Australia, migliaia di ragni invadono le case: ecco il motivo

Martino Grassi

23 Marzo 2021 - 10:44

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Migliaia di insetti, tra cui ragni, grilli e formiche stanno prendendo d’assalto le abitazioni dell’Australia per mettersi al riparo da un violento alluvione che ha colpito lo Stato del New South Wales.

Australia, migliaia di ragni invadono le case: ecco il motivo

Migliaia di ragni hanno invaso le case in Australia, dando vita ad un vero e proprio incubo per gli aracnofobici. Dopo essere stata nella morsa dei topi, adesso in Paese si trova costretto a fronteggiare una nuova piaga.

Nella costa orientale infatti proseguono inesorabili le forti piogge e le inondazioni, in particolare nello Stato del New South Wales e nel Sud del Queensland. Nella giornata di ieri erano già state fatte evacuare più di 18.000 persone che hanno dovuto abbandonare le proprio case per mettersi al sicuro, e la stessa cosa stanno facendo gli animali, rintanandosi nelle abitazioni.

Australia, migliaia di ragni invadono le case

Le case dell’Australia sono state prese d’assalto da migliaia di ragni, in vista di quella che i meteorologi hanno definito come la peggiore inondazione degli ultimi 60 anni. E se migliaia di persone hanno deciso di evacuare le zone più a rischio per mettersi in salvo, la stessa cosa hanno fatto anche i ragni, uscendo dalle loro tane e invadendo le abitazioni per mettersi al riparo dall’acqua, e spaventando ancora di più le persone, già preoccupate per le colossali inondazioni.

La maggior parte dei residenti infatti si è detta incredula di fronte all’invasione di proporzioni bibliche, come Melanie Williams, residente a Macksville, che dopo aver visto uno branco di ragni arrampicarsi sul muro esterno della sua casa ha affermato: “Di tanto in tanto vedo ragni in giro, ma mai niente del genere, è stato semplicemente folle”. Dagli esperti tuttavia arriva la raccomandazione di non uccidere gli insetti e di mantenere la calma, come ha precisato Lizzy Lowe, aracnologa presso la società di ricerca indipendente Cesar Australia:

“Non ci sono più ragni di quelli che ci sono di solito. La maggior parte dei ragni che state vedendo non sono altro che ragni che vivono a terra. Queste sono specie autoctone che stanno cercando di sopravvivere. L’ultima cosa da fare è eliminarle con uno spray insetticida.”

L’esperta ha inoltre aggiunto che una volta terminate le forti piogge gli animali si disperderanno nuovamente, senza far male a nessuno. Anche Melanie Williams ha espresso la sua opinione contraria all’uccisione di questi animali: “Sono cacciatori di insetti molto bravi, quindi se ci sbarazzassimo di tutti i ragni, verremo infestati dagli insetti. Dovremmo preoccuparci di salvare i ragni come facciamo con i koala”.

Gli altri animali in cerca di riparo

I ragni tuttavia non sono gli unici animali che stanno cercando riparo dalle pericolose inondazioni. Le abitazioni degli australiani sono state prese d’assalto anche da altri insetti, come i grilli e le formiche, che sperano di salvarsi mettendosi al sicuro nelle case. I serpenti invece hanno preferito rifugiarsi sugli alberi.

Un altro residente ha infatti aggiunto che “gli alberi sono pieni di serpenti. Se si va in barca, ti nuotano incontro cercando di mettersi all’asciutto”.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO