Contratto a tempo determinato

Nel diritto del lavoro il contratto individuale di lavoro dipendente è un contratto, regolato giuridicamente, stipulato tra un datore di lavoro (persona fisica, giuridica o ente dotato di soggettività) e un lavoratore, necessariamente persona fisica per la costituzione di un rapporto di lavoro.

È un contratto in virtù del quale, il lavoratore al servizio del datore di lavoro è obbligato a lavorare al servizio del datore di lavoro per un tempo determinato o indeterminato (lavoro dipendente o subordinato) ed il datore di lavoro a pagare un salario prestabilito a tempo o a cottimo, oltre che una quota di contributi previdenziali.

In assenza di regolare contratto di lavoro registrato tra le parti si parla di lavoro nero.

Contratto a tempo determinato, ultimi articoli su Money.it

Contratto a termine over 50

Contratto a tempo determinato per i dipendenti che hanno compiuto 50 anni: agevolazioni per chi assume, sgravi contributivi.

Contratto a termine senza causale

Nuovo contratto a tempo determinato: in quali casi non è obbligatorio indicare le ragioni che giustificano il ricorso al termine?

Badanti: contratti più cari con il decreto dignità

Con il decreto dignità si calcola l’aumento di 160 euro annui dei contratti per badanti, colf e baby sitter a carico delle famiglie: l’Assindatcolf ha presentato i documenti che attestano tale aumento alle commissioni Finanze e Lavoro della Camera.

|