Alitalia: FS farà offerta, ma a una condizione

Ferrovie dello Stato farà un’offerta su Alitalia, ma questa sarà condizionata a determinate e imprescindibili condizioni

Alitalia: FS farà offerta, ma a una condizione

FS avanzerà la propria offerta su Alitalia, stando a quanto deciso nella giornata di ieri dal Consiglio di Amministrazione della società di trasporto su rotaia.

Pochi i dettagli emersi in merito alle condizioni della proposta di Ferrovie dello Stato che, secondo le più recenti indiscrezioni, dovrebbe rivelarsi subordinata al verificarsi di determinati avvenimenti.

“Il Consiglio di Amministrazione di Ferrovie dello Stato Italiane, riunitosi oggi sotto la presidenza di Gianluigi Vittorio Castelli, ha deliberato di presentare l’offerta per l’acquisto dei rami d’azienda delle società Alitalia-Società Aerea Italiana e Alitalia Cityliner.”

Un comunicato stampa di poche righe, quello pubblicato da FS, che su Alitalia non ha lasciato intendere di più. L’offerta, ricordiamo, sarà perfezionata nella giornata di oggi, mercoledì 31 ottobre ma sono in molti ad aver già tracciato i possibili contorni della proposta di Ferrovie dello Stato su Alitalia.

Offerta FS su Alitalia: cosa prevederà

Secondo i rumors l’offerta di Ferrovie dello Stato su Alitalia sarà subordinata all’ingresso di altri partner in un secondo momento. Il progetto, un vero e proprio aut aut, potrebbe essere quello di una compagnia aerea straniera da detenere con una quota del 51-60% assieme ad altre società pubbliche.

La mancata realizzazione delle citate condizioni potrebbe far decadere l’offerta di FS su Alitalia. Diverse società, a tal proposito, si sono già defilate dal dossier della ex compagnia di bandiera.

Lufthansa ha già escluso l’ipotesi di un co-investimento con il Governo. Leonardo, secondo fonti a conoscenza della materia, avrebbe deciso di non giocare alcun ruolo nella partita. Ancora più chiare, poi, le indicazioni di Eni che ha addirittura parlato di ipotesi prive di fondamento.

“Non siamo stati coinvolti in alcuna operazione su Alitalia e l’ipotesi di un nostro ingresso nella compagnia è priva di fondamento”,

Sul dossier anche il presidente dell’Acri Giuseppe Guzzetti che ha espresso in poche righe tutte le sue considerazioni:

“L’ho detto e lo ripeto, è diventato un ritornello e sul punto siamo rigidissimi: in Alitalia, Cdp non deve mettere un euro per nessuna ragione”.

Maggiori dettagli sull’offerta di FS per Alitalia saranno probabilmente resi noti soltanto nella giornata di oggi. L’incognita sul partner internazionale però si rivelerà un nodo difficile da scogliere.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Alitalia

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.