Caregiver: chi è, cosa fa, cosa prevede la legge

Il caregiver familiare è una figura dedita all’assistenza di anziani e disabili e rappresenta una realtà importante nel nostro Paese. Vediamo chi è, cosa fa e cosa prevede in merito la legge.

Caregiver: chi è, cosa fa, cosa prevede la legge

Quella del caregiver è una figura di cui sempre più spesso si sente parlare. La parola caregiver si potrebbe tradurre letteralmente in italiano con “colui che dà le cure”.

Il caregiver è una persona che si occupa di un familiare anziano, con disabilità o difficoltà.

Una figura che purtroppo vive quasi sempre nel silenzio laddove la normativa per il riconoscimento e la tutela del caregiver è ancora poco efficace e insufficiente.

Esistono a oggi i permessi 104, un bonus (fermo) e un fondo per i caregivers, ma non sembrano essere ancora sufficienti e manca una legge seria in merito. Vediamo allora chi è il caregiver, cosa fa e soprattutto la legge a oggi cosa prevede.

Chi è il caregiver in Italia

Chi è il caregiver lo abbiamo in parte accennato: uno degli obiettivi di questo articolo è approfondire questo aspetto.

Il caregiver familiare è quella persona che a titolo gratuito e fuori dall’ambito professionale si occupa dell’assistenza di un figlio, genitore o altro familiare disabile o che comunque non sia autosufficiente.

Sono sempre di più in Italia i caregivers familiari e questi spesso sono costretti ad abbandonare il lavoro, anche se molto giovani, per potersi totalmente dedicare alla cura di un figlio o un genitore che altrimenti non potrebbe vivere.

L’Istat ha stimato che i caregivers in Italia sono oltre il 17% della popolazione e vale a dire almeno 8,5 milioni. Di questi almeno 7,3 milioni (14,9%) sono familiari delle persone bisognose di cure e le famiglie con i casi più gravi che richiedono quindi uno sforzo maggiore sono 600mila.

Ancora i dati Istat confermano che i caregivers sono principalmente donne:

  • il 30% ha un’età inferiore ai 45 anni;
  • il 40% ha tra i 46 e i 60 anni;
  • il 60% dei caregivers è disoccupato.

Questi infatti dedicano ai propri familiari molto tempo e in particolare dalle 10 alle 20 ore a settimana e anche di più. In particolare le percentuali sono così ripartite:

  • il 25,1 % dei caregivers dedica più di 20 ore a settimana alla cura del familiare;
  • il 19,8% per almeno 10 ore a settimana.
  • il 53,4% meno di 10 ore a settimana.

Cosa fa il caregiver

I numeri parlano di una buona fetta della popolazione e secondo lo studio del premio Nobel Elizabeth Blackburn questi hanno un’aspettativa di vita più bassa della media e che va dai 9 ai 17 anni in meno. Abbiamo visto chi è il caregiver, vediamo ora cosa fa. Il caregiver deve:

  • assistere il malato somministrando farmaci o terapie;
  • deve occuparsi dell’acquisto e prescrizione dei medicinali, nonché delle visite mediche specialistiche;
  • deve occuparsi in molti casi dell’igiene personale del malato quando non è autosufficiente;
  • deve occuparsi dei pasti e tutto ciò che concerne la cura e l’assistenza del familiare con disabilità o altra patologia.

Un lavoro molto faticoso quello del caregiver sia a livello fisico sia psicologico in quanto spesso la sua vita si riduce a poca socialità e stress.

Tutto ciò all’ombra delle istituzioni dove una legge che li tuteli davvero non esiste ancora e laddove una proposta è da mesi arenata al Senato. Vediamo quali sono le tutele previste (e non) per il caregiver e la legge.

Caregiver: ecco cosa prevede la legge

A oggi a tutela dei caregiver vi è solo la legge 104 per i tre mesi di permesso mensili per chi deve assistere i familiari con disabilità o anche il congedo straordinario fino a 2 anni per i casi più gravi.

Questo non è sufficiente per permettere al caregiver di avere una propria vita che vada al di là dell’assistenza del malato. Ci sono inoltre dei bonus e agevolazioni per i caregivers che a oggi non sono ancora sufficienti.

Tra questi per esempio il fondo statale previsto dalla Legge di bilancio 2018 per i caregivers familiari di 20 milioni l’anno per un totale di 60 milioni fino al 2020. A oggi dal ministero del Lavoro non è ancora arrivato alcun decreto per il bonus di 1.900 euro previsto dal Testo unico per i caregivers.

Da agosto presso la commissione lavoro del Senato giace il testo n.1461, una proposta di legge che deve ancora essere discussa e approvata. La proposta recante “Disposizioni per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare” arriva su iniziativa della senatrice Simona Nunzia Nocerino del M5S.

A oggi solo le iniziative delle regioni si muovono in direzione di una tutela del caregiver, laddove lo Stato non riesce a dare risposte certe in tal senso.

La prima regione a prevedere tutele maggiori per i caregivers è stata l’Emilia Romagna e anche Abruzzo, Campania, Lazio, Marche Piemonte, Lombardia e Sardegna stanno seguendo l’esempio.

Dal 2014 in Emilia Romagna esiste una legge regionale riportante “Norme per il riconoscimento e il sostegno del caregiver familiare” con la quale si riconosce la figura del caregiver come integrata nei servizi assistenziali e socio-sanitari.

Inoltre la Regione ha preso parte delle risorse per sostenere i caregivers dal fondo regionale per la non autosufficienza. Da queste risorse prende corpo l’assegno di cura di cui il caregiver e la propria famiglia può beneficiare mensilmente.

Inoltre la norma della Regione Emilia Romagna va nella direzione che i caregivers possano essere inseriti al massimo nel sistema socio-assistenziale favorendo il contatto con Onlus e servizi sul territorio regionale.

La speranza è che anche dallo Stato arrivi una legge esaustiva in tempi brevi che riconosca al meglio delle tutele per il caregiver, una realtà importante del nostro Paese.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories