Abuso del diritto: come cambia in Italia e come funziona in Europa

Abuso del diritto, un nuovo strumento che permetterà di scovare quelle operazioni prive di sostanza economica messe in campo per conseguire un vantaggio fiscale indebito. Un’arma, tuttavia, pensata come “ultima spiaggia” qualora non esistano altri modi per muovere contestazioni fiscali. Un lavoro di cesello previsto all’interno del dlgs sulla certezza del diritto, recependo in questo modo anche la raccomandazione di Bruxelles del 2012 che chiedeva agli Stati membri di introdurre una norma generale antiabuso.

Abuso del diritto, un nuovo strumento che permetterà di scovare quelle operazioni prive di sostanza economica messe in campo per conseguire un vantaggio fiscale indebito. Un’arma, tuttavia, pensata come “ultima spiaggia” qualora non esistano altri modi per muovere contestazioni fiscali. Un lavoro di cesello previsto all’interno del dlgs sulla certezza del diritto, recependo così anche la raccomandazione di Bruxelles de 2012 che chiedeva agli Stati membri di introdurre una norma generale antiabuso.
Abuso del diritto, il concetto sarà equiparato all’elusione e la disciplina entrerà a far parte dello Statuto del contribuente. Ma come cambierà in pratica? Mutuando una definizione utilizzata dal Servizio Studi del Parlamento italiano, esso inizia dove finisce il legittimo risparmio d’impresa, e finisce quando ci si trova davanti a una fattispecie riconducibile all’evasione fiscale. Nulla vieta, infatti, a imprese e liberi professionisti di effettuare operazioni scegliendo tra varie alternative che, tra di loro, comportino un diverso carico fiscale. Il dlgs sulla certezza del diritto, nello specifico, introduce ulteriori garanzie per i contribuenti: dalla procedura rafforzata per l’accertamento, il contraddittorio obbligatorio fino alla possibilità di interpello preventivo. Senza considerare, poi, che l’abuso del diritto non è penalmente punibile, come già previsto dalla legge delega.

Una norma per l’Europa

Innanzitutto, è bene ricordare che tale impostazione serve anche per recepire una raccomandazione europea risalente al 2012. Altre nazioni si sono già adeguate da tempo: in Francia vengono contrastati gli abusi relativi agli atti simulati e agli atti giuridicamente regolari, se la loro motivazione consiste nell’eludere o diminuire il carico fiscale. In Germania l’abuso di diritto si sostanzia quando il contribuente sceglie una struttura legale inadeguata rispetto al fatto economico, comportando per lui o per un terzo un beneficio fiscale non previsto dalla legge. In ogni caso, onere della prova spetta alle autorità fiscali tedesche.

Iscriviti alla newsletter "Fisco"

Argomenti:

Italia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.