Certificati o ETF? Guida alla scelta

Investire in Certificati o in ETF? Sembrano prodotti finanziari simili tra loro dato che consentono di puntare sull’andamento di un intero listino azionario. Tuttavia, non è così semplicistico, occorre esaminare le dovute differenze. Ecco la guida alla scelta.

Certificati o ETF? Guida alla scelta

Investire in Certificates o in ETF? La maggior parte degli investitori ritiene che sia i Certificati che gli ETF siano prodotti finanziari assimilabili dato che entrambi consentono, con un investimento esiguo, di accedere e di puntare sul mercato azionario in modo indiretto.

Questa apparente similarità non deve confondere ed indurre in errore gli investitori,. Per questo motivo occorre analizzare tutte le differenze importanti che intercorrono tra i Certificati e gli ETF .

Questo articolo si propone di guidare i risparmiatori nell’oculata e sapiente scelta di investimento optando per l’acquisto dei Certificati o degli ETF. Vediamo di capire meglio le caratteristiche distintive dell’uno e dell’altro prodotto finanziario.

ETF o Certificati?

Per i soggetti che sono alla ricerca di un prodotto di gestione del risparmio che consenta di speculare nel breve periodo ed ottenere un rendimento immediato senza attendere troppo tempo, il consiglio è quello di puntare sui Certificati.

Per chi intende massimizzare il guadagno con il minore sforzo possibile, occorre prendere in considerazione “Effetto leva”, ovvero quanto l’asset riesce a moltiplicare l’andamento del mercato su cui si punta.

Maggiore è la leva, maggiori sono i potenziali guadagni e, di conseguenza, anche le perdite derivanti: da un’analisi sugli ETF quotati su Piazza Affari, essi possono raggiungere una leva pari a 2, mentre i Certificati godono di una leva pari a 5, dunque sono maggiormente rischiosi.

Di qui, si comprende come il potenziale di introitare e di speculare nel brevissimo periodo sia maggiore se si punta sui Certificati che sono derivati cartolarizzati o, meglio una combinazione di contratti finanziari incorporati in un unico titolo negoziabile come se fosse un’azione.

Data la loro maggiore rischiosità rispetto agli ETF, quando si decide di investire sui Certificate occorre fissare un limite (STOP LOSS) alle perdite massime che si vuole tollerare.

L’investitore è libero di fissare il limite in base alle proprie esigenze: per esempio appena si perde il 10% si può decidere di vendere il Certificate.
Un utile consiglio e suggerimento è quello di non impostare un limite né troppo esiguo (2/3%) né troppo elevato (superiore al 30%).

Non di rado, è possibile reperire all’interno dei certificati le cosiddette “barrier option” che offrono la possibilità di proteggersi dalla discesa dell’asset sottostante fino a quando non raggiunge il limite identificato dalla barriera.

Un esempio molto interessante di questo genere è costituito dal Bonus Certificate, lo strumento finanziario costituito da due componenti: il sottostante e l’opzione barriera con lo strike (prezzo) più elevato rispetto al livello iniziale.

Investire nel lungo periodo: cosa scegliere?

Per chi è alla ricerca di un investimento di medio-lungo termine e vuole costruire un capitale, o più semplicemente diversificare e valorizzare nel tempo un risparmio a costi ridotti, gli ETF sono più adatti e versatili per raggiungere l’obiettivo.

L’offerta e la gamma di ETF sul mercato è talmente varia da poter consentire al sottoscrittore di entrare sul mercato con capitali modesti e di ottenere una gestione del risparmio con un rischio mediamente contenuto.

Gli ETF non sono altro che un’evoluzione dei Fondi comuni d’investimento e permettono di seguire da vicino l’evoluzione del proprio indice azionario di riferimento, offrendo la massima trasparenza possibile.

Nella guida alla scelta dell’investimento nel medio-lungo periodo occorre tenere in considerazione la possibilità di beneficiare della c.d. rotazione settoriale.
Dato che il mercato è formato da diversi comparti azionari, corrispondenti ai differenti settori economici interessati da un continuo alternarsi di fasi di espansione e di contrazione, la rotazione settoriale permette di selezionare quei comparti di business che presentano un potenziale di crescita maggiore.

Attraverso gli ETF è possibile prendere immediata posizione su uno specifico mercato azionario in modo tale da ottenere un’immediata esposizione sul settore economico stesso, beneficiando della sua crescita e della possibilità di diversificare il rischio.

ETF o Certificati? Considerazioni conclusive

Nella guida alla scelta tra ETF o Certificati, data la “schizofrenia” dei mercati azionari e la grande turbolenza che caratterizza sempre di più i mercati finanziari, gli ETF come i fondi comuni di investimento, consentono di investire in una pluralità di azioni.

La sua quotazione ricalca quello dell’indice borsistico a cui sono legati: comprando un ETF si compra un paniere predeterminato e si acquista in un solo colpo tutti i titoli di un comparto, di un settore o di una Borsa.
Con un investimento minimo e con una sola operazione, il risparmiatore ha la possibilità di investire contemporaneamente in tutte le azioni che compongono l’indice di riferimento.

Inoltre, gli ETF sono caratterizzati da bassi costi per chi li utilizza e sono una validissima opportunità di investimento con caratteristiche similari ai fondi comuni di investimento.

Il denaro che si investe comprando una quota di ETF è tenuta separata da quello dell’emittente, mentre nel caso di sottoscrizione di Certificates questo non è possibile.

Di conseguenza, nel caso degli ETF il rimborso del denaro è garantita per il 90% dell’importo investito, mentre nel caso del certificato, il sottoscrittore si espone totalmente al rischio che la banca o altro emittente fallisca.

Sono considerazioni di non poco conto per chi sta valutando di investire e di scegliere un ETF rispetto ai Certificates.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su ETF

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.