SSE Composite – Shanghai (Shanghai)

*80.5% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro.

3421,41

ULTIMO VALORE

-2,3%

ULTIMA VARIAZIONE

PERFORMANCE

-1,39%

1 settimana

-0,86%

1 mese

+5,6%

6 mesi

+18,98%

1 anno

Ultimo aggiornamento

-

Condividi su Facebook Twitter
Grafico
Descrizione

*I dati intraday e in tempo reale sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC.

Dati completi SSE Composite – Shanghai

Shanghai

Simbolo

-

ISIN

%

Var. %

-

Apertura

-

Minimo oggi

-

Massimo oggi

Chiusura precedente

Minimo (52 sett.)

Massimo (52 sett.)

Descrizione SSE Composite – Shanghai

SSE Composite – Shanghai

L’indice SSE Composite, acronimo di Shanghai Stock Exchange, è il benchmark del mercato azionario di Shanghai. Il basket replica l’andamento di tutti i titoli di classe A e B quotati nel listino azionario di Shanghai, una delle principali piazze finanziarie cinesi assieme ad Hong Kong e Shenzen.

L’indice SSE Composite è stato lanciato per la prima volta il 15 luglio 1991. Per il calcolo dell’indice è stato preso come giorno base il 19 dicembre 1990 e come valore di partenza 100 punti. Esiste una versione più ristretta del basket, chiamata SSE 50 Index, la quale prende in considerazione le performance dei titoli delle prime 50 società quotate.

Caratteristiche e composizione

L’indice SSE Composite è un benchmark ponderato per la capitalizzazione di mercato dei propri componenti azionari. Generalmente le azioni di classe B sono denominate in dollari americani. Vi è la possibilità che esse siano convertite in Renmimbi (RMB) al tasso di cambio corrente stabilito dalla China Foreign Exchange Trading Center. Fra le principali società presenti all’interno del listino di Shangai figurano: Petrochina, Bank of China e ICBC (Industrial and Commercial Bank of China). Il minimo assoluto dell’indice SSE Composite è stato battuto a 95,79 punti nel dicembre 1990 nell’immediatezza del suo lancio. Il massimo storico è stato invece aggiornato l’ultima volta nell’ottobre del 2007 a 6.124,0439 punti.

Cenni storici e curiosità

La Borsa di Shanghai è uno dei due più grandi mercati finanziari della Cina Continentale. La sede è situata nel nuovo distretto di Pudong. La Borsa di Shanghai fu istituita il 26 novembre 1990 con l’approvazione del Governatore generale della Banca Popolare Cinese e fu aperta ufficialmente il 19 dicembre dello stesso anno.

A differenza delle Borse occidentalizzate, la Borsa di Shanghai non è gestita a fini di lucro, ma è un ente giuridico soggetto all’amministrazione diretta della Commissione di controllo e gestione del mercato finanziario cinese, la China Securities Regulatory Commission (CSRC).

Le negoziazioni alla Borsa di Shanghai vengono effettuate tutti i giorni dal lunedì al venerdì. La sessione mattutina rispetta i seguenti orari: dalle 9.15 alle 9.25 si svolge l’asta di apertura, durante la quale si raccolgono le offerte, mentre dalle 9.30 alle 11.30 si tiene la fase di negoziazione continua. Nella sessione pomeridiana la fase di negoziazione continua va dalle ore 13:00 alle 15:00.

  •  
Borsa Italiana: i 10 titoli da monitorare in settimana (dal 23 al 29 novembre)

Borsa Italiana: i 10 titoli da monitorare in settimana (dal 23 al 29 novembre)

L’indice FTSEMib chiude la settimana in rialzo a quota 21.706,96 ed una performance positiva del +1,83%. La quotazione sembra indirizzata verso il (...)

Approfondimenti SSE Composite – Shanghai

Alessandro Venuti

Marzo 2019

Prada: nel 2018 ritorno alla crescita, i ricavi in rialzo del 6%

La società ha archiviato il 2018 con un miglioramento dei ricavi, attestatisi a 3,14 miliardi di euro, in crescita del 6% a cambi costanti e del 3% a cambi correnti. Il Cda ha deciso di proporre all’assemblea degli azionisti, convocata per il 30 aprile, la distribuzione di un dividendo di 0,06 euro per azione