Elezioni 2021, le donne candidate sindaco sono solo 30. Ecco chi sono (e cosa vogliono)

Emiliana Costa

01/10/2021

04/10/2021 - 11:35

condividi

Alle elezioni amministrative 2021 sono solo 30 le candidate donne su 162 totali. Tra le big, Raggi, Sganga e Pavone

Elezioni 2021, le donne candidate sindaco sono solo 30. Ecco chi sono (e cosa vogliono)

Non è un’elezione per donne. Domenica 3 e lunedì 4 ottobre saranno chiamati alle urne 12 milioni di italiani per le amministrative 2021. Oltre 1200 comuni al voto, tra cui sei capoluoghi di regione (Bologna, Milano, Napoli, Roma, Torino e Trieste) e 14 capoluoghi di provincia (Benevento, Carbonia, Caserta, Cosenza, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona e Varese). La Lombardia detiene il «record», con 236 comuni alle urne. In Calabria si voterà anche per il presidente di Regione, dopo la scomparsa di Jole Santelli.

Quante sono le donne candidate sindaco?

Nei venti capoluoghi di provincia al voto si presentano in totale 162 candidati sindaco, circa otto per comune. Tra questi, le donne sono appena 30. Circa il 18 per cento. E nella maggior parte dei casi, si tratta di partiti minori. «Record» nella Capitale, con 7 candidate donne su 22 totali. Ma solo Virginia Raggi tra i big. Non è tutto. Come riporta il dossier prodotto dal Viminale in occasione delle consultazioni elettorali, le candidate donne in tutti i comuni al voto sono solo 535 su 2.855.
Dati che portano di nuovo alla ribalta il problema di un accesso equo ai partiti da parte delle donne e di un turn over nelle figure apicali ricoperte principalmente da uomini. Le candidate sindaco che si presentano nelle competizioni più importanti sono, oltre a Raggi, Valentina Sganga a Torino, Layla Pavone a Milano e Alessandra Richetti a Trieste. Tutte appartenenti al Movimento 5 Stelle. Il rischio concreto è che in nessuno dei venti capoluoghi al voto venga eletta una donna.

Chi sono le 30 candidate sindaco?

Bologna

  • Dora Palumbo (Sinistra Unita) - Ex Movimento 5 Stelle, i punti centrali della sua lista sono sanità, lavoro, istruzione e cultura
  • Marta Collot (Potere al Popolo) - La 28enne vuole recuperare la dimensione di città pubblica, amministrata dal popolo.

Milano

  • Layla Pavone (Movimento 5 Stelle) - Vuole riproporre a Milano un modello Londra, un board che possa coinvolgere imprese e università per un progetto per tutta la citt
  • Bianca Miriam Tedone (Potere al Popolo) - Tra i suoi obiettivi, la ristrutturazione e assegnazione immediata delle migliaia di alloggi popolari vuoti e inagibili
  • Alessandra Clemente - È la candidata del sindaco uscente, Luigi De Magistris. Tra i suoi obiettivi, potenziare la polizia in città, potenziare i trasporti e rafforzare il sistema del welfare.
  • Rosa Solombrino (Movimento 24 agosto Equità territoriale) - Vuole avvicinare la politica alla gente, allontanandola dalle segreterie.

Roma

  • Virginia Raggi (Movimento 5 Stelle) - Tra i punti principali del suo programma, la lotta al degrado e ai cambiamenti climatici
  • Elisabetta Canitano (Potere al Popolo) - Ginecologa, 66 anni, il suo obiettivo è riportare le periferie al centro della politica.
  • Micaela Quintavalle (Partito Comunista) - Ex autista Atac ed ex sindacalista, vuole risolvere il problema dei trasporti a Roma.
  • Cristina Cirillo (PCI) - Vuole realizzare il recupero di tutti gli alloggi, pubblici e privati, da dedicare all’edilizia economica e popolare per risolvere il problema delle occupazioni
  • Monica Lozzi (Revoluzione Civica) - Presidente uscente del VII Municipio, ex M5s, vuole più potere per i Municipi e una burocrazia più snella.
  • Margherita Corrado (Attiva Roma) - Senatrice di Crotone, 52 anni, tra i suoi obiettivi, la valorizzazione del patrimonio archeologico e culturale della città.
  • Fabiola Cenciotti (Popolo della famiglia) - Pilota di aerei e mamma di due bimbe, il suo motto è «meno tasse, più figli».

Torino

  • Valentina Sganga (M5S) - Tra i suoi punti fermi, lavoro, ambiente, giustizia sociale e inclusione.
  • Greta Giusy Di Cristina (Partito Comunista, Torino Città Futura) - Siciliana, 40 anni, tra i suoi obiettivi, la lotta al gap di genere.

Trieste

  • Alessandra Richetti (M5S) - Vuole una città attrattiva per i fondi regionali ed europei, inclusione sociale e più potere decisionale alle periferie
  • Tiziana Cimolino - Sostenuta da Sinistra in Comune e della lista dei Verdi, tra le sue priorità verde, mobilità sostenibile, trasporto pubblico gratuito e assistenza alle persone e ai lavoratori in difficoltà.
  • Aurora Marconi (Trieste Verde) - Al centro del suo programma ci sono le questioni ambientali.

Benevento

  • Rosetta de Stasio (Lega e Fratelli d’Italia) - Vuole una città turistica e ricca di eventi, con l’artigianato da rilanciare e l’assetto urbanistico da ridisegnare.

Carbonia

  • Daniela Garau - Sostenuta da Lega, Patto Civico, Noi con Voi, rappresenta compatto il centrodestra.

Cosenza

  • Bianca Rende - Appoggiata dai 5 Stelle, la sua proposta è discontinuità con il passato di centrodestra e di centrosinistra. Rendendo Cosenza una città del futuro.

Latina

Annalisa Muzio - (Movimento Fare Latina) Si candida perché crede di poter rappresentare a pieno i cittadini.

Nicoletta Zuliani - La sua candidatura è sostenuta dal leader di Azione Carlo Calenda.

Pordenone

Anna Ciriani (Amiamo Pordenone) - Si batte per la libertà di espressione e la tutela della privacy.

Ravenna

Veronica Verlicchi - Sostenuta da La Pigna, Italexit, Ravenna s’è desta, Noi per i lidi e Forese in comune, vuole dismettere le partecipazioni inutili per incassare risorse da investire sul territorio.

Rimini

Gloria Lisi - Sostenuta da civiche e dal Movimento 5 stelle, tra i suoi obiettivi fronteggiare il problema demografico.

Salerno

Elisabetta Barone - Sostenuta da una coalizione civica di area centrosinistra, tra i suoi punti cardine, dare voce ai giovani.

Simona Libera Scocozza - Punta su politiche giovanili, acqua pubblica come diritto umano, tematiche ambientali e animaliste.

Annamaria Minotti - Sostenuta da "Abilitiamo l’autismo h24”, il suo obiettivo è quello di sensibilizzare la società civile su questo tema.

Varese

Caterina Cazzato - Punta a candidare Varese «Smart City» con le risorse del Recovery Fund.

Iscriviti a Money.it