Britney Spears: cosa succede e perché i fan vogliono liberarla

15 luglio 2020 - 14:58 |

Sui social è impazzato l’hashtag #FreeBritney lanciato dai fan della cantante che chiedono di liberarla dal padre. Dietro la vicenda sono nate diverse teorie cospirazioniste descritte da Tommaso Zorzi, un influencer italiano.

Britney Spears: cosa succede e perché i fan vogliono liberarla

Cosa sta accadendo a Britney Spears e perché i suoi fan chiedono che venga liberata dal padre? Sui social sta rimbalzando l’hashtag #FreeBritney con cui i fan della pop star chiedono che venga liberata delle tutele legali del padre acquisite dopo il crollo psicologico che ebbe nel 2007. All’appello dei fan si è aggiunta anche Chiara Ferragni, commentando un post in cui veniva spiegato cosa sta accadendo.

Nel 2007 infatti accadde un episodio che è rimasto nella storia, la giovane cantante fu fotografata mentre si rasava i capelli dopo un terribile crollo psicologico che ha spinto il padre a chiedere e ottenere un’interdizione giudiziale, rendendola di fatto incapace d’intendere e di volere e ottenendo anche le gestione delle entrate economiche della pop star. Dopo quell’episodio, dimostrazione del malessere di Britney Spears, la cantante perse anche parte della custodia dei figli.

Britney Spears, perché i fan vogliono liberarla

La vita di Britney Spears è da sempre stata costellata di eventi spiacevoli, fin dagli esordi della sua carriera, quando ancora era bambina. Secondo le indiscrezioni pubblicate da diversi tabloid statunitensi sembrerebbe che il padre, Jamie Spears, abbia tenuto negli ultimi 12 anni un serrato controllo su Britney Spears sia sulla sua vita privata che su quella lavorativa, arrivando a chiedere una “conservatorship” allo Stato della California, con cui è diventato anche tutore del patrimonio della cantante.

Sempre secondo quanto riportato dai media americani il padre avrebbe impedito alla figlia di prendere diverse decisioni, anche inerenti la sua vita lavorativa e controllando la gestione dei suoi social media. La vicenda ha fatto nascere tra i fan il malcontento ed hanno iniziato a chiedere che venga liberata da questa gabbia in cui è stata inserita. Dalla vicenda sono nate diverse teorie, da un lato c’è chi ritiene che Britney Spears soffra della Sindrome di Stoccolma e non sia in grado di vedere lucidamente la situazione, dall’altro chi pensa che abbia consapevolezza, ma che non possa chiedere aiuto se non attraverso dei messaggi in codice. Sembrerebbe infatti che alcuni supporter abbiano notato degli strani messaggi in codice sui social di Britney Spears, facendo nascere delle teorie cospirazioniste.

Le teorie cospirazioniste dietro il movimento #FreeBritney

Dietro al movimento #FreeBritney nato sui social dai fan della cantante sembrano esserci diverse teorie cospirazioniste. Tommaso Zorzi, un giovane influencer italiano, ha raccontato, nelle sue Instagram Stories, che diversi fan si sono accorti di alcuni comportamenti anomali della cantante, che potrebbero essere delle richieste di aiuto in codice. Ad esempio in un post su Instagram la cantante ha pubblicato una foto a cui aggiunge una didascalia tratta da un romanzo indiano dove la protagonista cerca di scappare dal padre che la controlla in ogni aspetto della sua vita.

Un’altra vicenda, continua Zorzi, è accaduta più recentemente su TikTok, dove un utente avrebbe commentato un video della cantante dicendo “se hai bisogno di aiuto nel prossimo video indossa una maglia gialla”. Il caso ha voluto che in un video successivo la cantate indossasse effettivamente un maglia gialla. Infine, nell’ultimo periodo sembrerebbe che i commenti di solidarietà su questo tema stiano sparendo e sembrerebbe che ci sia lo zampino del padre dietro a queste azioni, che sta cercando d’insabbiare la situazione, in vista della prossima udienza fissata per il 22 agosto.

Argomenti:

Stati Uniti Biografie

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories