6 shock economici sconvolgeranno l’estate, ecco perché

Violetta Silvestri

30 Maggio 2024 - 11:59

L’estate in arrivo potrebbe essere sconvolta da almeno 6 shock, in grado di colpire materie prime, prezzi, trasporto delle merci. Perché c’è allarme per l’economia globale?

6 shock economici sconvolgeranno l’estate, ecco perché

Se il 2023 è stato l’anno più caldo di sempre, il 2024 potrebbe essere anche peggiore con conseguenze disastrose per l’economia. Sono almeno 6 gli shock previsti dagli esperti a causa di potenziali fenomeni meteorologici estremi.

L’allarme principale è sull’inflazione, destinata a impennarsi se le principali materie prime e le catene di approvvigionamento saranno colpite da siccità e da un caldo record. Le probabilità che il 2024 diventi l’anno più caldo della storia sono in aumento.

Intanto, i prezzi di alcuni dei beni più vitali del mondo – gas naturale, energia e colture di base come grano e soia – sono già a livelli elevati. Il mondo dello shipping, gettato nel caos dal Mar Rosso al Canale di Panama, rischia di essere nuovamente scosso dalla secchezza dei corsi d’acqua. E il rischio di incendi distruttivi è in aumento.

Le prospettive sono un triste promemoria di come il clima impazzito a causa del cambiamento climatico stia peggiorando l’inflazione, aumentando il costo dell’energia, del cibo e del carburante. I frequenti disastri naturali stanno inoltre aumentando il rischio di danni devastanti e costi assicurativi, rendendo allo stesso tempo più difficile prevedere i movimenti del mercato. Secondo la Münchener Rück, l’anno scorso condizioni meteorologiche estreme e terremoti hanno causato perdite globali per 250 miliardi di dollari.

In sintesi, per l’economia globale e i mercati petroliferi, il rischio maggiore “non è Russia-Ucraina, non è Iran, non è Hamas-Israele”, ha affermato Edward Morse, consulente senior di Hartree Partners LP ed ex capo delle materie prime di Citigroup Inc. ricerca. “Il rischio più grande per l’estate, per il mondo nel suo insieme, è la stagione degli uragani nel Golfo del Messico”. I motivi di allarme sono 6.

1. Prezzi del gas alle stelle

I futures del gas naturale Usa potrebbero salire a 4 dollari per milione di unità termiche britanniche entro la fine dell’anno se il clima caldo incrementerà l’uso dell’aria condizionata abbastanza da erodere le scorte attualmente abbondanti, ha affermato Gary Cunningham, direttore delle ricerche di mercato presso Tradition Energy. I produttori, nel frattempo, stanno riducendo la produzione dai bacini di scisto in risposta ai prezzi relativamente bassi, ponendo le basi per un mercato più ristretto.

Il forte caldo nel Sud-Est asiatico a partire da aprile ha spinto i commercianti della regione ad aumentare i carichi di gas. Il clima torrido è arrivato anche in Egitto, costringendo la nazione nordafricana, tipicamente un esportatore, a ricorrere all’acquisto di GNL. Secondo Akshay Kumar Singh, amministratore delegato di Petronet LNG Ltd., le condizioni climatiche che stanno travolgendo l’India stanno stimolando la domanda di carburante dal settore energetico.

In Europa e in Asia, una “tempesta perfetta” di caldo intenso, interruzioni delle esportazioni statunitensi provocate dagli uragani e un peggioramento della siccità che decima l’energia idroelettrica in America Latina potrebbero far salire i prezzi del gas di circa il 50-60% sopra i livelli attuali.

2. Blackout

In Europa, il caldo torrido potrebbe costringere alcuni impianti nucleari francesi – che forniscono circa il 70% della produzione di energia del Paese – a chiudere. Questo perché molti reattori fanno affidamento sui fiumi per il raffreddamento e, quando la temperatura dell’acqua è troppo elevata, le norme ambientali per proteggere la fauna acquatica possono costringere le strutture a chiudere temporaneamente.

Le temperature in aumento in tutto il Texas stanno intanto mettendo a dura prova la rete statale, con i prezzi dell’elettricità per agosto che recentemente hanno superato i 200 dollari al megawattora, il più alto dal 2022 per questo periodo dell’anno. Il rischio al rialzo è enorme: i prezzi sono aumentati di oltre l’800% lo scorso agosto in un caldo torrido. E lo Stato è stato ripetutamente sull’orlo di diffusi blackout nelle ultime due estati.

3. Impennata dei prezzi del cibo

I futures del grano hanno toccato il massimo da luglio e i fondi stanno tagliando le scommesse ribassiste che hanno mantenuto per quasi due anni. Le condizioni di siccità in Russia, un importante esportatore globale, stanno spingendo gli analisti a tagliare le stime del raccolto. Il lavoro nei campi in Europa occidentale è stato rallentato dalle piogge eccessive, mentre gli attacchi alle infrastrutture agricole minacciano le esportazioni in Ucraina.

Nel Nord America, gran parte del principale produttore statunitense del Kansas soffre di un’estrema siccità. Finora, le stime del tour delle colture di quest’anno mostrano che i campi di grano dello stato produrranno più che nel 2023, quando la siccità era così grave che molti campi non riuscirono a raccogliere. Tuttavia, con più di un mese prima che i campi siano pronti per la mietitura, un clima più secco o un caldo torrido potrebbero ridurre i rendimenti rispetto a queste previsioni.

Il clima estremo è stato uno dei fattori trainanti del vertiginoso rally del cacao, e i mercati del caffè si trovano ora ad affrontare rischi simili. I futures del caffè arabica, i chicchi di fascia alta preferiti da aziende come Starbucks Corp., potrebbero balzare di circa il 30% per toccare i 2,60 dollari la libbra nei prossimi mesi. Il timore è che le condizioni meteorologiche avverse e i problemi di produzione possano prevalere in Brasile e Vietnam e i gestori finanziari andare in crisi.

4. Economia Usa in bilico

Le previsioni di prezzi delle materie prime persistentemente elevati continueranno a ostacolare la lotta all’inflazione della Fed e ad amplificare il rischio che i tassi di interesse rimangano più alti più a lungo.

Secondo uno studio della Federal Reserve Bank di San Francisco, il caldo estremo, nel frattempo, è destinato a soffocare l’economia americana limitando la produttività dei lavoratori edili e frenando gli investimenti di capitale. Lo studio ha rilevato che senza sforzi su larga scala per ridurre le emissioni di carbonio, i futuri aumenti del caldo intenso ridurrebbero lo stock di capitale, o il valore degli investimenti accumulati, del 5,4% e il consumo annuale dell’1,8% entro il 2200.

5. Spedizioni merci a rischio

Anche le spedizioni di navi cisterna potrebbero essere influenzate, con la siccità che potrebbe creare problemi di transito in corsi d’acqua chiave come il Canale di Suez.

Il fiume Reno, la via d’acqua commerciale più trafficata d’Europa, che trasporta di tutto, dal diesel al carbone, nell’entroterra del gigantesco porto di Rotterdam, nei Paesi Bassi, è a rischio.

Nei prossimi mesi, la minaccia di condizioni meteorologiche avverse è pronta a tenere con i piedi per terra i trader di materie prime, ha affermato Carl Neill, analista energetico senior presso StoneX Group Inc.

“Con l’incertezza arriva la volatilità”, ha detto Neill. “In che modo il caldo influenzerà i raccolti estivi? In che misura la domanda di raffreddamento competerà con le iniezioni di stoccaggio del gas naturale? Il mercato inizia a scontare questa incertezza”.

6. Petrolio sotto pressione

Il forte caldo può colpire anche il mercato petrolifero, dalla produzione alla spedizione e alla raffinazione.

L’anno scorso, la peggiore stagione di incendi mai registrata in Canada ha spinto le società di trivellazione di petrolio e gas a chiudere la produzione di circa 300.000 barili al giorno. Nel 2023, gli incendi hanno in gran parte risparmiato la principale regione di produzione della nazione, ma quest’anno l’impatto potrebbe essere enorme. Alla fine di aprile, secondo il North American Drought Monitor, il 63% del Paese era anormalmente secco o in preda alla siccità, creando condizioni mature per gli incendi.

Il calore intenso può interrompere le operazioni della raffineria, stressando le unità di processo e incidendo sulla capacità di mantenere temperature interne costanti. Eventuali chiusure definitive delle raffinerie avverrebbero se la rete venisse sovraccaricata e l’impianto perdesse energia.

Il clima caldo minaccia anche di interrompere gli oleodotti del greggio provocando l’accumulo di vapore. E alcuni trader si stanno preparando a quella che dovrebbe essere una stagione degli uragani insolitamente attiva, un’altra minaccia per le raffinerie di petrolio.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo