Bad Bank: cosa cambia per i risparmiatori?

Quali vantaggi con l’arrivo della bad bank per i risparmiatori? Ecco cosa cambia e gli effetti di una (o più) bad bank per famiglie e imprese.

Bad Bank: non si fa che parlare di questa “banca cattiva”, ma in molti ancora non hanno compreso a pieno cosa sia e, sopra ogni cosa, cosa cambia per i risparmiatori attraverso l’introduzione di una bad bank.

La realizzazione della tanto discussa bad bank quali conseguenze ha sui risparmiatori? I conti deposito dei cittadini sono in pericolo? Esiste qualche vantaggio per i cittadini o è solo una manovra istituzionale?

Andiamo ad analizzare quali sono le ripercussioni della bad bank sulle persone comuni.
Cosa cambia per i risparmiatori con la bank bank? Quali sono rischi e pericoli?

Bad bank: cosa cambia per i risparmiatori?

I risparmiatori hanno un vantaggio con l’arrivo di una (o più) bad bank? Che cosa cambia dalla prospettiva dei risparmiatori?
Uno dei vantaggi che i risparmiatori italiani potrebbero trarre dall’arrivo di una bad bank è un maggior senso di fiducia verso tutte quelle banche italiane che sono riuscite a liberarsi dal peso dei crediti deteriorati, uno dei maggiori motivi di forti crisi all’interno del comparto bancario.

Bad bank a difesa dei risparmiatori contro il bail-in?

Ma entra in gioco anche il fattore bail-in. Lo strumento secondo cui, in caso di difficoltà finanziarie delle banche, sono gli stessi azionisti, obbligazionisti e correntisti a contribuire con i propri soldi al salvataggio della propria banca, potrebbe essere evitato proprio grazie alla bad bank.

Come?
Se le banche decideranno di rivolgersi al veicolo della bad bank in cui far convogliare i crediti deteriorati, il livello di sofferenza bancaria dell’istituto si abbasserà, allontanando così il rischio che siano i risparmiatori a dover pagare in caso di forte crisi della banca di cui si è azionisti, obbligazionisti o correntisti.

L’arrivo di una bad bank, dunque, potrebbe - sotto questa prospettiva - essere una novità positiva per i cittadini italiani, che vedrebbero i propri risparmi al sicuro dal “mostro” del bail-in, che ha permesso che i risparmiatori perdessero il proprio capitale nel caso del salvaggio delle quattro banche fallite (Banca Marche, Etruria, CariFerrara e CariChieti).

Nell’ultimo caso citato, che ha alimentato pesanti polemiche, la situazione non è stata ritenuta tanto grave da essere risolta attraverso una bad bank. Si è optato per l’adozione di un bail-in “parziale” andando a colpire solo fino ai titoli subordinati delle quattro banche.

Ci sono anche altri vantaggi derivanti dalla bad bank, necessari per poter rispondere con precisione alla domanda su cosa cambia per i risparmiatori l’introduzione dei veicolo bad bank.
Le banche, liberate dal peso dei crediti deteriorati sui propri bilanci, potranno mettere a disposizione nuove offerte di credito alle famiglie e alle aziende italiane.

Bad bank: perché interessa ai risparmiatori?

Forexinfo ha avuto già modo di spiegare ai suoi lettori cos’è la bad bank, ma ripetiamo in breve che cosa prevede.
La bad bank è un “veicolo” per convogliare tutti quei crediti in sofferenza posseduti dalle banche in Italia. I crediti in sofferenza sono quei soldi che le banche italiane hanno prestato ma che non è sicuro che tornino indietro, mettendo così gli istituti bancari italiani fortemente a rischio.

In questo modo, attraverso la bad bank, si vuole cercare di ridurre il rischio fallimento le banche e sistemare i loro bilanci, necessità dovuta dal fatto che i crediti deteriorati ammontano a più di 200 miliardi di euro in Italia, ben tre volte al di sopra della media degli altri Paesi in Europa.

Una volta creata la bad bank, al suo interno viene fatto confluire parte o l’intero possedimento dei titoli tossici della banca che ne sta facendo uso.
In questo modo è direttamente la Bad Bank ad occuparsi della gestione dei portafogli che contengono crediti deteriorati, ed è lei a prendersi i rischi.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.