o 8 per mille compilando il modello messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate e consegnandolo in busta chiusa entro il 30 novembre presso gli uffici postali o ad un intermediario abilitato (Caf, commercialista, ecc), oppure direttamente online.

Cos’è l’8 per mille? Si tratta di una parte di Irpef che i contribuenti sono tenuti obbligatoriamente a devolvere ad un’ente religioso o allo Stato.

Le possibilità di scelta sono limitate e si potrà destinare l’8 per mille 2021 alle seguenti 12 categorie:

  • Stato;
  • Chiesa Cattolica;
  • Unione delle Chiese cristiana avventiste del 7° giorno;
  • Assemblee di Dio in Italia;
  • Chiesa valdese;
  • Chiesa Evangelica Luterana;
  • Unione delle Comunità ebraiche;
  • Sacra arcidiocesi ortodossa;
  • Chiesa Apostolica;
  • Unione cristiana Evangelica Battista;
  • Unione Buddista:
  • Unione induista.

Nel caso in cui non si esprimessero preferenze sulla destinazione, la quota Irpef verrà automaticamente devoluta, in modo proporzionale, agli enti presente nella lista.

Anche per l’8x1000 il modello 730/2021 ha una sezione dedicata da compilare

La scheda del modello 730-1 è completamente dedicata a questa devoluzione obbligatoria. Nella parte in alto del modello vengono richiesti nel dettaglio tutti i dati del contribuente, mentre la parte in basso è riservata alle scelte.

Una volta effettuata la propria scelta sarà sufficiente apporvi la firma (completa e leggibile) per destinare correttamente il vostro 8 per mille.

2 per mille alle associazioni culturali nel modello 730/2021

A partire dal 2021 torna possibile destinare il 2 per mille in favore delle associazioni culturali iscritte all’elenco istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L’iscrizione all’elenco dei destinatari del 2 per mille relativo al modello 730/2021 è riconosciuta ai seguenti soggetti:

  • finalità di svolgere e\o promuovere attività culturali indicata nell’atto costitutivo o nello statuto;
  • esistenti da almeno 5 anni al momento della presentazione della domanda di iscrizione.

Per esprimere la scelta a favore di una delle associazioni culturali ammesse al beneficio, il contribuente deve apporre la propria firma nell’apposito riquadro presente nella scheda indicando il codice fiscale dell’associazione cui vuole destinare la quota del due per mille.

La scelta deve essere fatta per una sola delle associazioni culturali beneficiarie.

Destinazione del 2 per mille ai partiti politici nel modello 730/2021

Il 2 per mille è un contributo volontario, che si può decidere di destinare anche ad un partito politico.

Il contribuente può dunque decidere di devolvere una piccola parte della sua Irpef (il 2 per mille) ad un partito politico a sua scelta. La scelta è del tutto libera e il contribuente può anche scegliere di non versare la quota Irpef.

Il contributo, che dal 2014 non è più obbligatorio, si può devolvere nelle seguenti modalità:

  • compilando la scheda del 2 per mille presente nel 730 e indicando il codice del partito a cui vogliamo devolvere la somma;
  • per chi invece non deve compilare la dichiarazione dei redditi si dovrà scaricare un modello apposito sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Dopo aver compilato il modulo si dovrà portare la scheda, messa in una busta sigillata, al sostituto dell’imposta, ad un Caf o ad un ufficio postale;
  • tutta la procedura si può svolgere anche su Internet, direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate, compilando tutta la modulistica direttamente online.

Il modo di compilazione è molto semplice per tutti e tre i casi.

Troverete due riquadri, nel primo si dovranno inserire i propri dati (nome, cognome, indirizzo, codice fiscale e così via). Nel secondo riquadro si dovranno inserire i dati del partito a cui devolvere il 2 per mille. Non dovrete far altro che compilare la sezione del partito scelto per il contributo e devolvere la vostra parte di quota Irpef.

Tabella partiti politici ammessi al 2 per mille Irpef

PARTITO POLITICO CODICE
Alternativa Popolare Z39
Articolo 1 - Movimento Democratico e Progressista Z40
Azione S48
Cambiamo! S49
Centro Democratico A10
Democrazia Solidale – Demo. S A41
Federazione dei Verdi B30
Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale C12
IDEA – Identità e Azione – popolo e libertà C35
Italia dei Valori C31
Italia Viva C46
Lega Nord per l’Indipendenza della Padania D13
Lega per Salvini Premier D43
Movimento Associativo Italiani all’Estero – MAIE E14
Movimento politico Forza Italia F15
Movimento – La Puglia in Più E32
Noi con l’Italia E50
Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea L19
Partito Democratico M20
Partito Socialista Italiano R22
+ Europa R45
Possibile S36
Radicali italiani S47
Sinistra Italiana T44
Stella Alpina U37
Südtiroler Volkspartei W26
Union Valdôtaine Y27
UDC – Unione di centro Y29
Unione per il Trentino Z28
Unione Sudamericana Emigrati Italiani Z38

Destinazione 5 per mille nel modello 730/2021

Il 5 per mille, così come l’8 per mille, è invece un contributo obbligatorio, che il lavoratore deve versare obbligatoriamente ad un’associazione.

Il contributo serve al finanziamento di attività di sperimentazione e ricerca, sia sanitaria che universitaria, o per finanziare associazioni no profit.

Anche in questo caso la devoluzione del 5 per mille andrà fatta attraverso il modello 730/2021 e, in genere, con la dichiarazione dei redditi. Nel modulo si potrà scegliere quale ente o istituto di ricerca (tra quelli accreditati) riceveranno il vostro contributo.

Ciò che serve per fare la donazione è il modulo del 730/2021 è il codice fiscale del beneficiario, che è possibile ricercare accedendo all’elenco dei destinatari del 5 per mille Irpef 2021.

Nel modello del 730 si avrà la possibilità di scegliere a quale ente destinare il proprio contributo tra i seguenti:

  • organizzazioni di volontariato e non governative;
  • ricerca sanitaria;
  • le ASD ( Società Sportive Dilettantistiche) riconosciute ai fini sportivi del Coni;
  • ricerca scientifica o universitaria;
  • comune di residenza;
  • attività di tutela, valorizzazione e promozioni dei beni culturali.

Nella parte inferiore del modello 730/2021 si potrà scegliere l’ente a cui destinare la nostra quota di Irpef. Una volta scelto il campo e riempiti gli spazi, affinché il modulo sia valido, si dovrà firmare il modello, in un apposito spazio.

Iscriviti alla newsletter