Centri estetici e solarium chiusi con il nuovo DPCM?

Cosa prevede l’ultimo DPCM per estetiste, solarium e centri massaggi: dove sono chiusi e dove aperti nelle zone gialle, arancioni e rosse.

Centri estetici e solarium chiusi con il nuovo DPCM?

Quale destino per centri estetici, solarium e centri massaggi dopo la firma dell’ultimo DPCM? Le estetiste sono aperte nella zona gialla e arancione, mentre in zona rossa chiudono centri estetici, centri massaggi e solarium almeno fino al 3 dicembre 2020.

Dove non ne è disposta la chiusura, i centri estetici sono aperti con le stesse regole di prima: per appuntamento e con obbligo di mascherina e igienizzazione di ambienti e strumenti utilizzati.

Estetiste, solarium e centri massaggi sempre aperti nelle regioni gialle

Nuovo DPCM significa nuove chiusure e restrizioni, ma non dappertutto. Infatti il decreto in vigore dal 6 novembre divide l’Italia in tre aree di rischio (zona gialla, arancione e rossa) modulando le restrizioni in base al numero dei positivi. Nelle regioni gialle che, per fortuna, sono le più numerose, non ci sono novità per estetiste e solarium: queste attività resteranno aperte con contingentamento degli ingressi, per appuntamento e mascherina obbligatoria. Nessuna restrizione nemmeno per barbieri e parrucchieri.

Chiudono, invece, centri e gallerie commerciali nei festivi e prefestivi, musei, ristoranti e bar alle 18.00, e scatta il coprifuoco nazionale alle 22.00.

Centri estetici nella zona arancione

Nelle regioni arancioni, quelle con rischio medio-alto, sono aperti parrucchieri, barbieri e centri estetici.

In queste regioni chiudono anche bar, ristoranti, pizzerie e pasticcerie che possono fare soltanto servizio di asporto o consegna a domicilio. Anche qui vale il coprifuoco nazionale dalle 22.00 alle 5 del mattino successivo, la chiusura dei centri commerciali (limitatamente al weekend e festivi), di mostre, musei e sale scommesse. Inoltre sono vietati gli spostamenti verso altre province o regioni, se non per giustificati motivi indicati nel modulo di autocertificazione.

Le estetiste sono aperte nelle zone rosse?

Chiusi fino al 3 dicembre i centri estetici nelle regioni più a rischio. Conte ha confermato che nella zona rossa tra i servizi alla persona restano aperti soltanto parrucchieri, barbieri, lavanderie e tintorie.

Qui sono chiusi negozi di abbigliamento, bar, locali e ristoranti con la sola possibilità di asporto fino alle 22 e consegna a domicilio.

Argomenti:

Coronavirus DPCM

Iscriviti alla newsletter

Money Stories