Come sta Papa Francesco: il bollettino medico

Giorgia Bonamoneta

04/07/2021

04/07/2021 - 23:57

condividi

Dopo diverse ore di intervento, Papa Francesco è uscito dalla sala operatoria del professor Alfieri. Le sue condizioni di salute sono buone, ora deve riposare per almeno 5-7 giorni.

Come sta Papa Francesco: il bollettino medico

Alle 15 di questo pomeriggio (4 luglio 2021) Papa Francesco è entrato nel policlinico universitario “Agostino Gemelli” per essere sottoposto a un’operazione. L’intervento chirurgico non è stata un’emergenza, al contrario era programmato da mesi.

Il Papa non ne aveva fatto parola con la stampa o con la piazza gremita di San Pietro per l’Angelus. Una breve nota vaticana di Matteo Bruni, direttore della Sala Stampa della Santa Sede, ne ha dato notizia.

L’operazione è stata svolta dall’esperte mani del professor Sergio Alfieri e il bollettino medico conferma che le sue condizioni sono buone. Papa Bergoglio dovrà riposare nella struttura per una settimana, per essere monitorato, prima di tornare al suo lavoro.

Operazione programmata per Papa Francesco

Il bollettino del Vaticano, firmato da Matteo Bruni, direttore della Sala Stampa della Santa Sede, ha colto tutti di sorpresa, soprattutto perché il Papa, durante l’Angelus non ha fatto nessun accenno alla sua salute. La scorsa domenica però, come ha fatto notare l’Ansa, Bergoglio aveva chiesto una preghiera per sé stesso: “Pregate in modo speciale: il Papa ha bisogno delle vostre preghiere! Grazie. So che lo farete”, aveva detto.

Il Papa si è invece concentrato sui prossimi impegni che lo coinvolgeranno, come il viaggio in Ungheria, previsto per domenica 12 settembre 2021, in occasione della Santa Messa conclusiva del 52esimo Congresso Eucaristico Internazionale e del successivo viaggio in Slovacchia dal 12 al 15 settembre 2021.

Ecco il testo originale del bollettino vaticano di oggi:

Questo pomeriggio Sua Santità Papa Francesco si è recato presso il Policlinico A. Gemelli di Roma dove verrà sottoposto ad un intervento chirurgico programmato per una stenosi diverticolare sintomatica del colon.
L’intervento chirurgico sarà eseguito dal Prof. Sergio Alfieri. Al termine dell’intervento verrà diramato un nuovo bollettino medico.

L’intervento al colon per diverticolite - infiammazione dei diverticoli che devono essere rimossi - era programmato da diversi mesi, ma la data è rimasta un segreto fino all’ultimo momento. Su Il Riformista si parla di un’allerta dell’intelligence pontificia, che avrebbe controllato tutta l’equipe medica per la sicurezza del Pontefice durante l’intervento e una scorta numerosa per il trasporto per contrastare possibili minacce e attentati.

Sembra invece che il Papa si sia diretto al Policlinico universitario “Agostino Gemelli” senza scorta, accompagnato solo dall’autista e un altro stretto collaboratore. Salito al decimo piano dell’ospedale, Papa Francesco è stato seguito dall’equipe del professor Sergio Alfieri, responsabile dell’Unità operativa complessa di Chirurgia digestiva del Gemelli, che ha alle spalle un’esperienza di 9 mila interventi.

Le condizioni del Pontefice dopo l’operazione

L’operazione alla quale è stato sottoposto Papa Francesco non è complicata, ma vista l’età del paziente (84 anni) l’attenzione è maggiore. Dopo l’intervento, eseguito in serata, è previsto un periodo di riposo e monitoraggio di 7 giorni nella struttura ospedaliera del Gemelli.

L’operazione doveva concludersi per le 22-22:30, ma ancora non ci sono notizie sulle condizioni di salute del Pontefice. Non c’è stato neanche un aggiornamento post operatorio e non si conosce neanche la durata o le possibili complicazioni. Il mondo intero è rimane in attesa del nuovo bollettino della Sala Stampa della Santa Sede e prega per la buona riuscita dell’intervento.

Aggiornamento ore 24:00: la nota del Vaticano dichiara l’operazione riuscita e le condizioni del Papa sono buone. Di seguito la nota completa:

Il Santo Padre ha reagito bene all’intervento condotto in anestesia generale ed eseguito dal Prof. Sergio Alfieri, con l’assistenza del Prof. Luigi Sofo, del dott. Antonio Tortorelli e della dott.ssa Roberta Menghi.

Argomenti

# Chiesa

Iscriviti a Money.it