Bancomat Pay: come funziona il nuovo servizio per pagare tributi e acquisti online

In arrivo Bancomat Pay, il servizio con il quale i titolari di carta Bancomat potranno pagare online acquisti e tributi; ecco come funziona il trasferimento di denaro.

Bancomat Pay: come funziona il nuovo servizio per pagare tributi e acquisti online

Chi ha un Bancomat si sarà sicuramente trovato di fronte all’inconveniente di non poter utilizzare la propria carta per pagare online. Ad oggi, infatti, la carta Bancomat non fa parte dei metodi di pagamento accettati dagli e-commerce come Amazon ed Ebay, i quali accettano solamente carte di credito.

Dal 1° gennaio 2019, però, anche la carta del circuito Bancomat potrà essere utilizzata per pagare alcuni acquisti online grazie all’introduzione della nuova applicazione Bancomat Pay. Nel dettaglio, con questo nuovo servizio si potrà utilizzare il numero di cellulare per pagare ad un e-commerce, o anche per i pagamenti in favore della Pubblica Amministrazione, senza ricorrere per forza ad una carta di credito o al conto Paypal.

A tal proposito Alessandro Zollo, amministratore delegato di Bancomat, ha dichiarato che questa decisione è nata per “accelerare il rinnovamento strategico attraverso importanti investimenti nel mercato dei pagamenti e consolidando le relazioni con le banche in un percorso condiviso di modernizzazione del Paese”.

Un processo di modernizzazione che ha portato Bancomat a realizzare un servizio totalmente innovativo: come vedremo di seguito, infatti, il nuovo servizio Bancomat Pay utilizzando l’innovativa tecnologia Jiffy permetterà di pagare senza inserire codici o password, ma semplicemente utilizzando il proprio numero di telefono.

Insomma, una vera e propria rivoluzione per i pagamenti online.

Vediamo quindi come funzionerà il nuovo Bancomat Pay, la nuova app con cui dal prossimo 1° gennaio si potranno effettuare acquisti online e pagare tributi.

Bancomat Pay: la nuova applicazione per lo shopping online

I titolari di carta Bancomat (circa 37 milioni secondo i dati resi pubblici da Bancomat S.p.A) grazie ad un accordo siglato con SIA - leader europeo nella progettazione, realizzazione e gestione di infrastrutture e servizi tecnologici dedicati alle Istituzioni Finanziarie, Banche Centrali, Imprese e Pubbliche Amministrazioni - avranno a disposizione una app da installare sul loro smartphone per pagare online acquisti e tributi.

Nel dettaglio, la nuova Bancomat Pay utilizzerà il servizio Jiffy grazie al quale si potrà utilizzare la propria carta per:

  • pagare negli store online e negli e-commerce;
  • inviare e ricevere denaro in tempo reale.

Il tutto in totale sicurezza e semplicemente utilizzando il proprio smartphone. Per pagare online non sarà necessario avere con sé né la carta bancomat né tantomeno digitare Pin e password; una volta registrati al servizio, infatti, si potrà trasferire denaro utilizzando il solo numero di telefono.

Per chi non lo conoscesse, Jiffy è il servizio che permette di trasferire denaro tramite qualsiasi smartphone: basta scaricare l’applicazione (in questo caso la nuova Bancomat Pay) associare il numero di cellulare all’Iban e fornire tutte le autorizzazioni necessarie per inviare denaro semplicemente selezionando il beneficiario dalla rubrica telefonica (ovviamente solamente a coloro che hanno attivato il servizio). In alternativa si potrà utilizzare il servizio per pagare attraverso QR Code, o anche semplicemente avvicinando lo smartphone al POS.

È bene sottolineare, però, che la carta Bancomat non potrà essere utilizzata per tutti gli acquisti online, ma solo per i beni e i servizi - sia nei punti vendita che online - offerti dagli esercenti convenzionati con PagoBANCOMAT®.

Ad esempio, ad oggi non ci sono novità in merito alla possibilità di pagare con il nuovo servizio Bancomat Pay su Amazon, visto che tra i metodi di pagamento accettati dal più popolare e-commerce al mondo ci sono solamente carte appartenenti al circuito Visa, Mastercard, American Express, CartaSi e PostePay, mentre - ad esempio - non è autorizzato il pagamento da conto Paypal.

Bancomat anche per il pagamento dei tributi

C’è però una novità molto importante che riguarda il pagamento dei tributi tramite carta Bancomat: il servizio Bancomat Pay potrà essere utilizzato per i pagamenti a favore della Pubblica Amministrazione, sia locale che centrale, tramite la piattaforma PagoPA.

Si tratta - secondo i vertici di Bancomat S.p.A. - di una novità che potrebbe rappresentare un elemento decisivo per migliorare le statistiche italiane in merito all’utilizzo di strumenti di pagamento digitali, visto che ad oggi nel nostro Paese l’80% delle transazioni avviene ancora tramite lo scambio di contante. Siamo molto indietro, ad esempio, rispetto alla media europea visto che in tal caso l’utilizzo del contante non supera il 60% delle transizioni.

Iscriviti alla newsletter "Tech" per ricevere le news su Bancomat

Argomenti:

Bancomat E-commerce

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.