Cassa integrazione fino a dicembre? Potrebbe andare diversamente

Carmine Orlando

11 Giugno 2020 - 19:00

28 Dicembre 2020 - 10:02

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Fino a quando sarà prorogata la Cassa integrazione come misura atta a contrastare i danni economici dell’emergenza coronavirus? Il ministro Roberto Gualtieri non dà certezze.

Sono tante le ipotesi che si fanno sui tempi di proroga della cassa integrazione ma esiste una data certa? Da più parti si sente vociferare che fino a dicembre sarebbe garantita, ma in realtà non c’è nulla di messo nero su bianco che lo attesti. I lavoratori che usufruiscono della Cig non hanno certezze.

Nella trasmissione Porta a Porta condotta da Bruno Vespa, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha sostenuto che la cassa integrazione sarà garantita fino a quando l’economia non si riprenderà e questo vale per tutti i lavoratori che ne hanno diritto. L’obiettivo del governo è ridurla, perché questo significherebbe un ritorno all’occupazione.

Tuttavia, il problema resta con i tempi di pagamento. Sin dall’inizio dell’emergenza coronavirus, la cassa integrazione è stata presa come misura contro le conseguenze del lockdown, ma la burocrazia ha provocato gravi disagi alle famiglie che ne attendevano l’erogazione. A questo proposito, il Ministro Gualtieri ha auspicato che il problema legato ai ritardi possa risolversi entro venerdì 12 giugno 2020. Nel peggiore dei casi, nessun lavoratore avente diritto rimarrà senza Cig entro la fine del mese.

Tornando alla proroga della cassa integrazione, Gualtieri non si è sentito in grado di stabilire un termine, ma ha garantito che si ricorrerà a essa fino a quando la crisi economica post COVID-19 non sarà del tutto superata. Si tratta di un’indicazione un po’ vaga con cui il ministro dell’Economia non si sbilancia sul mese di dicembre come scadenza di erogazione, ma che lascia intendere come questa misura di sostegno al reddito possa essere ridotta o dismessa prima della fine dell’anno, come anche essere prolungata al 2021.

Il ministro Gualtieri si è espresso durante la trasmissione Porta a Porta anche sulle richieste di contributi a fondo perduto, confermando che da lunedì 15 giugno sul sito dell’Agenzia delle Entrate sarà possibile trovare il modulo relativo per procedere alla sua semplice compilazione.

Gualtieri ha affrontato anche il discorso degli Stati generali. Secondo il ministro si tratta di una tappa obbligata per definire il piano di ripresa italiano da presentare a settembre alla commissione europea.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories

Selezionati per te

Correlato