Concorso Ministero dell’Istruzione: nuovo bando per laureati da 304 posti

Elisa Corpolongo

27/07/2021

01/08/2021 - 22:13

condividi

Il nuovo bando del Ministero dell’Istruzione per 304 posti che coinvolgono vari ambiti di laurea è aperto: ecco quando scade e tutti i dettagli per partecipare.

Concorso Ministero dell'Istruzione: nuovo bando per laureati da 304 posti

È uscito il nuovo bando di concorso pubblico per esami per la copertura di 304 posti di personale non dirigenziale che va a riguardare vari profili professionali in area funzionale III, a tempo indeterminato.

Il bando del Ministero dell’Istruzione (GU n.59 del 27-07-2021) di 304 posti riguarda i laureati in diversi ambiti e scade il 27 agosto del 2021. Vediamo i dettagli.

Posti a concorso disponibili

Il reclutamento per concorso pubblico di 304 unità complessive di personale non dirigenziale a tempo indeterminato da inquadrare nell’area funzionale III, riguarda i profili professionali sotto indicati, nei ruoli del personale del Ministero dell’Istruzione, ripartisce così i posti disponibili:

  • 255 unità da inquadrare nell’area funzionale III, posizione economica F1, profilo di funzionario amministrativo - giuridico - contabile (codice concorso 01);
  • 7 unità da inquadrare nell’area funzionale III, posizione economica F1, profilo di funzionario socio organizzativo gestionale (codice concorso 02);
  • 7 unità da inquadrare nell’area funzionale III, posizione economica F1, profilo di funzionario per la comunicazione e per l’informazione (codice concorso 03);
  • 35 unità da inquadrare nell’area funzionale III, posizione economica F1, profilo di funzionario informatico statistico (codice concorso 04).

I posti disponibili variano a seconda della sede nella Regione di riferimento, perciò è bene guardare il bando pubblicato in Gazzetta Ufficiale (GU n.59 del 27-07-2021) consultabile qui.

Clicca qui per scaricare il bando di concorso pubblico per Ministero dell’Istruzione
Per il reclutamento di 304 posti (area funzionale III a tempo indeterminato)

Requisiti di ammissione al concorso

Per partecipare al bando è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti d’accesso:

  • cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o cittadinanza di uno Stato diverso da quelli appartenenti all’Unione Europea, solo qualora ricorrano le condizioni previste dall’art. 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
  • età superiore a 18 anni;
  • godimento dei pieni diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o provenienza;
  • idoneità allo svolgimento del ruolo che si andrebbe a ricoprire;
  • posizione regolare nei confronti del servizio di leva per chi ne sia soggetto all’obbligo.

Oltre questo, bisogna essere in possesso di diploma di laurea (DL) oppure laurea (L) oppure laurea specialistica (LS) oppure laurea magistrale (LM), rilasciato da Università statale o non statale accreditata dal Ministero dell’Università e della Ricerca, in una classe indicata nel bando, rispetto all’ambito del profilo professionale di laurea triennale o magistrale indicata nel bando riportato in Gazzetta Ufficiale all’art. 3 sotto la voce “Requisiti di ammissione”.

In caso di mancanza nei requisiti di ammissione, nonché di eventuale non osservanza in toto dei termini dichiarati dal bando in via perentoria, l’Amministrazione potrà disporre l’esclusione dal concorso in qualunque momento.

Termini e modalità di presentazione della domanda

Il bando del concorso è presente - oltre che in Gazzetta Ufficiale - anche sul sito istituzionale del Ministero dell’Istruzione.

La presentazione della domanda di partecipazione al concorso deve avvenire solo per via telematica, attraverso lo SPID (il sistema pubblico di identità digitale) e la compilazione del modulo apposito disponibile sulla piattaforma. Il candidato, per poter partecipare, deve inoltre possedere un indirizzo PEC, ossia di posta elettronica certificata di cui deve essere titolare.

Gli interessati possono presentare istanza online entro e non oltre le ore 18.00 del 27 agosto 2021. Al di fuori di questo termine non sarà possibile ricevere domande. L’invio del modulo è certificato dal sistema informatico e, quindi, anche la data di inoltro della domanda.

Cosa deve contenere la domanda di partecipazione al concorso

Nella domanda di partecipazione al concorso, il candidato è tenuto a dichiarare:

  • la propria identità;
  • dati personali e codice fiscale;
  • indirizzo di residenza;
  • il pieno possesso della cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione europea o dei requisiti di cui all’art. 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
  • il pieno godimento dei diritti civili e politici nello Stato di appartenenza o di provenienza, oppure le ragioni del mancato godimento dei diritti civili e politici;
  • l’iscrizione nelle liste elettorali, oppure il motivo della mancata iscrizione dalle stesse;
  • la posizione regolare di leva e di non essere stato dispensato da pubblici impieghi, oltre che non aver subito condanne penali;
  • il titolo di studio tra tutti quelli previsti dal bando;
  • ulteriori dichiarazioni.

Lo svolgimento delle fasi di concorso

Nel caso in cui si renda necessario l’inserimento di una prova pre-selettiva, a causa della larga adesione, questa consisterà in un test a tempo con quesiti a risposta multipla attraverso l’utilizzo di mezzi informatici. A questa si affiancheranno poi una prova scritta e orale.

Successivamente, saranno pubblicate delle graduatorie. Il bando specifica che la vincita del concorso non costituisce una garanzia dell’assunzione. Tuttavia, il candidato che vince il concorso è invitato a stipulare un contratto di lavoro finalizzato all’inserimento a tempo pieno e indeterminato nei ruoli professionali indicati nell’area III, posizione economica F1, secondo la normativa attualmente in vigore.

Iscriviti a Money.it