La classifica delle regioni con più green pass: migliori e peggiori

Luna Luciano

12/10/2021

12/10/2021 - 21:47

condividi

Per la prima volta il Ministero della Salute pubblica i dati dei Green Pass scaricati per Regione: in alcune zone d’Italia ci sono più certificati verdi che in altre. Ecco la classifica.

La classifica delle regioni con più green pass: migliori e peggiori

Il 15 ottobre si avvicina e sono stati 93 milioni i green pass emessi in tutta Italia. A comunicarlo è stato il Ministero della Salute, che ha presentato per la prima volta i dati divisi in base alla Regione e alla tipologia del certificato.

Una nuova cartina che mostra come in tutta Italia ci si stia preparando all’entrata in vigore del green pass sul luogo di lavoro. Intanto sono molte le segnalazioni che tutt’ora giungono al numero verde del Ministero, numerose le difficoltà riscontrate dagli utenti per scaricare il proprio certificato.

Green pass, quanti quelli scaricati in Italia

Sono all’incirca 93 milioni i green pass emessi dalla piattaforma del Ministero della Salute, che per la prima volta ha deciso di dividere i dati in base alla tipologia e alla Regione. Ovviamente i 93 milioni di certificati non corrispondono a una singola persona. Infatti ogni cittadino può scaricare il green pass più di una volta, dopo una delle due dosi del vaccino, dopo aver fatto un tampone oppure dopo essere guarito dal Covid-19.

Sono quindi molte le notizie che si possono trarre e dedurre dalle tabelle di dati messe a disposizione dalle Istituzioni.

  • 70 milioni, circa i due terzi del totale, sono stati emessi in seguito alla vaccinazione con durata quindi di un anno.
  • 20 milioni sono invece i pass scaricati a seguito di tampone che scadono nelle successive 48 ore, se test antigenico, o 72 ore per il test molecolare.
  • Poco più di 2 milioni sono invece i pass ottenuti da chi è guarito dal Covid 19, che ha durata di sei mesi.

Dalle tabelle del Ministero però è possibile avere chiaro anche come le singole Regioni si stiano preparando al 15 ottobre, se i cittadini abbiano scaricato o meno il certificato che consentirà loro di recarsi sul luogo di lavoro.

Green pass: la classifica delle Regioni

Una cartina “green pass” poco omogenea. È questo quello che emerge dai dati forniti dal Ministero della Salute: non tutte le Regioni arriveranno preparate al 15 ottobre. I numeri riportati sulla tabella nazionale devono essere confrontati con la popolazione delle Regioni, in alcune di queste sono molti di più i cittadini che possiedono il green pass rispetto ad altre.

  • le Regioni con più green pass. Ciò che salta subito all’occhio sono i numeri registrati in Lombardia, la Regione “apripista” della classifica, infatti qui le certificazioni verdi scaricate sono 16,5 milioni, un numero doppio rispetto alle altre che la seguono. Al secondo posto troviamo il Lazio con 8,6 milioni, il Veneto con 8,5 milioni e la Campania con 8,2milioni di certificazioni. Allo stesso modo sono buoni anche i risultati registrati in Emilia Romagna (7,7 milioni), Piemonte (6,5 milioni) e, a sorpresa, anche della Sicilia, una delle Regioni più colpite quest’estate, dove sono stati emessi già 6,6 milioni di certificati.
  • le Regioni con meno green pass. A fare peggio invece sono state due Regioni del Sud Italia, la Sardegna e la Calabria. Come la Sicilia quest’estate le due Regioni avevano registrato un’impennata dei casi anche a causa del turismo estivo. La Sardegna ha emesso solo 2,5 milioni di green pass mentre la Calabria solo 2,4 milioni.

Utenti in difficoltà per certificato: la soluzione del Ministero

Nonostante i dati del Ministero molte sono ancora le questioni irrisolte. Numerose infatti sono state le segnalazioni di utenti che, pur avendo diritto al Green Pass, non riuscivano e tutt’ora non riescono a scaricare il famoso certificato, indispensabile adesso per lavorare.

Infatti la maggior parte delle chiamate al numero verde 1500 segnalano il mancato invio del authcode, il codice necessario per scaricare la certificazione. In difficoltà sono anche i numerosi cittadini stranieri che hanno ricevuto il vaccino ma non avendo documenti o tessera non riescono a scaricare la certificazione.

Per tale ragione il Ministero ha deciso di porvi rimedio trovando una soluzione. Chi non è riuscito a scaricare il green pass potrà mostrare la documentazione relativa al vaccino, alla guarigione o all’esito negativo di un tampone, che sarà ritenuta valida.

Argomenti

Iscriviti a Money.it