Candy Crush, la società madre chiede IPO al NYSE. Le caramelle sbarcano a Wall Street

La King Digital Entertainment, società produttrice di Candy Crush chiede l’IPO al NYSE. I dettagli dell’operazione

Se diciamo King Digital Entertainment saranno pochi coloro che conosceranno questa società londinese nata nel 2002, se però nominiamo il suo prodotto di punta, il videogioco “Candy Crush”, diventa difficile trovare qualcuno che non ne abbia mai sentito parlare.

Ebbene l’azienda inglese ha depositato la richiesta IPO per quotarsi al New York Stock Exchange.

King Digital, che produce anche Pet Rescue Saga, Fram Heroes Saga e Papa Pear Saga, negli ultimi anni ha avuto una crescita esponenziale. Basta guardare i numeri: 4 milioni di guadagni nel 2011, 28 milioni nel 2012, 825 milioni nel 2013.

Parlando di fatturato, esso è passato da 22 milioni nel primo trimestre del 2012 a 602 milioni nel quarto trimestre del 2013.

Attualmente la società è leader nel settore, grazie anche all’accordo con Facebook che le ha permesso di esplodere e di farsi conoscere a livello mondiale e Candy Crush è il gioco più utilizzato dagli utenti del social network.

Ad oggi infatti Candy Crush pesa per il 75% sul totale del fatturato dell’azienda, ma i vertici contano di diminuire la percentuale nel prossimo futuro diversificando il portafoglio giochi. Complessivamente, nel 2013, «le caramelle» hanno portato un fatturato di 1,8 miliardi di dollari e un profitto pre-tassazione di 714$ milioni. Il numero di dipendenti è cresciuto da 144 nel 2011 a 665 nel 2013. Il fatturato medio per dipendente nel 2013 è stato di 2.7 milioni di euro.

Questo quanto si legge nei documenti attualmente al vaglio della Securities and Exchange Commission americana che deve dare il proprio assenso sull’offerta pubblica d’acquisto.

La società vorrebbe quotarsi sul NYSE con il simbolo “KING”.

I motivi che hanno portato l’azienda a decidere di entrare a Wall Street li spiega uno dei portavoce al Financial Times:

Il Mobile sta crescendo e i nostri giochi sono leader nel settore. Abbiamo una liquidità stabile, nessun debito e il nostro flusso di cassa è positivo dal 2005. L’IPO ci permette di creare un mercato liquido per i nostri attuali e futuri dipendenti e investitori e ci darà una grande flessibilità di agire su opportunità strategiche per continuare a crescere nel futuro.

L’operazione dovrebbe avere un valore di oltre 500 milioni di dollari. King Digital non ha però ancora precisato né l’ammontare di azioni che intende quotare, né il range di prezzo.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.