Covid, nuova variante meno contagiosa in Italia: il virus si sta indebolendo da solo?

Antonio Cosenza

04/04/2021

13/04/2021 - 11:13

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Covid: nuova variante scoperta in Italia. È un mix tra la nigeriana e l’inglese, ma è molto meno contagiosa rispetto a quest’ultima.

Covid, nuova variante meno contagiosa in Italia: il virus si sta indebolendo da solo?

Covid, individuata una nuova variante in Italia. La scoperta è stata effettuata dal laboratorio Cerba Health Care di Milano, dalla task force coordinata dal virologo Francesco Broccolo, dell’Università degli studi Milano Bicocca.

La variante ha infettato una donna di circa 50 anni nel novarese e secondo gli scienziati ha un qualcosa di sorprendente: questa, infatti, rappresenta un mix delle mutazioni nigeriana e inglese e non è ancora chiaro come questo sia possibile.

E c’è una buona notizia: la nuova variante appare meno contagiosa rispetto a quella inglese e ciò potrebbe voler dire, almeno secondo quanto credono alcuni esperti, che la pandemia sta facendo il suo corso e che presto potrebbe essere sempre meno aggressiva.

Covid, nuova variante in Italia: ci sono buone notizie

Secondo gli studi effettuati dagli esperti del Cerba Health Care la donna di Novara è stata infettata con una nuova variante di coronavirus. E se fino ad oggi ogni nuova variante ha preoccupato in quanto si è dimostrata maggiormente infettiva - e questo spiega la forte crescita dei contagi nelle ultime settimane - questa volta gli esperti sono più che altro sorpresi.

Ebbene sì, in quanto questa variante è risultato per l’80% uguale a quella nigeriana mentre per il 20% a quella inglese. E gli esperti non hanno chiaro come sia possibile che possa esserci un mix di mutazioni che danno origine alla nuova variante.

Un mix che comunque contribuisce a creare una nuova variante di coronavirus meno pericolosa rispetto a quelle che circolano in Italia già da settimane, come ad esempio quella inglese o la brasiliana: come spiegato da Francesco Broccolo, “manca la mutazione 501 che è quella che rende la variante inglese più trasmissibile”. La donna, inoltre, è “asintomatica e non ha trasmesso il Covid né al marito né al figlio”.

Che questa possa essere la dimostrazione che il Covid si sta indebolendo da solo con il passare dei mesi? Come spiegato dal Tg5, nell’edizione delle 20:00 del 3 aprile 2021, è possibile che questo mutazione sia “l’inizio di tante altre varianti sempre meno contagiose”.

Di questo parere il direttore del Cerba Health Care di Milano, il quale conferma che vi è la possibilità per cui:

Il coronavirus stia sperimentando nuove mutazioni non letali per poter diventare endemico.

Insomma, una situazione che porterebbe il Covid a manifestarsi uniformemente nel tempo con pochi casi e con meno pericoli per la salute, un po’ come una normale influenza.

Il Covid diventerà una malattia stagionale?

Sono diversi gli esperti che ritengono che sarà proprio questa la strada che prenderà il Covid. Nelle ultime ore, ad esempio, hanno fatto molto “rumore” le dichiarazioni di Chris Witty, ufficiale medico capo del Regno Unito, il quale ha spiegato che “la società dovrà imparare a convivere con il Covid in modo simile all’influenza”; ma non c’è da preoccuparsi in quanto è “improbabile che tornino di nuovo i lockdown come li abbiamo vissuti nel corso di quest’anno”.

Dello stesso parere Lopalco, assessore - e noto epidemiologo - alla Sanità della Regione Puglia, convinto del fatto che “il virus non potrà essere eliminato”. È molto probabile che il coronavirus “diventerà una malattia stagionale, autunno-invernale” ma con il supporto dei vaccini che andranno a salvaguardare le persone più fragili sarà più semplice tenere sotto controllo la malattia.

Argomenti

# Italia

Iscriviti alla newsletter