Cos’è il rating e perché è importante? La guida completa

Cristiana Gagliarducci

12/06/2017

31/08/2021 - 13:26

condividi

Rating: cos’è, ma soprattutto a cosa serve e perché ne sentiamo sempre parlare in toni solenni? La guida completa.

Cos'è il rating e perché è importante? La guida completa

Rating: cos’è, a cosa serve e perché è importante?

Rispondere a queste 3 domande è molto più utile di quanto si pensi oggi, in un contesto finanziario in cui la fiducia di una società è fondamentale. Parliamo di fiducia perché alla domanda cos’è il rating potremmo rispondere definendolo come un giudizio sull’affidabilità di una società, ma andiamo per ordine.

In linea generale possiamo definire il rating sia come una raccomandazione degli analisti in merito all’opportunità di vendere, acquistare o mantenere un titolo, sia come una valutazione della capacità aziendale di ripagare i propri debiti. Un vero e proprio indicatore di rischio. Ma da dove deriva questo indicatore?

Nello studio del rating sarà fondamentale dare uno sguardo anche ai soggetti che emettono tali giudizi, ossia le agenzie di rating le quali sono addirittura in grado di smuovere i mercati con le loro pronunce. Vediamo allora cos’è il rating, a cosa serve e perché è così importante per l’intero mercato.

Cos’è il rating? Definizione

Come già accennato nelle righe precedenti, il rating è per definizione un giudizio in merito alla solvibilità, sia essa di un’azienda, di un titolo obbligazionario o anche di un intero Stato. Stiamo facendo riferimento a tutti quei soggetti che chiedono denaro in prestito al mercato e che vengono valutati in base alla loro capacità di restituirlo e di ripagare i debiti.

Ad emettere tali giudizi sono le agenzie di rating che permettono, tramite il loro lavoro, di stilare una vera e propria classifica sulla base del rischio di insolvenza legato a ciascun soggetto esaminato. Se dunque il rating ci permette di capire quanto quel soggetto è in grado di onorare i propri debiti, tale giudizio sarà anche una misura del suo grado di affidabilità sul mercato ed influenzerà le strategie e le oscillazioni degli stessi titoli. Cos’è il rating e perché è così importante comincia ora ad essere più chiaro.

Le tipologie di rating

Come sarà stato possibile intuire nella nostra definizione iniziale, esistono diverse tipologie di giudizi. Quelli di cui abbiamo parlato fino a questo momento sono rating di credito emessi sul debito di una società, ai quali si affiancano ad esempio i rating di credito internazionale, i rating sul debito delle nazioni e anche il country ceiling rating. Qual è la differenza?

  • Rating di credito: è un giudizio da parte delle agenzie in merito alla solvibilità di un’azienda. Tramite tale rating un investitore indeciso se acquistare le obbligazioni societarie potrà verificare le capacità dell’emittente di ripagare l’ammontare a scadenza. Migliore sarà il voto, maggiore sarà l’appetibilità dell’investimento.
  • Rating di credito internazionale: in questo caso stiamo facendo riferimento a giudizi che permettono di comprendere rischi e costi del trasferire titoli esteri (dunque espressi in valuta estera) nel proprio paese e nella propria valuta.
  • Rating sul debito delle nazioni: così come accade nel caso societario, anche uno Stato emette delle obbligazioni. Più esso sarà in grado di ripagare i propri debiti, più il rating a lui assegnato dalle agenzie sarà migliore. Facciamo un esempio europeo: la Germania è considerata il Paese più affidabile e il suo rating è elevato al contrario invece di Italia e Grecia che hanno valutazioni molto più basse.
  • Country ceiling rating: in questo caso si valutano i rischi e i costi di un investimento fuori dai confini nazionali. Il giudizio viene espresso in merito alle possibili misure che uno Stato può o meno attuare per bloccare l’esodo di capitali.

Come si calcola il rating di una società?

L’emissione di un rating societario è un’operazione che impone alle agenzie uno studio piuttosto dettagliato, soprattutto perché tali giudizi sono in grado di influenzare anche lo stesso mercato. Il primo passo è l’analisi economico-finanziaria, che permette di esaminare il bilancio, la redditività, la remunerazione del capitale, i flussi di cassa, la sua capacità di produrre risorse e reddito e tutta un’altra serie di parametri societari fondamentali.

Esaminati questi aspetti si passa all’analisi di settore, che permette all’agenzia di svolgere un paragone con le aziende simili operanti nello stesso contesto. Questo tipo di analisi permette anche di mettere in luce le prospettive future dell’intero mercato, le quali possono avere ovviamente ripercussioni sulla società e dunque sul rating ad essa assegnato.

Poi abbiamo la parte dedicata all’analisi quantitativa e qualitativa della società, nella quale le agenzie di rating esaminano anche lo stesso management, la gestione generale, la struttura, gli obiettivi e le scelte effettuate. Una volta ottenuta tutta la documentazione necessaria, e dopo aver consultato la Centrale dei rischi e monitorato tutti i movimenti dell’azienda, l’agenzia di rating sarà in grado di esprimere il suo giudizio in 90 giorni circa.

Le classi di rating

Quali sono le classi assegnate ad una società, ma anche ad uno Stato? Se è vero che i giudizi vengono assegnati dalle agenzie di rating, è altrettanto vero che ciascuna di esse ha un proprio particolare metro di giudizio e classi ben definite. In linea di massima, però, il metro utilizzato è quello delle lettere dell’alfabeto: più ci avviciniamo alla lettera A più il rating è migliore.

Prendiamo in considerazione una delle più importanti agenzie sul mercato: S&P. Per Standard & Poor’s le classi di rating, volte a stabilire la capacità di ripagare il debito sono le seguenti:

Si noti come ciascuno di questi rating possa essere seguito da un segno - o da un segno +. Entrambi sono espressione di un prossimo peggioramento/miglioramento della situazione.

Nel caso di Moody’s la scala varia nel modo seguente:

  • Aaa: rischio minimo
  • Aa: debito di alta qualità
  • A: debito di buona qualità, soggetto a rischio futuro
  • Baa: grado di protezione medio
  • Ba: rischio speculativo sul debito
  • B: bassa probabilità di ripagare debito
  • Caa/Ca: investimento ad alto rischio
  • C: realistico pericolo di insolvenza

Ora che abbiamo capito cos’è il rating e a cosa serve, dobbiamo anche ricordare che una stessa agenzia può emettere due rating su una società, uno di breve e uno di lungo periodo, ma entrambi espressione delle diverse aspettative delle agenzie in merito alle capacità aziendali o di uno Stato.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.