Coprifuoco in Campania: orari e ordinanza

Scatta il coprifuoco in Campania: da venerdì 23 ottobre chiude tutto dalle 23 alle 5. Previste sanzioni per chi viola la regola. Ecco l’ordinanza firmata da De Luca.

Coprifuoco in Campania: orari e ordinanza

È ufficiale: anche in Campania scatta il coprifuoco. A stabilirlo è l’ordinanza n. 83 del 22 ottobre 2020 firmata dal presidente della Regione Vincenzo De Luca. A partire da venerdì 23 ottobre e fino al 13 novembre in Campania tutti a casa dalle 23 alle 5, con obbligo di autocertificazione per poter uscire in questi orari. La violazione del coprifuoco comporta una multa che va dai 400 ai 1.000 euro.

Coprifuoco Campania: l’ordinanza di Vincenzo De Luca

L’ordinanza emanata dal presidente di Regione De Luca prevede che dal 23 ottobre al 13 novembre e comunque fino all’adozione di un nuovo DPCM, tutte le attività commerciali, sociali e ricreative devono chiudere dalle ore 23.00 alle ore 5.00 del giorno successivo e i clienti devono rientrare a casa entro le ore 23.30.

In questi orari sono consentiti solo gli spostamenti effettuati per motivi di lavoro, di salute e situazioni di necessità, giustificati mediante modulo di autocertificazione. È sempre consentito il rientro al proprio domicilio, dimora o residenza dal luogo di lavoro.

Campania: coprifuoco e divieto spostamenti tra province

Il coprifuoco da venerdì si aggiunge alle restrizioni già annunciate in Campania, dove per tutto l’arco della giornata sono vietati gli spostamenti interprovinciali, a meno che non siano motivati da comprovate esigenze lavorative, familiari, scolastiche, di formazione, socio-assistenziali o di salute. Consentiti in ogni caso gli spostamenti per il tragitto casa-lavoro.

Per poter uscire durante gli orari del coprifuoco o spostarsi nonostante il blocco senza rischiare la multa bisogna essere provvisti dell’autodichiarazione e di prove attestanti il motivo autocertificato.

Chi viene beccato dalle forze dell’ordine a violare le misure contenute nell’ordinanza dovrà pagare una sanzione secondo quanto previsto dall’art. 4 del decreto legge n.19/2020.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories