Apple acquista Beats e chiude la sua più grande acquisizione societaria

La svolta “musicale” di Apple che ha messo in campo risorse per 3 miliardi di dollari, dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno

Apple chiude gli accordi per la più grande acquisizione societaria della sua storia e, mobilitando una cifra che si aggira intorno ai 3 miliardi di dollari, mette a segno l’acquisizione di Beats Music & Beats Electronics, il gruppo di componenti elettronici, salito alla ribalta del grande pubblico per le ormai diffusissime cuffie. L’operazione, già avviata nei mesi scorsi dovrebbe essere portata a termine entro il quarto trimestre di quest’anno.

Nelle scelte di Apple e, soprattutto del nuovo amministratore delegato Tim Cook, hanno influito profondamente alcuni dati relativi alla musica. Si tratta di un fattore sempre più importante nella vita quotidiana, perché in grado di assorbire il tempo e l’attenzione di una fetta di mercato molto ampia che va dai giovani ai pendolari, senza dimenticare il gran numero di utenti che amano la musica per se stessa. Secondo le affermazioni dello stesso Cook, poi, la musica occupa anche un posto particolare nel cuore di Apple che, per questo, continua a investire in essa.

L’accordo di acquisizione è stato raggiunto lo scorso mercoledì e, in base agli accordi stipulati, consentirà ad Apple di mettere le mani su Beats Music, il servizio di abbonamento di musica in streaming, e anche su Beats Electronics, la casa produttrice delle popolari cuffie, degli speakers e del software audio Beats.

Tra le varie parti dell’accordo stipulato tra Apple e Beats, una parte riguarda anche il ruolo che avranno i co-fondatori di Beats, Jimmy Iovine e Dr. Dre, i quali saranno riassorbiti in Apple. L’accordo appena concluso è indubbiamente il più consistente, per dimensioni e volume di capitali, tra quelli messi a segno dalla casa produttrice di computer nella sua storia societaria: nella somma di 3 miliardi di dollari che Apple dovrà sborsare per appropriarsi delle due società, sono inclusi sia i 2,6 miliardi di dollari dell’acquisto vero e proprio, sia i 400 milioni di dollari, pagati per i guadagni di Beats, stimati per il periodo della durata dell’operazione.

Oltre all’importanza crescente della musica nella vita quotidiana e nelle attività della casa fondata da Steve Jobs e Steve Wozniak, sottolineata da Tim Cook, Eddy Cue, vice presidente di Apple, appartenente alla divisione Internet Software and Services, ha rilevato come la musica sia e sarà sempre una parte molto importante del DNA della stessa Apple.

L’acquisizione di Beats, pertanto, consentirà di migliorare notevolmente l’offerta musicale della Mela, che implementerà i suoi servizi dallo streaming gratuito con iTunes Radio a un servizio di abbonamento di classe mondiale in Beats. Anche l’acquisto di musica da iTunes Store, che gli utenti praticano da anni, subirà consistenti miglioramenti.

Per portare a termine l’operazione di acquisizione, la cui conclusione è prevista per il quarto trimestre fiscale, Apple attende ora il nulla osta delle autorità fiscali e tributarie statunitensi.

Iscriviti alla newsletter Tecnologia

Argomenti:

Stati Uniti Apple

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.