2021: un anno di disastri climatici, cosa è successo nel mondo e perché preoccuparsi

Violetta Silvestri

18 Dicembre 2021 - 13:01

condividi

Il 2021 si chiude con un bilancio amaro per i disastri naturali e ambientali causati dal cambiamento climatico. Ripercorrendo i più drammatici eventi dell’anno è chiaro quanto l’emergenza sia grave.

2021: un anno di disastri climatici, cosa è successo nel mondo e perché preoccuparsi

Gli eventi meteorologici estremi nel 2021 hanno toccato tristi record in tutto il mondo.

Centinaia sono morti in tempeste e ondate di calore; gli agricoltori hanno lottato contro la siccità, il gelo e, in alcuni casi, le cavallette. Gli incendi hanno alimentato le emissioni di carbonio, mentre inghiottivano foreste, città e case.

Molti di questi disastri naturali sono stati aggravati dal cambiamento climatico. Gli scienziati affermano che ce ne sono altri in arrivo – e peggiori – poiché l’atmosfera terrestre continua a riscaldarsi nel prossimo decennio e oltre.

Ripercorriamo l’anno mese per mese per scoprire quanto sia urgente la lotta al cambiamento climatico. Cosa è successo nel 2021? Una sintesi da Reuters.

Tutti i disastri climatici del 2021

Un anno pessimo, quello che sta per finire per quanto riguarda gli effetti del riscaldamento globale sul pianeta e sulle attività umane. A confermarlo, la carrellata di eventi riproposti da Reuters.

Il 2021 si può dire che è stato l’anno dell’ambiente. Non solo disastri, infatti: ci sono stati anche impegni climatici senza precedenti. La grande domanda è se quelle promesse producano risultati. I Governi e le aziende si sono affrettati a dimostrare che stanno facendo la loro parte.

Le 10 maggiori economie e istituzioni che sovrintendono al 40% delle attività finanziarie globali si sono prefissati ambiziosi target per eliminare gradualmente le emissioni di carbonio. A Glasgow, 197 nazioni si sono riunite nella cornice della COP26 e hanno concordato per la prima volta sulla necessità di frenare i sussidi ai combustibili fossili e l’uso del carbone.

Se le nazioni dovessero raggiungere i loro obiettivi, gli analisti prevedono che il pianeta si riscalderebbe di circa 1,8 gradi Celsius. Si tratta di un netto miglioramento, anche se supera comunque l’obiettivo di 1,5 gradi Celsius sancito dall’Accordo di Parigi.

Supportati dalla speranza di un cambiamento globale, ripercorriamo un anno terribile per il clima.

Febbraio

Un’ondata di freddo eccezionale ha colpito il Texas, normalmente caldo, uccidendo 125 persone nello stato e lasciando milioni senza elettricità a temperature gelide.

Gli scienziati non sono giunti a una conclusione sul fatto che il cambiamento climatico abbia causato il clima estremo, ma il riscaldamento dell’Artico sta causando condizioni meteorologiche più imprevedibili in tutto il mondo.

Il Kenya e altre parti dell’Africa orientale hanno combattuto alcune delle peggiori invasioni di locuste degli ultimi decenni, con gli insetti che hanno disttutto raccolti e pascoli. Gli scienziati affermano che modelli meteorologici insoliti esacerbati dai cambiamenti climatici hanno creato condizioni ideali per la prosperità degli insetti.

Marzo

Il cielo di Pechino è diventato arancione e i voli sono stati bloccati durante la peggiore tempesta di sabbia della capitale cinese in un decennio.

Giugno

Quasi tutti gli Stati Uniti occidentali sono stati colpiti da una siccità emersa già all’inizio del 2020. Gli agricoltori hanno abbandonato i raccolti, i funzionari hanno annunciato misure di emergenza e il serbatoio della diga di Hoover ha toccato il minimo storico.

Centinaia di persone sono morte durante un’ondata di caldo da record negli Stati Uniti e nel nord-ovest del Pacifico canadese. L’evento, secondo gli scienziati, sarebbe stata praticamente impossibile senza il cambiamento climatico.

Luglio

Inondazioni catastrofiche hanno ucciso più di 300 persone nella provincia di Henan, nella Cina centrale, quando è caduta una pioggia di un anno in soli tre giorni.

Nel frattempo, in Europa, quasi 200 persone sono morte a causa delle piogge torrenziali che hanno colpito Germania, Belgio e Paesi Bassi. Gli scienziati hanno concluso che il cambiamento climatico ha aumentato del 20% le probabilità che si verifichino le inondazioni.

Il caldo record e una siccità negli Stati Uniti occidentali hanno dato origine a due enormi incendi che hanno attraversato la California e l’Oregon e sono stati tra i più grandi nella storia di entrambi gli stati.

Gran parte del Sud America ha subito una prolungata siccità, con Cile e Brasile particolarmente colpiti.

In Argentina, il Parana, il secondo fiume più lungo del Sud America, è sceso al livello più basso dal 1944 .

In tutto il mondo, le ondate di calore stanno diventando sia più frequenti che più gravi.

Agosto

Nel Mediterraneo, un’estate calda e secca ha alimentato intensi incendi che hanno costretto migliaia di persone a evacuare le proprie case in Algeria, Grecia e Turchia.

Nelle Alpi, durante i mesi estivi, i dipendenti del resort svizzero hanno steso coperte protettive su uno dei ghiacciai del Monte Titlis per preservare ciò che è rimasto del ghiaccio.

Settembre

L’uragano Ida, che ha colpito la Louisiana come una tempesta di categoria 4, ha ucciso quasi 100 persone negli Stati Uniti e ha causato danni per circa 64 miliardi di dollari,.

Inoltre, le forti piogge hanno creato inondazioni improvvise nel Nord-Est densamente popolato, aumentando notevolmente il numero di vittime della tempesta.

Novembre

Le peggiori inondazioni degli ultimi 60 anni in Sud Sudan hanno colpito circa 780.000 persone, ovvero una ogni 14 residenti, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Un’enorme tempesta ha scaricato un mese di pioggia in due giorni nella provincia canadese della British Columbia, scatenando inondazioni e frane che hanno distrutto strade, ferrovie e ponti.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO