Analisi tecnica azioni: FCA stempera l’eccesso di entusiasmo, il grafico suggerisce cautela

FCA non riesce a estendere i guadagni fatti in apertura di seduta e ripiega sulla parità. I corsi si trovano in una fase di congestione che dura da più oramai quattro ottave

I dati intraday e in tempo reale del Grafico FCHA sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC.

FCA frena l’eccesso di entusiasmo che ha caratterizzato la prima parte di seduta e quando manca poco più di un’ora al termine delle contrattazioni riduce notevolmente i guadagni. Praticamente riassorbito il gap up lasciato scoperto questa mattina in apertura, per FCA la situazione grafica sembra non essere così rosea.


FCA, grafico giornaliero

I prezzi del titolo FCA infatti sono inseriti in un trend ribassista di medio periodo che risente ancora del mancato breakout della coriacea barriera a 20 euro. Il successivo pattern di bearish engulfing creato con le candele del 31 maggio e 1° luglio 2018 ha pienamente corroborato il precedente segnale e al momento sembra non aver esaurito la sua validità. In questo caso le prossime sedute potrebbero essere caratterizzate da un allungo dei venditori.

Se così fosse FCA potrebbe dirigersi verso la trendline che collega i minimi del 29 giugno 2017 a 9,1718 euro con quelli del 28 giugno scorso a 15,61 euro. Se tale zona venisse rotta, a patto che vengano violati i supporti statici di breve periodo di area 16,45 euro, ci sarebbero buone possibilità di rivedere le quotazioni nell’intorno dei 14 euro ad azione, supporto statico ereditato dai minimi del 19 ottobre 2017.

Se invece le quotazioni dovessero riprendere vigore, portandosi sopra 17,11 euro, verrebbe convalidata la rottura della linea di tendenza di breve periodo che ha accompagnato la serie di top decrescenti costruita fra giugno e luglio. Per entrambi i fronti occorre quindi una decisa reazione da parte dei corsi che si trovano in una fase di congestione che dura da più oramai quattro ottave.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su FCA

Senza rotture tecniche dei livelli menzionati nell’analisi si potrebbe restare ad osservare le quotazioni fino a che non si presenti una rottura tecnica dei livelli sopra menzionati.

Per il fronte rialzista occorrerebbe una chiusura giornaliera sopra 17,11 euro mentre per quello ribassista sotto 16,43 euro. Si potrebbero quindi apprezzare strategie di stampo rialzista che prevedano entrata a 17,12 euro, stop loss a 16,30 euro e obiettivo intermedio a 18 euro. L’obiettivo finale potrebbe essere individuabile a 18,20 euro.

Dal lato opposto si può privilegiare un’operatività short al raggiungimento di quota 16,43 euro: in questo caso si potrebbe prevedere uno stop loss in area 17,12 euro, obiettivo intermedio a 15,67 euro e zona di approdo finale a 15,45 euro.

Iscriviti alla newsletter settimanale per ricevere le news e le analisi più importanti sui Certificati

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.