Deutsche Bank: BCE chiederà aumento di capitale per supportare fusione con Commerzbank

Deutsche Bank: aumento di capitale per supportare la fusione con Commerzbank? L’ipotesi torna in auge

Deutsche Bank: BCE chiederà aumento di capitale per supportare fusione con Commerzbank

Deutsche Bank: un aumento di capitale per supportare la fusione con Commerzbank potrebbe essere un’ipotesi plausibile.

Qualche settimana fa alcune iniziali indiscrezioni di stampa avevano già toccato il tema ricapitalizzazione. Oggi, l’ipotesi ha riacquistato vigore, ma non ha avuto lo stesso impatto sul titolo, che ha continuato a scambiare poco sopra la parità.

I rumors sul possibile aumento di capitale di Deutsche Bank sono rimbalzati sulle prime pagine dei quotidiani internazionali, mentre altre voci di corridoio hanno parlato di un possibile interesse di UniCredit su Commerzbank.

Oggi, alcune fonti vicine al dossier si sono dette convinte che, a fronte di una fusione, sarà proprio la BCE a chiedere un aumento di capitale a Deutsche Bank. L’entità della ricapitalizzazione però sarà calcolata soltanto in seguito.

Deutsche Bank: aumento di capitale da €10 miliardi?

A riportare per primo le notizie sull’ipotetico aumento di Deutsche Bank è stato il Financial Times, che citando fonti a conoscenza della materia ha parlato di alcuni funzionari della tedesca attualmente alla ricerca di un piano per raccogliere dai 3 ai 10 miliardi di euro.

Nella parte più alta della forchetta, l’aumento di capitale corrisponderebbe al 40% della capitalizzazione combinata dei due istituti.

“Per essere chiari, nel Management Board di Deutsche Bank non ci sono state discussioni sull’ipotesi di ricapitalizzazione legata alla potenziale operazione con Commerzbank. Qualsiasi speculazione di questo tipo è errata,”

ha tenuto a precisare in quell’occasione un portavoce di Deutsche Bank alla Cnbc.

Il Governo tedesco potrebbe voler puntare a un aumento di capitale con lo scopo di rafforzare entrambi i gruppi dopo la fusione. In questo modo l’entità combinata sarebbe sufficientemente forte da non riflettere i propri problemi sul mercato.

Contattata dal Financial Times, Deutsche Bank ha tenuto a precisare la propria posizione:

“È davvero troppo presto, in questo momento del processo di due diligence, fare una valutazione credibile sulla necessità o meno di ulteriore capitale”.

Il Governo parteciperà?

Per alcune persone a conoscenza della materia, l’esecutivo tedesco starebbe cercando di capire se partecipare o meno all’ipotetico aumento di capitale di Deutsche Bank. Ad oggi il Governo possiede il 15% di Commerzbank, quota che scenderebbe al 5% dopo la fusione senza premi.

Con una ricapitalizzazione di 10 miliardi, Berlino dovrebbe iniettare in Deutsche circa 500 milioni di euro per mantenere le sue posizioni intatte.

Le precedenti ricapitalizzazioni di Deutsche e Commerz

L’aumento di capitale non è una cosa nuova per Deutsche Bank. L’istituto di Christian Sewing ha racimolato circa 30 miliardi di euro dal 2010 ad oggi. L’ultima occasione? Quella di marzo 2017, quando ha portato a casa altri €8 miliardi.

L’ultima volta il cui la seconda banca di Germania ha dato vita a un’operazione del genere risale invece al 2015, anno in cui sono stati raccolti 1,4 miliardi di euro.

Secondo le ultime voci di corridoio, la richiesta di aumento di capitale da parte della BCE potrebbe mettere i bastoni fra le ruote alla fusione Deutsche Bank-Commerzbank.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Deutsche Bank

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.