Corso FAD gratuito sui vaccini per infermieri

Sveva De Angelis Coccanari

02/10/2017

02/10/2017 - 13:22

condividi

Tutti gli infermieri iscritti all’albo possono seguire il corso gratuito FAD che spiega l’importanza dei vaccini e informa su tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

Corso FAD gratuito sui vaccini per infermieri

Per tutti gli infermieri che sono iscritti all’albo vi è la possibilità di seguire un corso gratuito a distanza sui vaccini.

Corso FAD gratuito per infermieri: di cosa si tratta

Il corso si preoccupa di fornire una panoramica generale, ma non solo, sui vaccini chiarendo quali sono i vantaggi e i rischi e offrendo spunti per una comunicazione adeguata con i genitori, spesso i primi ad essere diffidenti in materia.

Tutto nasce dalla necessità di campagne vaccinali a seguito della quale il Consiglio Nazionale della Federazione IPASVI ha deciso di impegnarsi per diffondere l’informazione e l’educazione alla salute, indispensabili come basi per una nuova cultura della popolazione.

La Federazione opera in accordo con la comunità scientifica (sia nazionale che internazionale) che a sua volta riconosce l’importanza delle vaccinazione come strumento di lotta alle principali malattie diffusive.

Il corso sarà aggiornato con le ultime novità legislative oltre a fornire elementi fondamentali ed indispensabili per l’esercizio quotidiano delle vaccinazioni.

Tra i temi che saranno affrontati durante il corso vi sarà quello sull’importanza della vaccinazione, quando deve avvenire la suddetta vaccinazione e in che modo, la sicurezza dei vaccini e la prevenzione che essi determinano.

Come accedere al corso gratuito sulle vaccinazioni

Il corso si chiama «Le Vaccinazioni» (codice ECM 205236, gratuito, 8 crediti ECM, provider ECM nazionale Zadig n. 103) e possono parteciparvi solo gli iscritti IPASVI.

Per poter accedere al corso, se ancora non si sono seguiti altri corsi FAD in questo anno occorre innanzitutto farsi accreditare nel sito Ipasvi, per chi invece abbia già avuto l’accesso a corsi sulla piattaforma FadinMed è sufficiente accedere alla stessa.

Le vaccinazioni è disponibile già dallo scorso 29 settembre e rimarrà tale fino allo stesso giorno dell’anno prossimo (vale a dire fino al 29/09/2018).

La necessità di un corso sui vaccini nelle parole dellA Federazione IPASVI

Il Consiglio nazionale IPASVI ha dichiarato in merito alla sua scelta:

La Federazione nazionale dei Collegi, firmataria anche della Carta di Pisa sulle vaccinazioni negli operatori sanitari per riconoscere il valore della vaccinazione soprattutto tra i professionisti, ha chiaramente sottolineato la necessità che il suo ruolo, per ottenere i migliori risultati, tenda in termini di empowerment dei pazienti, a comunicare in modo intenzionale con l’assistito e agevolare così la scelta vaccinale.

Anche la presidente IPASVI, Barbara Mangiacavalli, è intervenuta in materia affermando:

Riconfermiamo la nostra massima collaborazione in termini di attività professionale e progettuale alle istituzioni preposte alla programmazione e ad assicurare agli assistiti e alla comunità scientifica la presenza attiva degli infermieri e assistenti sanitari, come sempre finora dimostrato nonostante le pesanti carenze di organici, per garantire di fa fronte ai bisogni dei pazienti. La nostra professione come quella di chiunque ha scelto di garantire assistenza e salute dei cittadini, non ha nemici solo nella razionalizzazione, ma c’è un nemico più grande e subdolo che sta crescendo: l’ignoranza. E’ un vero e proprio fuoco, alimentato da una scorretta informazione che spesso, frutto anch’essa di altrettanta ignoranza ma questa volta anche colpevole di non saper ammettere i propri errori, distrugge, l’opera difficile di informazione, educazione e prevenzione che si fa per i cittadini.

Potrebbe interessarti anche: Vaccini obbligatori per insegnanti e ATA nella Legge di Bilancio 2018?

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO