Amazon: dal 1°maggio IVA sugli acquisti. Addio al risparmio online

Amazon, dal 1°maggio molti clienti si ritroveranno a pagare l’IVA per ogni prodotto acquistato, dicendo addio al risparmio

Una notizia piacerà a pochi, molto pochi. Parecchi clienti potranno infatti ufficialmente dire addio al risparmio sugli acquisti effettuati online, anzi per la precisione, su Amazon, la piattaforma statunitense di e-commerce più famosa al mondo. Dal 1°maggio infatti, si dovrà pagare l’iva sui prodotti acquistati, pagando de facto di più:

«GENTILE Signore, riguardo al suo quesito in merito alla fattura dell’ordine XXX-XXX-XXXX, le confermo che ha trovato l’IVA addebitata nel suo ordine in quanto dal 1 Maggio 2015 Amazon ha aperto la succursale italiana. Pertanto, per tutti gli ordini effettuati dal 1 Maggio 2015 verrà applicata l’IVA italiana e non sarà più applicabile il meccanismo del reverse-charge».

Questo il messaggio pubblicato sulle pagine di Repubblica che riporta una e-Mail inviata dalla società in risposta a una domanda posta dal giornale.

Una mail che arriva come una tegola sulla testa di tutti coloro che usano Amazon per i loro acquisti.

La multinazionale americana dal 1° maggio in poi addebiterà l’IVA ai clienti. Per alcuni cambia poco o nulla, per altri significa che dovranno stare attenti a cosa indicano nella dichiarazione dei redditi. I possessori di Partita IVA infatti, si ritroveranno l’imposta sul valore aggiunto in fattura e non potranno scaricarla su qualsiasi tipo di oggetto comprato.

Fino al 30 aprile, per gli acquisti di prodotti su Amazon Italia veniva utilizzato il Reverse Charge, meccanismo che si applica agli acquisti aziendali all’estero. Tutto avveniva a norma di legge, poiché la società ha sede a Lussemburgo. Cosa comportava tutto ciò? Che un cliente, verificando la propria Partita IVA nel proprio account, acquistava un prodotto su Amazon praticamente esentasse, qualsiasi cosa, dalle scarpe ai DVD, dai videogiochi ai mobili. Ovviamente il venditore non aveva alcun obbligo di verificare se questi prodotti fossero beni strumentali per la società.

Oggi però, si cambia musica. Avendo aperto ufficialmente una succursale italiana, si pagherà l’IVA sui prodotti acquistati su Amazon.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories