Assegno sociale: è vero che l’importo aumenta al compimento dei 70 anni?

Lorenzo Rubini

29 Aprile 2021 - 14:08

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per chi percepisce assegno sociale è vero che l’importo mensile viene maggiorato al compimento dei 70 anni?

Assegno sociale: è vero che l'importo aumenta al compimento dei 70 anni?

L’assegno sociale viene riconosciuto ai cittadini che, non avendo diritto ad una pensione previdenziale e versando in condizioni di disagio economico, rispettino determinati limiti di reddito annui sia personali che coniugali. L’importo base dell’assegno sociale è pari a 460 euro circa per 13 mensilità.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Io percepisco la pensione sociale di Euro 475 è vero che al compimento dei 70 anni aumenta? Sono divorziata e non percepisco niente dal mio ex marito.”

Maggiorazioni assegno sociale

Per coloro che sono titolari di assegno sociale sono previste delle maggiorazioni che scattano con il raggiungimento di determinate soglie di età. Nello specifico una piccola maggiorazione di 12,92 euro spetta già ai pensionati con più di 65 anni (più incremento di aspettativa di vita) che rispettano determinate soglie di redditi e una seconda maggiorazione, più corposa, spetta al compimento dei 70 anni.

Vediamo nello specifico come funzionano.

Per quanto riguarda la prima maggiorazione, quella di 12,92 euro di importo mensile, di cui lei dovrebbe già essere titolare,

  • In misura totale ai pensionati non coniugati con reddito personale fino a 5983,64 euro ed in misura parziale per redditi fino a 6151,60 euro annui.
  • Al pensionato coniugato con redditi familiari inferiori a 12686,18 euro in misura piena, in misura parziale per redditi familiari (personale e del coniuge) che non superino i 12854,14 euro l’anno. In questo caso va rispettato anche il reddito personale per il pensionato.

La seconda maggiorazione, di importo mensile pari a 191,74 euro (il cosiddetto incremento al milione) spetta al compimento dei 70 anni:

  • in misura piena al pensionato non coniugato con redditi non superiori 5983,64 euro ed in misura parziale per redditi fino a 8476,26 euro annui.
  • Al pensionato coniugato, fermi restando i limiti di reddito personale, spetta in misura piena in presenza di redditi familiari non superiori a 11967,28 euro ed in misura parziale per reddito coniugale annuo che non supera i 14,459,90 euro.

La seconda maggiorazione, quella che scatta al compimento dei 70 anni, inoltre spetta prima dei 70 anni con la riduzione di un anno per ogni anno di contributi versati in qualsiasi fondo o gestione nel limite massimo di riduzione di 5 anni.

Nel suo caso, quindi, se oltre all’assegno sociale non è titolare di altri redditi al compimento dei 70 anni l’assegno sociale sarà aumentato di altri 191,74 euro mensili.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter