Covid: cosa rischio se non mi vaccino?

Laura Pellegrini

12 Gennaio 2021 - 17:26

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Vaccinarsi o non vaccinarsi? Questo è il dubbio di molti. Ma cosa si rischia se non si fa il vaccino contro il Covid-19?

Covid: cosa rischio se non mi vaccino?

Il vaccino contro il coronavirus in Italia non è obbligatorio, anche se si è acceso un dibattito politico sull’eventuale introduzione di vincoli. Infatti, sono sempre di più gli italiani che decidono di non vaccinarsi per le questioni più diverse: da un lato per i dubbi sollevati in merito all’efficacia di queste dosi sperimentate e prodotte in tempi record; dall’altro lato anche per il crescente aumento dei movimenti «no vax», ovvero di coloro che sono contrari alle vaccinazioni.

Per avere un quadro generale completo della situazione, però, è bene chiarire quali siano i rischi legati alla scelta di non vaccinarsi, e a quali conseguenze vanno incontro i cittadini che decidono di rifiutare la dose di vaccino.

Vaccino Covid: posso rifiutarlo?

La prima cosa da chiarire in merito alle vaccinazioni contro il Covid-19 è il fatto che la somministrazione non è obbligatoria (al momento) e dunque è possibile decidere se sottoporsi o meno al trattamento vaccinale. Tuttavia, è chiaro che senza le dose di vaccino iniettata nel braccio, ci sarà una maggiore probabilità di contrarre il coronavirus.

Il vaccino, ad oggi, è l’unica arma che abbiamo contro l’infezione da Sars-Cov-2 e la speranza è che la campagna vaccinale possa aiutarci a raggiungere l’immunità di gregge per debellare il virus.

Le prime dosi di vaccino saranno riservate al personale medico e sanitario e agli ospiti delle Rsa. Sarà poi la volta degli over 80, che verranno contattati direttamente dalle Asl di riferimento, e poi si procederà con tutte le altre fasce della popolazione che sono maggiormente esposte al rischio. Ma cosa succede se una persona si rifiuta di vaccinarsi?

Vaccino Covid: cosa rischio a non farlo?

Essendo somministrato su base volontaria, il vaccino Covid può essere rifiutato dalla popolazione, ma ciò significa esporsi a una serie di rischi da non sottovalutare.

Innanzitutto, come detto, il rischio maggiore derivante dal rifiuto della somministrazione del vaccino è quello di esporsi alla contrazione del Covid-19. Senza alcuna protezione, infatti, la probabilità di contrarre l’infezione aumenta soprattutto per quelle categorie di soggetti maggiormente a rischio.

Se dunque lo scetticismo riguarda i possibili effetti collaterali legati al vaccino, è possibile assicurare che le reazioni avverse non sono affatto paragonabili ai sintomi che comporta la contrazione del Covid-19. Infatti, tra le possibili reazioni alla somministrazione del vaccino sono stati riscontrati dolore nel punto dell’iniezione, mal di testa, brividi e senso di spossatezza. Nulla a che vedere con i rischi ben più gravi che comporta il coronavirus.

Come ha spiegato, infine, Roberto Burioni in televisione, l’atto della vaccinazione non è individuale, ma persegue un obiettivo di comunità ed è un gesto di responsabilità civileperché riduce la catena del contagio, abbattendo drasticamente il famigerato indice RT, e togliendo al virus la ‘materia prima’ che gli consente di diffondersi”.

Covid: se non mi vaccino rischio il licenziamento?

Trattandosi di una vaccinazione libera e non obbligatoria, il datore di lavoro non può licenziare il dipendente che ha rifiutato di sottoporsi alla somministrazione della dose a lui riservata.

Il primo motivo riguarda il fatto che il lavoratore non è tenuto a rivelate al datore se ha fatto o meno il vaccino. Inoltre, essendo un vaccino libero, nessuno può obbligare un cittadino a sottoporsi alla vaccinazione. Infine, in un ambiente di lavoro dove i dipendenti non sono vaccinati, il datore di lavoro non può fare altro che aumentare tutte le precauzioni sul caso: mascherine, distanziamento sociale e sanificazione degli ambienti.

Tuttavia alcuni giuristi ritengono possibile il licenziamento del lavoratore che non si è sottoposto al vaccino, in ottemperanza dell’articolo 2087 del Codice civile che recita: “Il datore di lavoro è obbligato ad adottare tutte le misure suggerite da scienza ed esperienza, necessaire per garantire la sicurezza fisica e psichica delle persone che lavorano in azienda”.

In assenza di una normativa ad hoc, quindi, la norma del Codice civile lascia ampio spazio alle interpretazioni.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories