Sterlina (GBP)

Sterlina (GBP)

La Sterlina è la valuta ufficiale del Regno Unito.
I tassi di cambio più importanti della sterlina solo il cambio euro-sterlina (EURGBP) e sterlina-dollaro (GBPUSD).
A livello internazionale, la sterlina è riconosciuta con l’abbreviazione GBP e con il simbolo £.

Di seguito sono riportate tutte le informazioni e le caratteristiche della sterlina inglese, insieme agli articoli, analisi e notizie su movimenti, novità e previsioni della valuta.

La banca centrale del Regno Unito è la Bank of England (Banca d’Inghilterra in italiano, spesso abbreviata con l’acronimo BoE).

In qualità di quarta valuta più scambiata al mondo, la sterlina inglese si trova al terzo posto nella classifica delle monete maggiormente detenute a livello mondiale.
All’interno del settore del mercato del Forex, spesso si fa riferimento alla sterlina con i termini Sterling, Pound Sterling, Quid e Nicker.

L’importanza della sterlina inglese
La sterlina inglese è la valuta più antica usata oggi, ed è anche una delle monete più convertite.
Tra le valute maggiori, le cosiddette major, la sterlina inglese è la valuta con il valore più alto.

Informazioni e storia della sterlina
Le origini della sterlina risalgono circa all’anno 760, introdotta per la prima volta sotto forma di penny d’argento, utilizzato del Regno anglosassone.

La prima banconota della sterlina fu introdotta nel 1694, quando le basi di conversione cambiarono dall’argento all’oro.
La Bank of England, una delle prime banche centrali al mondo, fu fondata l’anno successivo, nel 1695.

Tutte le banconote della sterlina furono scritte a mano fino al 1855, quando la BoE iniziò a stampare su larga tiratura.

All’inizio del XX secolo, molti paesi iniziarono ad ancorare il valore della propria valuta a quello dell’oro. Con la creazione del cosiddetto sistema aureo (gold standard in inglese), si permise la conversione tra le varie valute, rivoluzionando così il trading e l’economia internazionale.

La Gran Bretagna ha adottato ufficialmente il sistema aureo nel 1816, nonostante venisse già utilizzato dal 1670. La forza della sterlina sulla scia dell’ufficialità del gold standard ha portato ad un periodo di grande crescita economica in Gran Bretagna fino al 1914.

La sterlina non veniva utilizzata solo in Gran Bretagna, ma anche dalle diverse colonie dell’impero britannico. Dopo la forte crescita della sterlina a livello globale, il successivo rallentamento ha permesso al dollaro USA di conquistare una posizione dominante.

Nel 1940, fu fissato un tasso di cambio tra sterlina e dollaro pari a 1 Pound per $4,03, esempio seguito successivamente da diversi paesi.
Nel 1971 fu eliminato il tasso fisso e alla sterlina fu permesso di fluttuare liberamente sul mercato.
Da quel momento, la sterlina ha seguito una serie di alti e bassi.

Nonostante il Regno Unito sia uno stato membro dell’Unione Europea, ha rifiutato l’unione monetaria e l’adozione dell’Euro.

Sterlina in sintesi

Nome: sterlina inglese
Simbolo: £. Centesimi (penny): p
Codice ISO 4217: GBP
Cambio più diffuso: EURGBP e GBPUSD
Soprannomi: Sterling, Pound Sterling, Quid e Nicker
Monete: £1, £2, 1p, 2p, 5p, 10p, 20p, 50p
Banconote: £5, £10, £20, £50 (rara: £100)
Banca centrale: Bank of England
Sito internet: www.bankofengland.co.uk
Paesi usufruitori: Regno Unito (Inghilterra, Irlanda del Nord, Scozia, Galles), Isole Falkland, Gibilterra, Guernsey, Isola di Man, Isola di Jersey, Sant’Elena, Ascensione e Tristan da Cunha, Georgia del Sud e Isole Sandwich Meridionali.

Sterlina (GBP), ultimi articoli su Money.it

Sterlina: dimissioni Theresa May già scontate sul Cable

Mattia Prando

24 Maggio 2019 - 12:11

Sterlina: dimissioni Theresa May già scontate sul Cable

Le dimissioni della premier inglese Theresa May erano state ampiamente anticipate. Oggi al momento dell’annuncio, infatti, i cambi contro la Sterlina non hanno registrato escursioni fuori dalla norma

Gbp/Usd: struttura tecnica deteriorata, ecco le strategie operative

Ufficio Studi Money.it

17 Maggio 2019 - 12:43

Gbp/Usd: struttura tecnica deteriorata, ecco le strategie operative

Il ritorno dello spettro della Hard Brexit spaventa gli operatori, che reagiscono vendendo Sterline inglesi. In particolare, la struttura tecnica di Gbp/Usd ha visto un deciso peggioramento, rendendo favorevole l’implementazione di strategie di stampo short

Gbp/Usd: l’operatività in attesa della BoE

Ufficio Studi Money.it

2 Maggio 2019 - 12:29

Gbp/Usd: l'operatività in attesa della BoE

Le quotazioni del cambio Gbp/Usd hanno evidenziato un miglioramento della struttura grafica nelle ultime sedute. Vediamo come impostare le strategie operative nel giorno della Bank of England

Gbp/Usd: compratori pronti per tornare alla carica

Ufficio Studi Money.it

5 Aprile 2019 - 12:28

Gbp/Usd: compratori pronti per tornare alla carica

Le quotazioni di Gbp/Usd potrebbero presto finire la loro discesa grazie ad un coriaceo livello supportivo localizzato nei pressi di area 1,30. Vediamo come operare

Gbp/Usd: area 1,30 ultimo baluardo per gli operatori rialzisti

Ufficio Studi Money.it

2 Aprile 2019 - 12:22

Gbp/Usd: area 1,30 ultimo baluardo per gli operatori rialzisti

I timori per una «hard Brexit» hanno riacceso le velleità ribassiste su Gbp/Usd. La struttura tecnica del cambio suggerisce di attendere una reazione in area 1,30 prima di valutare qualche strategia operativa

La Sterlina britannica a 1,30 $ incorpora scenario soft Brexit

Alessio Trappolini

2 Aprile 2019 - 11:01

La Sterlina britannica a 1,30 $ incorpora scenario soft Brexit

Dalle sale operative londinesi di ActivTrades ne sono convinti: i mercati vedono ancora una Brexit ‘soft’ come il risultato più probabile del processo. Uno scenario ‘no deal’ potrebbe vedere la sterlina scendere sino a $ 1,20, potenzialmente $ 1,10