Come funziona Telepass Pay

Una guida completa su Telepass Pay: tutto quello da sapere su come funziona e i costi del Pacchetto Zero e Pacchetto Plus.

Come funziona Telepass Pay

Telepass Pay è un servizio offerto dalla società Telepass, controllata al 100% da Autostrade per l’Italia. Aderendo a Telepass Pay, l’automobilista riceve al proprio domicilio il dispositivo Telepass per il pagamento automatico del pedaggio, ma non solo. Infatti, tra le altre cose, l’innovativo servizio consente anche di pagare il parcheggio sulle strisce blu, il bollo auto e il bike sharing.

Dunque, quando si parla di Telepass Pay è riduttivo pensare al semplice Telepass, a cui i titolari di una vettura sono abituati ormai da diversi anni. Autostrade per l’Italia ha ideato una nuova offerta, capace di intercettare numerose aree di interesse per milioni di automobilisti.

Per semplificare il tema, esistono tre versioni di Telepass Pay: la prima ha per oggetto il Pacchetto Zero; la seconda, invece, è associata al termine Pacchetto Plus; infine, per la terza viene impiegato l’appellativo Telepass X.

Telepass Pay: come funziona

Di seguito una guida approfondita su come funziona Telepass Pay: illustreremo cosa si può fare con il Pacchetto Zero, oltre a spiegare quali sono le differenze tra Pacchetto Plus e Telepass X, riportando in conclusione i costi.

Pacchetto Zero di Telepass Pay

Il Pacchetto Zero di Telepass Pay prevede la sola attivazione del servizio Strisce Blu (a cui dedicheremo un capitolo a parte più avanti), si tratta dunque di una soluzione rivolta ai soli automobilisti che desiderano pagare il parcheggio sulle strisce blu senza dover più ricorrere alle monetine o alla carta di credito.

Il servizio Strisce Blu di Telepass Pay ha un canone mensile gratuito. Dalla lettura delle condizioni economiche contrattuali, gli unici costi riferiti al Pacchetto Zero sono:

  • 2,00 euro: imposta di bollo sul rendiconto annuale
  • 1,50 euro: invio di comunicazioni in formato cartaceo

Gratis anche i SMS di sicurezza e informativi, così come sono gratuite le commissioni per ciascun addebito.

Per una visione completa del contratto relativo al Pacchetto Zero, vi invitiamo a cliccare sul file che vedete qui sotto.

Documento di sintesi Pacchetto Zero di Telepass Pay
Le pagine del contratto di Telepass Pay Zero in formato PDF insieme alle condizioni economiche.

Importante: in qualsiasi momento, l’utente può decidere di aderire al servizio più completo Telepass Pay Plus.

Pacchetto Plus di Telepass Pay

L’automobilista che opta per il Pacchetto Plus di Telepass Pay può pagare:

  • strisce blu
  • carburante
  • taxi
  • bollo
  • skypass
  • lavaggio auto
  • monopattino elettrico
  • traghetti
  • abbonamenti annuali ATM
  • biciclette elettriche Helbiz

In relazione al pagamento del bollo auto, la commissione è pari a 1,87 euro. Inoltre, il servizio Skypass Telepass Pay prevede un costo di registrazione per ciascuna tessera di 5 euro (il prezzo sale a 7 euro se viene scelta la spedizione delle tessere mediante posta). Sono gratis, invece, tutti gli altri servizi elencati qui sopra.

Merita un discorso a parte il pagamento del carburante. Le condizioni economiche del contratto specificano che il limite giornaliero di rifornimento è pari a 150 euro, soglia che sale a 250 euro in una settimana e a 750 euro in un mese. Occorre poi sottolineare che devono trascorrere almeno 3 ore tra la prima e la seconda operazione nella stessa area di servizio.

Perché si chiama Telepass Pay Plus? L’aggettivo Plus sta a indicare l’attivazione del contratto Telepass Pay in aggiunta al contratto Telepass, con quest’ultimo che permette di pagare il pedaggio autostradale in maniera automatico grazie appunto al dispositivo Telepass.

Inoltre, Plus identifica una differenza sostanziale rispetto a Zero: mentre il secondo offre soltanto il pagamento delle strisce blu, la variante Plus consente di avere accesso a una serie di innumerevoli servizi di pagamento.

Come facilmente prevedibile, il Pacchetto Plus si paga. Il canone mensile è di 1,24 euro, prezzo che può però salire a 1,50 euro se si disdice il conto Telepass.

Cliccando sul file qui sotto potete scaricare e leggere il contratto di Telepass Pay, relativo al Pacchetto Plus.

Documento di sintesi Pacchetto Plus di Telepass Pay
Le pagine del contratto di Telepass Pay Plus in formato PDF, oltre alle condizioni economiche.

Telepass Pay X

A livello di servizi, Telepass Pay X non offre nulla di diverso rispetto al Pacchetto Plus di Telepass Pay, se non il nuovo dispositivo Telepass in omaggio. La vera differenza consiste nella possibilità di non pagare né il canone Telepass né il canone Telepass Pay per i primi due anni, a patto di effettuare la sottoscrizione a Telepass X entro il 1° aprile 2021, come viene riportato nel foglio illustrativo presente sul sito ufficiale dell’azienda e alla fine di questo paragrafo.

Una volta scaduti i primi due anni di contratto, l’automobilista affronterà gli stessi costi previsti dal canone mensile del Pacchetto Plus. Di conseguenza, chi presenterà la disdetta per il conto Telepass andrà a pagare come canone 1,50 euro anziché 1,24 euro.

Se volete una visione dettagliata del contratto Telepass Pay X, non dovete far altro che cliccare sul documento in formato PDF presente qui sotto.

Foglio informativo dei servizi Telepass Pay X
Le pagine del foglio informativo sui servizi di Telepass Pay X e le condizioni economiche.

Pagare le strisce blu con Telepass Pay

Una delle funzionalità più interessanti di Telepass Pay è il pagamento delle strisce blu tramite l’app per smartphone, disponibile sia per i possessori di uno smartphone Android (link Play Store) sia per chi, invece, ha un iPhone (link App Store). Grazie a questo servizio, gli automobilisti non devono più preoccuparsi di avere le monetine con sé né di cercare il parchimetro per ritirare il biglietto della sosta da posizionare sul cruscotto della macchina.

Il funzionamento è piuttosto semplice. Una volta trovato un parcheggio sulle strisce blu, bisogna aprire l’app Telepass Pay, quindi fare tap sull’opzione Paga la sosta, confermare l’indirizzo e infine l’orario di sosta. In automatico, nella parte superiore della schermata compare l’importo del parcheggio, in base all’orario selezionato. Nel caso si abbia bisogno di prolungare la sosta, è sufficiente lanciare di nuovo l’app Telepass Pay, pigiare sull’icona + sotto la voce Prolunga e aggiungere i minuti o le ore che si desidera.

Importante: per consentire ai vigili urbani di verificare che venga utilizzato Telepass Pay per il pagamento della sosta sulle strisce blu, l’automobilista deve esporre sul parabrezza il tagliando Telepass Pay. Infatti, se non trovano esposto il tagliando, i vigili applicano la sanzione prevista per il mancato pagamento, anche qualora il conducente della vettura abbia regolarmente pagato con l’app. Dunque, è fondamentale dimostrare l’utilizzo di Telepass Pay posizionando sul parabrezza il tagliando da scaricare tramite questo link oppure cliccando sul file in formato PDF qui sotto.

Tagliando strisce blu Telepass Pay
La pagina dove ritagliare il tagliando Telepass Pay da esporre sul parabrezza della macchina per dimostrare il pagamento delle strisce blu

Il servizio Telepass Pay per pagare la sosta sulle strisce blu è disponibile nei principali capoluoghi italiani e in tanti altri comuni, ma al momento non ha raggiunto ancora tutti i centri abitati del Paese. Per questo motivo, prima di partire e lasciare le monetine a casa, il consiglio è di verificare la possibilità di usare l’applicazione nella città dove si è diretti consultando questo indirizzo (la mappa ufficiale di Telepass Pay dove sono indicati i centri in cui il servizio Strisce blu è attivo).

Un’altra nota importante. Durante il primo avvio dell’app Telepass Pay, se non si è provveduto a farlo tramite l’area riservata del sito ufficiale Telepass, occorre inserire il numero di targa dell’automobile e l’IBAN del conto corrente. Essi possono poi essere modificati in qualsiasi momento eseguendo l’accesso all’area riservata o alla sezione dedicata presente nell’applicazione.

Pagare il carburante con Telepass Pay

Con Telepass Pay è possibile anche fare rifornimento presso i distributori convenzionati, dove viene esposto il logo ufficiale del servizio. Ad oggi, la principale compagnia è la Q8 con oltre 2.600 punti vendita attivi, seguita da IP e Tamoil, che insieme non raggiungono però nemmeno le 1.000 unità.

Per pagare la benzina o il diesel con Telepass Pay al self service bisogna prima avviare l’app e pigiare sulla funzione Fai rifornimento. Si aprirà, in automatico, una nuova schermata, dove verrà visualizzata una mappa riportante le stazioni di servizio più vicine omologate al servizio. A questo punto, occorre decidere dove andare e, una volta arrivati, fare tap su Fai rifornimento.

Nella nuova schermata che si apre, scegliere l’importo del rifornimento (è possibile anche selezionare il pieno), quindi pigiare sul bottone Ottieni codice. Per sbloccare la pompa di carburante, è necessario inserire il codice tramite la colonnina del self service.

Presso le stazioni di servizio Q8 bisogna selezionare sulla colonnina il pulsante accanto a Codici e Rimborso (in basso a destra), schiacciare poi il pulsante posizionato in corrispondenza della voce Codici pagamento, quindi con il tastierino numerico inserire il codice fornito dall’app Telepass Pay. Infine, scegliere il numero della pompa presso cui si vuole fare rifornimento.

Nota: l’addebito sul conto corrente associato a Telepass Pay avverrà alla prima fattura utile.

Pagare il bollo auto con Telepass Pay

L’automobilista ha l’opportunità di pagare il bollo con Telepass Pay. Così come il pagamento del parcheggio sulle strisce blu, il servizio richiede la registrazione della targa e l’IBAN riferito al conto corrente personale su cui addebitare la somma richiesta.

La prima cosa da fare è aprire l’applicazione, pigiare sull’icona del menu in alto a sinistra e, dal menu a tendina che si apre, selezionare la voce Paga bollo veicolo (sotto Impostazioni). Nella nuova schermata fare tap su Prosegui, quindi confermare il numero di targa e la tipologia del mezzo per poi pigiare una seconda volta sul bottone Prosegui, infine fare tap su Conferma e paga.

Consigliamo di verificare che l’importo da pagare sia esatto, sfruttando lo strumento di calcolo del bollo auto offerto gratuitamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

Qui sotto il video del procedimento pubblicato dal canale ufficiale Telepass su YouTube.

Costo Telepass Pay

Il servizio Telepass Pay ha un costo mensile di 1,24 euro, che si va sommare al prezzo di 1,26 euro per chi ha già sottoscritto il conto Telepass, per un costo complessivo dunque pari a 2,50 euro.

Chi sceglie di aderire a Telepass Pay X, i primi due anni sono gratis. Al termine, il canone mensile corrisponderà regolarmente a 2,50 euro. Rispetto alla versione standard, Telepass Pay X consente di avere in omaggio il nuovo Telepass.

Infine, il Pacchetto Zero di Telepass Pay, limitato al solo pagamento del parcheggio sulle strisce blu, ha un canone mensile gratuito. L’automobilista può decidere in qualsiasi momento di passare al servizio completo di Telepass Pay, al costo di 1,24 euro.

Nota: i clienti Telepass Pay o Telepass Pay X che disdicono il conto Telepass pagano un canone mensile di 1,50 euro.

Iscriviti alla newsletter Motori

Argomenti:

Telepass

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.