Coprifuoco e mascherina all’aperto: nuove restrizioni per il Ferragosto

Elisa Corpolongo

14 Agosto 2021 - 19:39

condividi

A Ferragosto arrivano altri divieti e nuove restrizioni per evitare gli assembramenti, dal coprifuoco alla mascherina all’aperto: ecco quali sono.

Coprifuoco e mascherina all'aperto: nuove restrizioni per il Ferragosto

I sindaci stanno firmando sempre più ordinanze per evitare il rischio di assembramenti per Ferragosto e arrivano nuove restrizioni in diverse parti della penisola italiana proprio in occasione del 15 di agosto, tra ripristino del coprifuoco e obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto.

Del resto, sebbene la campagna vaccinale proceda in maniera spedita, tra la variante Delta e l’aumento dei numeri dei contagiati da Covid-19, il rischio nelle previsioni della pandemia per l’autunno torna a farsi sentire. Vediamo i dettagli sulle nuove restrizioni per il Ferragosto, cosa riguarderanno e dove si dovranno osservare più regole rispetto a quanto fatto durante l’ultimo periodo.

Le nuove restrizioni per il Ferragosto

In primo luogo, molte delle spiagge d’Italia saranno chiuse a Ferragosto (vedi qui quali). Oltre a questo, però, si aggiunge il divieto di vendita degli alcolici in tutta la riviera romagnola, con locali chiusi dall’1 di notte. Per di più, in molte regioni torna l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto.

I sindaci cercano di blindare il Ferragosto per evitare un boom di contagiati e, intanto, ordinano controlli e verifiche sempre più stringenti e mirate sull’uso del green pass. I controlli aumenteranno e molti parchi saranno vigilati da pattuglie a cavallo; e se col caldo molti preferiscono stare al chiuso nei bar e nei ristoranti che hanno l’aria condizionata, i controlli aumentano anche lì.

La Sicilia e le nuove restrizioni

In tutti i luoghi della Sicilia, la mascherina torna obbligatoria dove c’è più affollamento. Nei luoghi più turistici o più visitati, i controlli sulla mascherina si faranno pertanto più stringenti in occasione del Ferragosto.

La stessa misura verrà adottata anche sulle isole Eolie. Nelle isole Eolie, si potranno organizzare dei concerti musicali in formato ridotto, ma senza creare assembramento. Chi parteciperà dovrà essere in grado di fornire ai gestori di bar e ristoranti una delle certificazioni verdi del Covid-19.

A Stromboli, Lipari, Vulcano e Panarea, dalle 7 alle 20,30 l’ordinanza del sindaco prevede l’uso delle mascherine nelle aree portuali in occasione delle partenze e degli arrivi di aliscafi e navi che servono al trasporto di turisti. Addirittura, a Panarea, dal 14 agosto per la durata di una settimana, sarà vietato l’attracco nel porto di San Pietro di vaporetti provenienti sia dalla Sicilia sia dalla Calabria.

Le restrizioni in Emilia Romagna e Umbria

L’Emilia Romagna vieta la vendita di alcolici fino alle 6 di lunedì 16 agosto. In molte delle località balneari dell’Emilia Romagna si è deciso di vietare del tutto la vendita da asporto anche agli adulti.

I locali, come già accennato, chiuderanno all’1 di notte e questo anche a Rimini e Riccione, città famose per la movida, sulla falsa riga della Sardegna che, invece, ha decretato che i locali dovranno chiudere dalle 3 di notte.

In Umbria si è deciso, invece, di sospendere la processione con la Santissima Icone della Basilica di San Gregorio e di annullare tutte le cerimonie e le processioni, cosa avvenuta anche in Emilia Romagna.

Il Lazio e la Campania a Ferragosto

Anche nel Lazio arrivano restrizioni per il Ferragosto. I tipici falò del 15 di agosto saranno più proibiti che mai e si preannunciano controlli su tutto il litorale e anche sulle coste campane.

In tal senso, a Positano è stato annullato lo spettacolo tipico dei fuochi d’artificio per il secondo anno di fila. Quello spettacolo era ritenuto uno dei più belli di tutta la Regione. Nella riserva di Monte Pellegrino e nel Parco della Favorita, per di più, sono stati vietati i pic nic e le feste.

Argomenti

Iscriviti a Money.it